Dieta dopo la gastrectomia: cosa mangiare?

Dopo la gastrectomia, la dieta deve essere adattata per garantire una buona digestione ed evitare carenze di nutrienti essenziali.
Dieta dopo la gastrectomia: cosa mangiare?

Ultimo aggiornamento: 16 settembre, 2022

La dieta dopo la gastrectomia deve proporre una serie di modifiche per migliorare lo stato di salute del paziente e prevenire sintomi e alterazioni della funzione digestiva.

la gastrectomia è un intervento chirurgico in vengono asportate alcune parti dello stomaco, solitamente a causa di ulcere o cancro gastrico. Nel peggiore dei casi, comporta la rimozione dell’intera sacca addominale.

Tutti gli interventi invasivi in cui si riduce la funzionalità o la superficie di un organo richiedono adattamenti negli stili di vita successivi. Sebbene sia possibile tornare ad una situazione normale, vale la pena prendere alcune precauzioni e mantenerle nel tempo.

Alterazioni frequenti dopo la gastrectomia

Quando si esegue una gastrectomia, nei mesi seguenti possono verificarsi le seguenti alterazioni:

  • Ridotta capacità gastrica.
  • Diminuzione della produzione di succhi gastrici.
  • Maggiore velocità nelle evacuazioni.

Nel caso in cui l’intero stomaco venga rimosso, gli aggiustamenti dietetici devono essere ampi. In caso contrario, potresti soffrire di un grave deficit nutrizionale. Non bisogna dimenticare che anche in questo ambito si sperimentano processi di assorbimento o attivazione di importanti nutrienti.

Per questo motivo sarà necessario compensare con altre strategie per evitare disturbi nella digestione di carboidrati e proteine. Come regola generale, in queste situazioni, vanno privilegiati gli alimenti più digeribili, anche integrandoli con integratori enzimatici.

Alterazioni frequenti nel paziente con gastrectomia
Chi ha subito una gastrectomia deve realizzare una serie di aggiustamenti dietetici per evitare complicazioni dopo l’intervento.

Per saperne di più: Dieta saziante: dimagrire senza patire la fame

La dieta dopo la gastrectomia

La nutrizione postoperatoria viene spesso avviata con fluidi per controllare accuratamente volumi e tempi. Inizialmente si somministrano solo acqua, camomilla, brodi sgrassati e acqua di riso.

Quindi, la quantità inizia ad aumentare e, a poco a poco, gli alimenti con una digestione più complessa vengono inseriti attraverso un tubo. Idealmente, inizia con cracker a basso contenuto di grassi, pane bianco e frullati di verdure.

Successivamente, la tolleranza digestiva del paziente aumenterà. Quando ciò si verifica, bisognerà includere gli alimenti proteici nella dieta per evitare il catabolismo e mantenere le funzioni fisiologiche. La cosa più comune è optare per pollo, pesce e persino riso. Anche i frutti di bosco avranno la precedenza.

Da qui inizia un processo di transizione verso una dieta normale. Naturalmente, il cibo dovrebbe essere sempre offerto a una temperatura calda, non calda, e si deve prestare grande attenzione alla tolleranza individuale. Se un prodotto provoca disagio, dovrebbe essere rimosso dalla dieta in modo permanente.

Gestione del dumping

Il paziente che ha subito la gastrectomia porterà il cibo nell’intestino più rapidamente. Anche in quantità superiori al normale. Pertanto, non sorprende che dal 20 al 40% di coloro che hanno subito questo intervento soffra di sindrome da dumping. I sintomi includono quanto segue:

In generale, queste manifestazioni si verificano durante i pasti o circa 30 minuti dopo. Per evitare ciò, sarà necessario controllare le porzioni che vengono consumate in ogni assunzione.

Allo stesso modo, dovrebbero essere evitati cibi irritanti che possono stimolare la peristalsi, come quelli dal sapore piccante. Né è conveniente mangiare spezie culinarie in grandi quantità.

Raccomandazioni nutrizionali

Come regola generale, dovresti mangiare un paio di porzioni di carboidrati semplici al giorno. Anche se con attenzione. Esagerare potrebbe comportare una maggiore incidenza di patologie metaboliche. Lo conferma uno studio pubblicato sulla rivista Current Diabetes Reports. Basteranno un paio di cucchiai di miele o zucchero.

Allo stesso tempo, è fondamentale aumentare l’assunzione di proteine per evitare la perdita di peso. Si tratta di nutrienti che si sono rivelati determinanti per arginare il catabolismo. Sarebbero necessari almeno 0,8 grammi di proteine per chilo di peso al giorno per garantire che le funzioni fisiologiche siano svolte in modo efficiente.

Tra l’altro, sarà necessario sottolineare il consumo di acidi grassi della serie omega 3. Questi lipidi hanno un potere antinfiammatorio, secondo recenti studi. Pertanto, possono ridurre molti sintomi digestivi e migliorare la qualità della vita dei pazienti.

Per quanto riguarda la distribuzione dei pasti, è meglio fare piccole assunzioni ogni 2 o 3 ore. Le temperature estreme degli alimenti dovrebbero essere sempre evitate e si consiglia di mangiare lentamente e di masticare bene. La tolleranza al lattosio deve essere valutata su base individuale.

Omega 3
Gli alimenti che forniscono proteine e omega 3 svolgono un ruolo importante nella salute dei pazienti che hanno subito una gastrectomia.

Attenzione alla dieta dopo la gastrectomia

Migliorare la dieta del paziente con gastrectomia è decisivo per poter recuperare una buona qualità di vita. Ciò impedirà alterazioni dello stato di salute e futuri sintomi gastrointestinali. Sarà fondamentale prestare attenzione alle raccomandazioni citate e, in caso di dubbio, consultare sempre lo specialista.

Per finire, va notato che in alcune occasioni potrebbe essere necessario includere alcuni supplementi nella linea guida per correggere o evitare carenze. In questo caso, devi prima recarti presso l’ufficio del nutrizionista per valutare se ci sono situazioni di deficit.

Potrebbe interessarti ...
Abitudini che causano il reflusso gastroesofageo
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Abitudini che causano il reflusso gastroesofageo

Alcune abitudini causano il reflusso gastroesofageo o lo peggiorano. Scoprite le più comuni e prevenite bruciore e dolore.



  • Yoshida, Y., & Simoes, E. J. (2018). Sugar-Sweetened Beverage, Obesity, and Type 2 Diabetes in Children and Adolescents: Policies, Taxation, and Programs. Current diabetes reports18(6), 31. https://doi.org/10.1007/s11892-018-1004-6
  • Prokopidis, K., Cervo, M. M., Gandham, A., & Scott, D. (2020). Impact of Protein Intake in Older Adults with Sarcopenia and Obesity: A Gut Microbiota Perspective. Nutrients12(8), 2285. https://doi.org/10.3390/nu12082285
  • Calder P. C. (2017). Omega-3 fatty acids and inflammatory processes: from molecules to man. Biochemical Society transactions45(5), 1105–1115. https://doi.org/10.1042/BST20160474