Gli effetti dei cibi ultralavorati sulla salute mentale

Il consumo di cibi ultralavorati genera una serie di rischi per la salute mentale e per il funzionamento del sistema nervoso che vale la pena conoscere. Ne parliamo in questo articolo.
Gli effetti dei cibi ultralavorati sulla salute mentale
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 06 novembre, 2022

I cibi ultralavorati hanno una serie di effetti negativi sulla salute mentale. Questi prodotti concentrano sostanze infiammatorie che possono alterare la plasticità neuronale.

Questi tipi di prodotti alimentari è realizzata con additivi artificiali di dubbia qualità che potrebbero influenzare anche il microbiota, a causa del passaggio di sostanze tossiche nell’area cerebrale.

Effetti dei cibi ultralavorati sulla salute mentale

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Neurology, l’assunzione regolare di prodotti industriali ultra-lavorati aumenta la probabilità di sviluppare demenza e altre patologie neurodegenerative. Uno dei motivi è che la sua presenza nella dieta influenza l’accumulo di tossine nel corpo, come nel caso dei composti beta-amiloidi.

I cibi ultralavorati possono favorire la genesi dei radicali liberi nell’organismo e la loro successiva deposizione nei tessuti. Per cui aumenta la velocità dei processi di invecchiamento. È stato persino possibile collegare l’assunzione di questi prodotti con una maggiore fragilità negli anziani, secondo uno studio pubblicato su The Journals of Gerontology.

Infine, studi recenti associano la presenza di alimenti industriali trasformati nella dieta con una maggiore prevalenza di depressione negli adulti. Il rischio è ancora maggiore quando il livello di attività fisica è basso.

È indispensabile migliorare la dieta ed evitare una vita sedentaria quando l’obiettivo è mantenere una buona salute.

In ogni caso, non tutti i cibi ultralavorati sono dannosi allo stesso modo. I peggiori sono quelli realizzati con grassi di scarsa qualità, come l’olio di cocco raffinato o l’olio di palma. Questi sono i più pericolosi.

Cervello colpito da cibi ultraprocessati.
A livello biologico, il cervello può accumulare tossine dai cibi ultralavorati.

Leggi anche: Effetti della dieta sulla pelle: quali sono?

Effetti sul microbiota

La stretta comunicazione che esiste tra l’intestino e il cervello è in gran parte mediata dal microbiota, l’insieme di microrganismi che abitano il tubo digerente.

Pertanto, il mantenimento della loro diversità e densità aiuterà a ridurre il rischio di sperimentare patologie. Tra queste, depressione, ansia e malattie neurodegenerative.

La dieta può condizionare notevolmente il funzionamento del microbiota e le sue caratteristiche. Zuccheri semplici, additivi artificiali e grassi trans influiscono negativamente sui microbi nel tratto digestivo. Pertanto, sarà più probabile che le tossine attraversino la barriera intestinale e raggiungano il sangue, distribuendosi poi attraverso i diversi tessuti.

Per evitare questo problema, non solo è necessario ridurre il consumo di alimenti ultra-lavorati, ma sarà determinante inserire nella routine alimenti fermentati di origine casearia e fibre in quantità sufficiente. In questo senso, le principali linee guida dietetiche raccomandano l’assunzione di almeno 25 grammi di fibre ogni giorno per sperimentarne i benefici.

Non tutte le fibre generano lo stesso effetto. Quello che ha il maggior impatto sul microbiota è il tipo solubile. Questo aumenta di dimensioni con l’acqua e fermenta. Funge da substrato energetico per i batteri e grazie ad esso vengono sintetizzati composti antinfiammatori, come gli acidi grassi a catena corta.

Un microbiota sano per curare la depressione

L’asse microbiota-intestino-cervello è sempre più studiato. Recenti ricerche hanno scoperto che sarebbe possibile migliorare le condizioni cliniche di salute mentale con una corretta ricomposizione del microbiota.

In altre parole, i probiotici potrebbero essere aggiunti al trattamento della depressione nel prossimo futuro. I modulatori della flora batterica potrebbero aumentare la risposta dei pazienti agli antidepressivi.

Seguendo lo stesso pensiero, la riduzione degli alimenti ultra-lavorati nella dieta sarebbe un fattore protettivo per la salute mentale. La sua riduzione nella linea guida migliorerebbe il microbiota e, con esso, verrebbe controllato il rischio di avanzare verso stati clinici depressivi o ansiosi.

Dieta per ridurre la depressione.
Il ruolo della dieta sarebbe fondamentale nel trattamento dei sintomi depressivi, al di là dell’uso di farmaci.

Leggi anche: Gestire la depressione: 5 utili consigli

I cibi ultralavorati danneggiano la salute mentale

I cibi ultralavorati hanno un effetto negativo sulla salute mentale delle persone. Aumentano i livelli di infiammazione e ossidazione nel corpo. Possono anche presentare elementi tossici che si accumulano nei tessuti e interferiscono con il normale funzionamento della fisiologia.

Per questo motivo la loro presenza nella dieta deve essere limitata il più possibile.

Mantenere una buona routine aiuterà a migliorare la salute mentale. Un aspetto essenziale è la qualità del sonno, così come l’esercizio fisico e le sane abitudini.

La salute mentale è complessa. Il suo miglioramento o peggioramento non può essere attribuito a un singolo fattore. Anche così, il ruolo dei cibi ultralavorati sembra essere evidente.

Potrebbe interessarti ...
Nutrienti essenziali in una dieta sana
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Nutrienti essenziali in una dieta sana

Sali minerali, vitamine, carboidrati, proteine e grassi: sono i 5 nutrienti essenziali in una dieta equilibrata e sana. Ecco a cosa servono e dove ...



  • Li H, Li S, Yang H, et al. Association of Ultraprocessed Food Consumption With Risk of Dementia: A Prospective Cohort [published online ahead of print, 2022 Jul 27]. Neurology. 2022;10.1212/WNL.0000000000200871. doi:10.1212/WNL.0000000000200871
  • Sandoval-Insausti H, Blanco-Rojo R, Graciani A, et al. Ultra-processed Food Consumption and Incident Frailty: A Prospective Cohort Study of Older Adults. J Gerontol A Biol Sci Med Sci. 2020;75(6):1126-1133. doi:10.1093/gerona/glz140
  • Gómez-Donoso C, Sánchez-Villegas A, Martínez-González MA, et al. Ultra-processed food consumption and the incidence of depression in a Mediterranean cohort: the SUN Project. Eur J Nutr. 2020;59(3):1093-1103. doi:10.1007/s00394-019-01970-1
  • Castañeda Guillot, Carlos. “Microbiota intestinal y trastornos del comportamiento mental.” Revista Cubana de Pediatría 92.2 (2020).
  • Jimenez-Badilla, Iveth, and Luis Acuña-Amador. “Evidencias clínicas del uso de moduladores de la microbiota intestinal para el tratamiento de trastornos mentales: una revisión bibliográfica sistemática.” Psiquiatría Biológica 28.2 (2021): 100315.