Giornata Mondiale della Polmonite: dobbiamo darle più attenzione

La polmonite è la malattia infettiva più letale. La conoscenza dei suoi sintomi da parte della popolazione favorisce l'intervento immediato ed evita complicazioni.
Giornata Mondiale della Polmonite: dobbiamo darle più attenzione
Mariel Mendoza

Scritto e verificato da la dottoressa Mariel Mendoza.

Ultimo aggiornamento: 23 novembre, 2022

Il 12 novembre di ogni anno si celebra la Giornata Mondiale della Polmonite. La sua celebrazione mira ad aumentare la visibilità della polmonite con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza di questa malattia da parte di tutti, compresa la popolazione in generale, compresi rischi e cause.

La polmonite è una malattia infettiva e infiammatoria che può essere causata da più virus, batteri o funghi. In questo articolo ti diciamo tutto al riguardo.

Celebrazione della Giornata Mondiale della Polmonite

La Giornata mondiale della polmonite è stata istituita nel 2009 dall’iniziativa Stop Pneumonia, con l’obiettivo di aumentare la visibilità e migliorare l’azione globale contro questa malattia.

Quest’anno 2022, lo slogan è “la polmonite colpisce tutti”. Circa 2,5 milioni di persone, compresi bambini e adulti, muoiono ogni anno di polmonite. Pertanto, è utile rendere visibile il problema e diffondere materiale medico sulla sua prevenzione, diagnosi e trattamento.

La Global Coalition Against Childhood Pneumonia è una rete di organizzazioni internazionali (governative, non governative e comunitarie), istituzioni accademiche e di ricerca, fondazioni e alcuni individui.

Questa organizzazione pianifica eventi in commemorazione della Giornata mondiale della polmonite per attirare l’attenzione degli operatori sanitari, della popolazione in generale, delle persone dedite alla politica e di coloro che sostengono finanziariamente la polmonite come problema di salute pubblica.

Epidemiologia della polmonite

Giornata mondiale della polmonite: dobbiamo darle più attenzione
Essere vaccinati contro la polmonite è uno dei modi migliori per prevenire la malattia.

La polmonite rappresenta la malattia infettiva con il più alto tasso di mortalità, essendo la principale causa di morte nei bambini di età inferiore ai 5 anni. A livello globale, si stima che più di 700.000 bambini muoiano di polmonite ogni anno.

Tuttavia, rispetto all’anno 2000, si stima che il tasso di mortalità infantile sia diminuito di circa il 47%. Ciò è stato possibile grazie all’attuazione di campagne di immunizzazione, miglioramenti nella nutrizione e diagnosi e cure tempestive.

Conoscere la polmonite

La polmonite provoca un’infiammazione del parenchima dei polmoni secondaria a un’infezione causata da alcuni germi. Possono essere batteri, virus o funghi e interessano uno o entrambi i polmoni. Oltre alla polmonite infettiva, c’è quella associata all’inalazione di sostanze chimiche o tossiche.

La polmonite acquisita in comunità è una causa molto frequente di morbilità e mortalità e la maggior parte dei suoi episodi sono di eziologia batterica. Questo tipo di polmonite comprende tutte quelle che si verificano al di fuori dell’ambiente ospedaliero.

I batteri che causano la polmonite

L’agente patogeno più frequentemente isolato nella polmonite è lo Streptococcus pneumoniae. È seguito in frequenza da microrganismi come Haemophilus influenzae, Mycoplasma pneumoniae, Chlamydophila pneumoniae e virus respiratori: virus respiratorio sinciziale, adenovirus, rhinovirus e virus dell’influenza. Attualmente, il COVID-19 è incluso tra i suoi casi.

Nei bambini di età inferiore ai 2 anni, la polmonite associata a un’infezione virale è più comune di quella associata a un’infezione batterica. I casi più gravi sono solitamente legati a Staphylococcus aureus, bastoncini gram-negativi e Leginonella spp.

Diagnosi

Per prevenire il raffreddore in un bambino, l'allattamento al seno dovrebbe essere promosso
L’allattamento al seno esclusivo per i primi 6 mesi di vita aiuterebbe a prevenire la polmonite.

Nella polmonite, c’è un’infiammazione dello spazio alveolare all’estremità delle vie aeree. Per questo motivo si ha un’alterazione degli scambi gassosi che può portare ad una diminuzione della disponibilità di ossigeno nel sangue e nei tessuti.

La sua evoluzione è acuta, con malessere, febbre, brividi, mancanza di respiro, aumento dei respiri al minuto o tempo espiratorio, presenza di espettorazione con muco e, talvolta, aumento della frequenza cardiaca al minuto.

Può anche essere associata ipossia (ridotta concentrazione di ossigeno nel sangue). I sintomi tendono a essere confusi con quelli della bronchite. La diagnosi inizia dal punto di vista clinico con l’anamnesi e l’esame obiettivo. L’ossimetria dovrebbe essere inclusa per monitorare la concentrazione di ossigeno.

Per confermare la diagnosi viene utilizzata la radiografia del torace, che mostra la presenza di infiltrati polmonari. Inoltre, per iniziare il trattamento empirico viene utilizzato un laboratorio di base (CBC con conta leucocitaria). Occasionalmente sono indicate colture di grammo ed espettorato.

Il trattamento tempestivo della polmonite è essenziale

Non è possibile confermare l’origine eziologica dell’infezione solo da reperti clinici e radiologici; di solito sono necessari ulteriori studi. Tuttavia, di solito viene iniziata la terapia antibiotica empirica (uso di antibiotici ad ampio spettro).

La storia del viaggio o dell’esposizione a malattie endemiche ci consente di sospettare o prevedere l’eziologia. La gestione antibiotica è il trattamento di scelta. Inoltre, a tutti coloro che soffrono di polmonite si raccomanda il riposo, un’adeguata idratazione e il controllo e la gestione della febbre secondo necessità. Quando l’eziologia specifica è nota, viene utilizzato un antibiotico mirato.

Fattori di rischio associati

Le persone più a rischio di contrarre la polmonite sono quelle di età superiore a 65 anni e quelle di età inferiore a 2 anni, o quelle con altri problemi di salute concomitanti.

Altri fattori di rischio associati sono la presenza di polmonite ricorrente, malattie croniche (cardiorespiratorie, immunitarie o neuromuscolari), esposizione diretta o indiretta al fumo di tabacco e inquinanti ambientali, vita in condizioni di sovraffollamento, mancata vaccinazione e, nel caso di bambini, non allattamento al seno, così come la prematurità e il basso peso alla nascita.

La maggior parte delle persone più vulnerabili alla malattia, così come alle sue complicazioni, si trovano nei paesi a basso reddito dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina.

La chiave nella lotta contro la polmonite è la prevenzione

La Giornata mondiale della polmonite mira a educare e responsabilizzare le famiglie nella prevenzione e nella diagnosi precoce della malattia, oltre a migliorare il sistema sanitario.

Quando si verifica l’infezione, la risoluzione dipende da un buon trattamento. I vaccini possono prevenire le morti per polmonite, così come l’allattamento al seno esclusivo per i primi sei mesi di vita, una buona alimentazione, la decontaminazione dell’aria, il lavaggio delle mani e l’accesso all’acqua pulita.

Ciononostante, le principali misure per prevenire la polmonite acquisita in comunità comprendono il trattamento del fumo, la promozione di programmi di immunizzazione anti-influenzale e antipneumococcica nelle popolazioni a rischio.

Potrebbe interessarti ...
Vaccino contro la polmonite negli anziani
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Vaccino contro la polmonite negli anziani

Il vaccino contro la polmonite è stato autorizzato per la prima volta nel 1977. La polmonite è un'infezione polmonare. Scoprite di più.