Idrocolonterapia: miti e realtà da conoscere

Esistono diverse terapie basate sul principio secondo cui la pulizia dell'intestino ha benefici per la salute. Tra queste, l'idroterapia del colon. Funziona?
Idrocolonterapia: miti e realtà da conoscere
Maryel Alvarado Nieto

Scritto e verificato da la dottoressa Maryel Alvarado Nieto.

Ultimo aggiornamento: 09 gennaio, 2023

La grande variabilità dell’abitudine evacuativa dipende, in gran parte, dal modo in cui si mangia. L’idea di “regolarità” ha indotto chi non va frequentemente in bagno a ricorrere a tecniche che aiutano il transito intestinale. Uno di questi metodi è l’idrocolonterapia o l’irrigazione del colon.

La stitichezza cronica colpisce dal 2 al 34% degli adulti in alcune società. Quindi è una condizione abbastanza comune.

L’insieme dei sintomi associati alla stitichezza porta chi ne soffre a cercare modi diversi per favorire il movimento intestinale. Popolare è l’uso di lassativi e clisteri, ma c’è chi ricorre a trattamenti più drastici, come l’irrigazione del colon.

Cos’è l’idrocolonterapia?

L’idrocolonterapia è una tecnica in cui un tubo viene inserito attraverso il retto per irrigare il colon. Lo scopo di questo metodo è quello di consentire un lavaggio esauriente dell’intestino, eliminando i residui di alimenti che sono presenti nella porzione finale del tubo digerente.

Per facilitare questa procedura sono disponibili diversi strumenti, dotati di opzioni regolabili che offrono all’operatore una maggiore libertà di manipolazione.

Questi dispositivi introducono grandi quantità di acqua nell’intestino (fino a 120 litri). Tuttavia, sono utilizzate anche altre sostanze, come caffè, infusi di erbe ed enzimi.

Di solito sono progettati per funzionare con pressioni che non superano i 120 millibar e mantenere una temperatura vicina alla temperatura corporea. Tuttavia, a seconda del dispositivo, quest’ultimapuò essere impostata tra 21 e 41 °C.

Seduta di irrigazione del colon

La durata approssimativa di una seduta è di 40 minuti, suddivisi in piccoli periodi di irrigazione. In totale, in una singola seduta si possono effettuare dalle 40 alle 60 irrigazioni, in ciascuna delle quali l’operatore introduce circa 2 litri di liquido.

L’idrocolonterapia viene eseguita da un idroterapista, che di solito non ha una formazione scientifica ma tecnica, per gestire l’attrezzatura.

Idroterapia del colon per alleviare la stitichezza
Le opzioni per affrontare la stitichezza sono varie. L’idroterapia è una delle più estreme.

Perché è nata l’idroterapia del colon?

L’irrigazione del colon è apparsa come risposta a una vecchia e controversa teoria, che negli ultimi decenni ha riguadagnato popolarità: l’autointossicazione. Questa convinzione presuppone che l’intestino crasso sia un semplice sistema fognario e colleghi la ritenzione dei rifiuti digestivi con la malattia.

L’ipotesi iniziale è che la putrefazione di questi materiali produca tossine, che vengono assorbite dall’organismo. Per questo motivo la stitichezza era considerata un nemico silenzioso, poiché permetteva alle feci di rimanere nell’intestino più a lungo.

Tali affermazioni furono smentite negli anni ’20. Attualmente la salute del colon ha riacquistato importanza, solo che lo scopo della ricerca è focalizzato sulla comprensione dell’interazione del microbioma con il resto del corpo.

L’idrocolonterapia ha dei benefici?

Questo metodo non ha supporto scientifico e la maggior parte dei medici è contraria.

Alcuni la considerano utile nella preparazione del colon prima di eseguire una colonscopia. I suoi sostenitori la propongono come tecnica di guarigione per una serie di condizioni, tra cui:

Gli idroterapisti sperano di aumentare il numero di clienti proponendo l’irrigazione del colon come risorsa efficace per il trattamento di altre condizioni. Queste affermazioni non hanno alcuna prova scientifica a sostegno, ma non esistono leggi che proteggano il paziente da tali affermazioni.

Le condizioni che vengono trattate includono:

  • Sinusite e altri disturbi respiratori.
  • Mal di testa ed emicrania ricorrenti.
  • Alitosi o alito cattivo.
  • Disordini mentali.
  • Disturbi della pelle.
  • Allergie.
  • Alcolismo.

Cosa dice la scienza?

Negli ultimi decenni, alcune ricerche stanno cercando di scoprire i reali benefici dell’idroterapia del colon. Ad esempio, in uno studio con pazienti con sindrome dell’intestino irritabile, sono state utilizzate apparecchiature per l’irrigazione del colon approvate dall’agenzia sanitaria taiwanese.

Le sessioni proposte erano meno drastiche, con tassi di irrigazione molto inferiori a quelli descritti nelle sessioni convenzionali. Il risultato dell’indagine mostra che c’è stato un miglioramento dei sintomi di questi pazienti.

Tuttavia, nello stesso studio i ricercatori descrivono i limiti dei loro risultati, poiché ha coinvolto un piccolo campione di popolazione e il tempo di follow-up dei pazienti è stato breve. D’altra parte, uno degli indicatori di efficacia era soggettivo e poteva essere il risultato di un effetto placebo.

Allo stesso modo, in un’altra serie di indagini effettuate su pazienti che presentavano costipazione cronica o diarrea, è stato raggiunto anche un miglioramento della sintomatologia. Ad ogni modo, il gruppo di persone non ha superato i 40 partecipanti.

Rischi dell’irrigazione del colon

Nonostante chi la pratica la proponga come una tecnica innocua, la realtà è ben diversa. Il rischio maggiore a cui è esposta una persona che si avvale di un idroterapista è la perforazione intestinale, che può innescare sepsi e squilibrio idroelettrolitico. Entrambe le condizioni sono mortali.

Quindi la sicurezza dell’idroterapia del colon è solo un mito. Inoltre, altri rischi includono contaminazione crociata, sintomi gastrointestinali post-sessione (nausea, vomito o diarrea), pienezza addominale e dolore all’ano.

Uomo con dolore all'ano dopo l'idroterapia del colon.
Dopo la seduta, è possibile che permangano dolore e disagio a causa della manipolazione effettuata con lo strumento.

Controindicazioni all’idrocolonterapia

Un elenco infinito rispetto a questa tecnica è composto da quei pazienti che in nessun caso dovrebbero andare da un idrocolonterapista. Queste controindicazioni includono:

  • Gravidanza.
  • Neoplasie.
  • Prolasso rettale.
  • Ernie addominali.
  • Emorragia digestiva.
  • Ragadi e fistole anali.
  • Malattia emorroidaria.
  • Storia clinica di radioterapia.
  • Ipertensione e malattie cardiache.

Una conclusione controversa

L’irrigazione del colon può avere una potenziale utilità nella gestione di alcuni pazienti con condizioni che interessano il tratto gastrointestinale. In particolare, disturbi dell’evacuazione.

In ogni caso, questa risorsa dovrebbe essere presa in considerazione solo nei pazienti nei quali il trattamento medico non è stato efficace. Allo stesso modo, la tecnica deve essere presa in considerazione prima di optare per un intervento chirurgico, poiché è meno invasiva.

Tuttavia, è bene accertarsi che l’attrezzatura sia solo per uso individuale e che le sue parti siano monouso, che venga utilizzata acqua corrente filtrata al posto di altre sostanze e che le quantità di liquido siano ridotte. È indispensabile una specifica formazione sull’uso di questi dispositivi per evitare gravi effetti secondari.

È di vitale importanza, in seguito, mantenere uno stretto follow-up medico. Sono tuttavia necessarie molte più ricerche al riguardo.

Occorre chiarire se siamo in presenza di una tecnica con un fattore di rischio/beneficio accettabile, in modo da poterla considerare come un’opzione. O se, al contrario, siamo ancora una volta influenzati da un mito.

Potrebbe interessarti ...
Anoscopia: cos’è e quando è indicata?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Anoscopia: cos’è e quando è indicata?

L'anoscopia è la tecnica utilizzata per l'ispezione interna dell'ano, del canale anale e della parte terminale del retto. In cosa consiste e quando...



  • Araujo, M.; Kraemer, P.; Evidencia Científica sobre la Efectividad y Seguridad de la Hidroterapia Colónica y la Mesoterapia; Unidad de Evaluación de Tecnologías de Salud; 2006.
  • Ernst, E.; Colonic Irrigation and the Theory of Autoitoxication: a Triumph of Ignorance over Science; Journal of Clinical Gastroenterology; 24 (4): 196 – 198; 1997.
  • Jarvis, W.; Colonic Irrigation; National Council Against Fraud; 2000.
  • Barret, S.; Gastrointestinal Quackery: Colonics, Laxatives and More; Quackwatch; 2010.
  • Hsu, H.; Leung, W.; Hu, G.; Treatment of Irritable Bowel Syndrome with a Novel Colonic Irrigation System: a Pilot Study; Techniques in Coloproctology; 20: 551 – 557; 2016.
  • Koch, S.; Melenhorst, J.; van Gemert, W.; Baeten, C.; Prospective Study of Colonic Irrigation for the Treatment of Defaecation Disorders; British Journal of Surgery; 95 (Issue 10): 1273 – 1279; 2008.
  • Manon, M.; Autointoxication and Historical Precursors of the Microbiome–Gut–Brain Axis; Microbial Ecology in Health and Disease; 29 (Issue 2); 2018.
  • Transcom S.L. San Sebastián; Hidroterapia del Intestino Grueso con Hydro-Colon; Natura Medicatrix; 36; 1994.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.