Enterite: che cos'è, cause, sintomi e trattamento

La mucosa del tubo digerente può essere colpita in diverse situazioni. Diarrea, vomito e fastidio addominale sono i primi sintomi di enterite.
Enterite: che cos'è, cause, sintomi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 09 agosto, 2022

Le malattie del sistema gastrointestinale sono condizioni frequenti e ad alto impatto. L’enterite è una patologia associata al consumo di cibo contaminato, alla radioterapia e all’uso di determinati farmaci. Successivamente, vi diciamo tutto ciò che bisogna sapere su questa malattia.

Quando si parla di enterite ci si riferisce all’infiammazione delle anse intestinali, in particolare dell’intestino tenue. Questa è una causa comune di disagio addominale, diarrea e vomito.

Di solito la risoluzione è spontanea. Tuttavia, alcune persone possono subire complicazioni a causa della disidratazione.

Esistono diverse condizioni associate allo sviluppo dell’enterite, con l’infezione da virus o batteri come causa principale. Gli studi stimano una maggiore incidenza nei bambini sotto i 5 anni di età e negli anziani.

Sintomi comuni di enterite

Le manifestazioni cliniche dell’enterite sono il risultato di un’infiammazione della mucosa intestinale. In caso di infezione batterica o virale, i sintomi compaiono entro le prime 24-72 ore dall’esposizione.

Diarrea e dolore addominale sono i sintomi più comuni dell’enterite. La diarrea di solito si manifesta improvvisamente, è grave e in alcune persone può essere accompagnata da muco e sangue.

Altre manifestazioni sono le seguenti:

  • Mal di testa.
  • Febbre e brividi.
  • Perdita di appetito
  • Nausea e vomito.
  • Coliche o crampi addominali.

Cause di enterite

Il consumo di cibi e bevande contaminati da virus o batteri è la causa più frequente di enterite. L’infiammazione dell’intestino tenue può diffondersi e compromettere lo stomaco e l’intestino crasso, portando rispettivamente a gastrite e colite.

L’enterite è classificata in base alle cause che la originano. In questo senso, possiamo trovare le seguenti forme di presentazione.

1. Enterite batterica

La colonizzazione dell’intestino tenue da parte dei batteri avviene solitamente attraverso l’ingestione di acqua e latte contaminati, carni poco cotte e prodotti scarsamente conservati. Le cattive condizioni igieniche e la manipolazione non sicura degli alimenti aumentano il rischio di infezione.

Gli studi affermano che i principali batteri correlati all’enterite sono Salmonella, Campylobacter jejuni, Shigella, Escherichia coli e Vibrio cholerae.

Batteri che causano l'enterite.
L’enterite da E. coli è la causa più comune di diarrea del viaggiatore.

2. Enterite virale

I virus sono i principali responsabili delle infezioni gastrointestinali e della diarrea nei bambini. Nella maggior parte delle persone, i quadri clinici sono autolimitati e possono essere complicati nei pazienti immunocompromessi.

La ricerca suggerisce che i rotavirus sono la principale causa di grave diarrea nei bambini di età inferiore ai 5 anni. Anche gli astrovirus, i calicivirus e gli adenovirus enterici sono importanti agenti eziologici della malattia.

La vaccinazione contro il rotavirus è uno strumento di prevenzione molto importante.

3. Enterite da radiazioni

Questa forma di enterite è causata dall’esposizione alla radioterapia dell’addome, del bacino o del retto. Per questo motivo, di solito è più comune nelle persone con cancro del tratto gastrointestinale o degli organi genito-urinari.

L’infiammazione dell’intestino scompare dopo un paio di settimane dalla fine del trattamento. Tuttavia, in alcune persone persiste per mesi e persino anni. È associato ad anemia cronica e parziale ostruzione intestinale, secondo gli studi.

4. Enterite autoimmune

Questa forma è un’infiammazione della mucosa intestinale che si verifica a seguito di un funzionamento anomalo del sistema immunitario (a causa del morbo di Crohn e del lupus, ad esempio). Anticorpi e globuli bianchi riconoscono le proprie cellule intestinali come estranee e le attaccano, causando la condizione.

5. Enterite da farmaco

In alcune persone, questo disturbo si verifica come effetto collaterale dell’assunzione di determinati farmaci. Esempi sono i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l’ibuprofene e il naprossene. Allo stesso modo, anche il consumo di droghe come la cocaina favorisce lo sviluppo dell’enterite.

6. Enterite da intossicazione alimentare

Questa variante è prodotta dall’azione delle tossine batteriche sul tessuto dell’intestino tenue. Si verifica dopo l’ingestione di alimenti scarsamente trasformati e in cattive condizioni igieniche. Gli agenti responsabili includono alcuni ceppi di Staphylococcus aureus ed E. coli ceppo O157:H7.

Principali complicazioni

La disidratazione è la principale complicazione a breve termine nelle persone con enterite. Si verifica a causa della perdita di liquidi causata da diarrea prolungata e persistente.

Nei neonati e nei bambini piccoli, la disidratazione è generalmente più grave e si instaura più rapidamente. Per questo motivo, in questi piccoli pazienti è essenziale un’adeguata reintegrazione dei liquidi.

Come viene diagnosticata?

La diagnosi di enterite si basa su manifestazioni cliniche e test complementari. Il medico effettuerà un’adeguata interrogazione su viaggi recenti, tipo di dieta e storia di malattie familiari.

Inoltre, l’esame fisico dettagliato fornirà dati preziosi. Sospettando un’enterite batterica, è possibile richiedere una coltura delle feci per identificare il microrganismo responsabile. Allo stesso modo, se i sintomi persistono, il professionista può richiedere la valutazione del tubo digerente mediante endoscopia o colonscopia.

Idratazione per enterite in un paziente di sesso maschile.
Garantire un’adeguata idratazione è essenziale nei pazienti con enterite, quindi una diagnosi precoce migliora la prognosi.

Trattamento e prognosi

Nella maggior parte dei casi, l’enterite è autolimitante e scompare entro un paio di giorni. Pertanto, il trattamento mira ad alleviare i sintomi e fermare la disidratazione.

La reidratazione orale con preparati commerciali è indicata per bilanciare la perdita di elettroliti e minerali da vomito e diarrea. In alcune persone con grave disidratazione, è necessaria la somministrazione di liquidi per via endovenosa.

Gli antibiotici possono essere indicati per uccidere l’organismo incriminato o ridurre la crescita eccessiva di batteri (nell’enterite da radiazioni). L’uso di antidiarroici senza previa indicazione medica non è raccomandato, poiché potrebbero peggiorare la condizione.

È possibile prevenire l’enterite?

Diverse misure possono essere adottate per ridurre il rischio di enterite da cibo e acqua contaminati. Alcuni dei principali consigli sono i seguenti:

  • Refrigerare bene il cibo.
  • Tieni aggiornato il calendario delle vaccinazioni.
  • Evitare di bere acqua di origine sconosciuta.
  • Garantire la pulizia degli strumenti da cucina.
  • Evitare il contatto tra carne cruda e verdure.
  • Cuocere correttamente il cibo, in particolare la carne.
  • Lavarsi le mani con abbondante acqua e sapone dopo aver usato il bagno e prima di mangiare.

Quando rivolgersi al medico?

Si consiglia di consultare un medico se i sintomi persistono per più di una settimana. Allo stesso modo, la presenza di segni di disidratazione, come pelle pallida, sudori freddi, palpitazioni e sonnolenza, richiedono un approccio professionale il prima possibile.

Altri segnali di allarme sono la comparsa di sangue abbondante nelle feci e una febbre superiore a 39°C. In ogni caso, gli operatori sanitari sono gli unici formati per fornire le cure necessarie ed evitare complicazioni fatali.

La mancanza di monitoraggio e controllo professionale potrebbe avere gravi conseguenze. Quindi non esitate a consultare un medico specialista se avete dubbi su questa patologia.

Potrebbe interessarti ...
Disidratazione: sintomi e rimedi
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Disidratazione: sintomi e rimedi

Un adeguato consumo di acqua, e dunque scongiurare la disidratazione, è una abitudine salutare che dovrebbero incorporare tutti nella propria routi...



  • Yalda Lucero A. Etiología y manejo de la gastroenteritis aguda infecciosa en niños y adultos. Revista Médica Clínica Las Condes. 2014;25(3):463-472.
  • Solano-Iturri G, Rámiz-Martínez M, de la Guerra-Acebal C, García-Jiménez N. Enteritis por radiación (forma diferida crónica). Gaceta Médica de Bilbao. 2010;107(2):68-71.
  • Paredes S, Roca J. Infecciones gastrointestinales. Offarm. 2004; 23(5):100-106.
  • De Cal I, Mohedano R, Sánchez A. Rotavirus y otros virus productores de gastroenteritis aguda en la infancia. Enfermedades Infecciosas y Microbiología Clínica. 2008; 26(13): 61-65.
  • Hale MF. Radiation enteritis: from diagnosis to management. Curr Opin Gastroenterol. 2020 May;36(3):208-214.
  • Chigerwe M, Heller MC. Diagnosis and Treatment of Infectious Enteritis in Adult Ruminants. Vet Clin North Am Food Anim Pract. 2018 Mar;34(1):119-131.