Febbre maculosa delle Montagne Rocciose: sintomi e trattamento

La febbre maculosa delle Montagne Rocciose è una malattia potenzialmente letale che viene trasmessa attraverso le punture di zecca. Nei casi di trattamento precoce, la prognosi è molto positiva.
Febbre maculosa delle Montagne Rocciose: sintomi e trattamento
Samuel Antonio Sánchez Amador

Scritto e verificato da il biologo Samuel Antonio Sánchez Amador.

Ultimo aggiornamento: 13 dicembre, 2022

La febbre maculosa delle Montagne Rocciose (RMSF) è una malattia batterica trasmessa dalle zecche. L’organismo infettante è Rickettsia rickettsii, un coccobacillo Gram-negativo endemico dell’America centrale, settentrionale e meridionale (in particolare degli Stati Uniti nordorientali).

Il numero di persone colpite da R. rickettsii è aumentato negli ultimi anni. Negli Stati Uniti, nel 2000, sono stati registrati 495 casi, mentre nel 2017 questa cifra è salita a 6.248 colpiti. Inoltre, poiché è molto difficile eseguire test sierologici affidabili, in molti casi non è del tutto chiaro quale agente sia la causa.

I primi sintomi della febbre maculata delle Montagne Rocciose sono un forte mal di testa e febbre alta, che sono accompagnati da un’eruzione cutanea su polsi e ginocchia. Se vuoi sapere tutto su questa patologia infettiva, continua a leggere.

Cos’è la febbre maculosa delle Montagne Rocciose?

La febbre maculosa delle montagne rocciose è definita come un’infezione batterica di natura febbrile, causata dal batterio Rickettsia rickettsii e trasmessa da varie specie di zecche (Ambliomma, Dermacentor e altre). Il suo trattamento è semplice nelle fasi iniziali, ma se non viene affrontato, ha un tasso di mortalità dell’80%.

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) riportano una serie di dati molto interessanti per comprendere la natura e la prevalenza della malattia negli Stati Uniti:

  • La febbre maculata delle montagne rocciose (RMSF) è una condizione segnalata a livello nazionale in questo paese dal 1920.
  • Oggi, tutti i quadri clinici simili a RMSF sono inclusi nella stessa categoria: rickettsiosi da febbre maculata (SFR). Poiché sono sierologicamente indistinguibili, questo include RMSF, rickettsiosi esantematica, Rickettsia parkeri rickettsiosi e febbre da zecche della costa del Pacifico.
  • Il tasso di mortalità per queste rickettsiosi è dello 0,5% di tutti i casi, con la febbre maculosa delle Montagne Rocciose che è la più letale. Nel caso di RMSF, circa il 10% dei quadri clinici è fatale.
  • Queste patologie si manifestano durante tutti i mesi dell’anno, ma la stagionalità è marcata, soprattutto nei mesi di maggio-agosto.

In media, ci sono circa 500-2.500 infezioni da R. rickettsii all’anno, ma solo il 20% delle volte sono le zecche che trasmettono l’agente patogeno trovato. Fortunatamente, nonostante il numero dei casi sia aumentato in modo esponenziale, il tasso di mortalità è inferiore, a causa dell’uso di farmaci appropriati.

Morso di zecca che trasmette la febbre maculata.
Le zecche sono vettori di varie patologie, alcune più gravi di altre e con tassi di mortalità diversi. La diagnosi è sempre difficile.

Per saperne di più: Malattia di Lyme: attenzione alle zecche

Cause

Per capire le cause della febbre maculosa delle Montagne Rocciose, dobbiamo analizzare i batteri e il vettore. Entrambi sono essenziali per la trasmissione della malattia.

A proposito del batterio

Il batterio Rickettsia rickettsii è un microrganismo intracellulare parassitario gram-negativo. È uno dei membri più patogeni del genere Rickettsia e ha una marcata incidenza nell’emisfero occidentale.

Come indicato dal portale StatPearls , una volta entrato nell’ospite, i batteri invadono l’interno delle cellule endoteliali, che sono quelle che rivestono la faccia interna dei vasi sanguigni e dei capillari. Ciò si traduce in un’infiammazione diffusa, perdita della funzione biologica delle barriere interne e permeabilità vascolare disfunzionale in tutto il corpo.

I batteri possono colonizzare organi come il cervello, la pelle e il cuore attraverso il flusso sanguigno. Per tutti questi motivi, il patogeno è considerato letale, soprattutto nei pazienti anziani e immunodepressi.

E le zecche?

La zecca è il vettore, cioè funge da veicolo di trasporto che permette ai batteri di entrare nel flusso sanguigno dell’ospite. I principali invertebrati portatori di questo patogeno sono Dermacentor variabilis, Dermacentor andersoni e Rhipicephalus sanguineus.

Come indicato dalla Mayo Clinic , la zecca deve rimanere sulla pelle dell’ospite per un periodo relativamente breve per trasmettere la malattia. A differenza di altre patologie causate da morsi, è sufficiente che aderisca per un paio d’ore, anche se è normale che passino 6-10 ore.

Si stima che l’1-3% delle zecche nelle zone di maggiore incidenza presentino i batteri al loro interno. Per questo motivo questa patologia è considerata rara, poiché non tutti i morsi danno luogo alla manifestazione del quadro clinico. I casi aumentano esponenzialmente in estate, quando questi invertebrati mostrano il loro picco di attività.

I sintomi della febbre maculosa delle montagne rocciose

Come indicato nei manuali MSD , i sintomi compaiono 3-12 giorni dopo la puntura di zecca. A causa dell’intervallo di tempo tra l’evento e lo sviluppo dei segni clinici, molti pazienti non ricordano di essere stati punti in primo luogo, il che rende il processo diagnostico ancora più difficile.

Dopo alcuni giorni compaiono sintomi come febbre alta e forti mal di testa. Tra il primo e il sesto giorno di febbre compaiono le famose eruzioni cutanee rosse su mani, caviglie, piedi e avambracci. Sono comuni anche le petecchie, formate dallo stravaso di eritrociti quando un capillare è danneggiato.

La pervietà cardiovascolare alterata e l’infiammazione diffusa si traducono in sintomi del sistema nervoso centrale (SNC). Tipici segni di questa patologia sono forti cefalea, confusione generalizzata e instabilità cardiovascolare.

Possibili complicazioni

Come indicato dalla National Library of Medicine degli Stati Uniti e da altre fonti, le complicanze se la malattia non viene trattata precocemente sono molto comuni. Dal 30 all’80% dei pazienti muore se non trattato.

Tra i possibili effetti più letali del batterio troviamo i seguenti:

  • Danno cerebrale: se i batteri migrano al cervello, si verifica un evento infiammatorio noto come encefalite. È caratterizzata da cefalea, febbre, affaticamento e, nei casi peggiori, perdita di coscienza con danno tissutale irreparabile.
  • Insufficienza cardiaca: ricordiamo che i batteri invadono l’endotelio dei vasi sanguigni. Questo può ostacolare il flusso sanguigno e portare a problemi di coagulazione.
  • Endocardite: se i batteri raggiungono il cuore, possono causare l’infiammazione dei suoi tessuti.

Diagnosi e trattamento

Come abbiamo detto, è praticamente impossibile distinguere tra le rickettsiosi. Per questo, di solito vengono eseguiti esami del sangue sul paziente, ma richiedono diverse settimane. Se il professionista sospetta la febbre maculata delle Montagne Rocciose, il trattamento antibiotico viene avviato immediatamente.

Il trattamento precoce ha ridotto il tasso di mortalità dal 20% al 5% negli ultimi anni, quindi è fondamentale rivolgersi immediatamente al medico di fronte a sintomi rilevanti. Il farmaco di scelta è sempre la doxiciclina.

La sostanza viene somministrata per via orale se l’infezione è lieve, ma viene utilizzata la via endovenosa se la condizione è grave. La febbre scompare nei primi 3 giorni dopo l’inizio del trattamento, anche se il farmaco deve essere assunto per 7 giorni, senza eccezioni.

Gli antibiotici di solito non sono prescritti per le persone che sono state morsi da una zecca ma non hanno sintomi. In ogni caso non fa mai male avvisare gli operatori sanitari del morso.

Luoghi ad alta prevalenza di zecche.
L’estate è il periodo in cui si concentra il maggior numero di casi di febbre maculosa delle Montagne Rocciose, perché aumentano le attività all’aperto.

Prevenzione della febbre maculosa delle Montagne Rocciose

Questa patologia è considerata rara, poiché solo un massimo del 3% delle zecche ha i batteri al loro interno. In ogni caso, puoi sempre prendere alcune misure preventive quando esci sul campo, come indossare abiti lunghi, auto-esaminarsi dopo una passeggiata o usare repellenti per insetti.

È anche positivo sverminare gli animali domestici e disinfettare qualsiasi superficie su cui vive un cane, di tanto in tanto. Ricordiamo che il Rhipicephalus sanguineus può trasmettere la malattia e questa è la zecca tipica dei canini domestici.

Una patologia che ha una cura

La febbre maculosa delle Montagne Rocciose non è contagiosa e quindi il paziente non necessita di isolamento sociale. Se rilevata e trattata precocemente, la prognosi è molto positiva, poiché praticamente tutti i casi si risolvono entro un massimo di 7 giorni dalla somministrazione di doxiciclina.

Patologie come questa evidenziano la necessità di cura di sé e di vigilanza quando si interagisce con gli animali domestici o, in mancanza, durante le passeggiate e le attività in campagna. È sempre una buona idea andare con un partner e controllarsi a vicenda per verificare la presenza di zecche alla fine della giornata.

Potrebbe interessarti ...
Viaggio ai tropici: tutte le regole per godersi una meta da sogno
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Viaggio ai tropici: tutte le regole per godersi una meta da sogno

Il viaggio ai tropici è un'esperienza meravigliosa, ma comporta un certo rischio, ad esempio malattie come la dengue o la febbre gialla.




Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.