Quanto spesso si deve cambiare il cuscino? Scoprite come scegliere il più adatto a voi

Un cuscino "dà segnali" quando è il momento di sostituirlo. Non farlo ha conseguenze sul riposo e sulla salute.
Quanto spesso si deve cambiare il cuscino? Scoprite come scegliere il più adatto a voi

Ultimo aggiornamento: 02 maggio, 2023

Quando è stata l’ultima volta che avete rinnovato il letto con cuscini nuovi? Sono un elemento molto importante per un buon sonno. Se sono in cattive condizioni, causano disagio e fanno male alla salute. Ma ogni quanto occorre cambiare il cuscino?

Proprio come il materasso, i cuscini diventano meno performanti. Ciò significa che, una volta raggiunta la fine della loro vita utile, perdono il loro comfort. Inoltre, hanno un aspetto antiestetico e poco igienico.

Per avere sempre un cuscino piacevole e adatto alle nostre esigenze occorre capire quando è il momento giusto per sostituirlo e come prolungarne la durata. Continuate a leggere.

L’importanza di cambiare il cuscino

Un buon riposo è possibile solo quando c’è un allineamento tra la testa, il collo e la colonna vertebrale. Il cuscino ha un ruolo importante in questo senso.

Il sito Web de la Espalda fa riferimento all’efficacia dell’igiene posturale e dell’ergonomia nella prevenzione del mal di schiena. E questo è importante anche quando andiamo a letto. Le caratteristiche del cuscino e del materasso sono quindi fondamentali in questo processo.

Quando abbiamo un cuscino comodo, beneficiamo del riposo ristoratore che, come afferma la World Sleep Society, è necessario per le nostre attività quotidiane. La stessa organizzazione ha incluso l’uso di biancheria da letto confortevole e accogliente nella sua guida di suggerimenti, chiamata Healthier Sleep for Adults, e questa categoria comprende i cuscini.

Oltre a favorire un buon sonno e a prevenire il dolore, cambiando cuscino si contribuisce all’igiene e si riducono le allergie. Come è possibile? I fluidi corporei e le cellule morte della pelle aderiscono ai cuscini, rendendoli un terreno fertile per muffe, funghi e allergeni.

È quanto hanno concluso gli scienziati dell’Università di Manchester in un esperimento. I ricercatori hanno esaminato 10 cuscini sintetici e di piume, usati regolarmente per 20 anni. Hanno riscontrato un notevole carico di molte specie di funghi (ad esempio Aspergillus fumigatus).

Gli esperti segnalano che la vicinanza tra le vie respiratorie e i cuscini durante il sonno può provocare asma e sinusite.

Leggete anche: Meditare prima di dormire: benefici e come farlo correttamente

Ogni quanto tempo si dovrebbe cambiare il cuscino?

La Sleep Foundation afferma che, in teoria, i cuscini dovrebbero essere cambiati ogni 1 o 2 anni, poiché in questo modo si garantisce che siano di sostegno, puliti e privi di allergeni. È necessario che questi oggetti mantengano una condizione adeguata per sostenere la testa durante il sonno e favorire la postura rispetto alla colonna vertebrale.

Al di là del tempo, è il momento di sostituire il cuscino se si preferisce una forma diversa per sentirsi più comodi o se si verificano alcune delle seguenti condizioni.

Perdita di spessore

Ogni volta che si usa il cuscino, si comprime un po’, anche se non lo si nota. La compressione aumenta ogni notte; appiattendosi, il cuscino perde funzionalità e provoca disagio.

Deformità

Se il cuscino non è più morbido e risulta invece duro, è necessario sostituirlo. Le deformazioni indicano la necessità di cambiarlo.

Fate la seguente prova: prendete il cuscino e provate a piegarlo a metà. Ci siete riusciti? Allora è il momento di prenderne un altro.

Grumi o bitorzoli nel cuscino sono un altro motivo per cambiarlo.

In caso di allergia

I microrganismi come gli acari della polvere possono facilmente depositarsi sui cuscini. Gli effetti di questa contaminazione includono naso che cola, eruzioni cutanee, prurito alla gola e problemi respiratori.

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) suggerisce di utilizzare federe per cuscini a prova di allergeni. Questi dispositivi creano una barriera tra gli acari della polvere e la persona.

Tuttavia, si tratta di una misura che non si può protrarre per molti anni con lo stesso cuscino. È giusto mettere una copertura, ma alla fine della loro vita utile, sostituitelo con uno nuovo.

State cercando un’altra posizione per dormire

È possibile che a causa di alcuni problemi medici, di una gravidanza o di un infortunio, abbiate bisogno di una posizione specifica per dormire. In questi casi, l’Organizzazione dei Consumatori e degli Utenti (OCU) suggerisce di sostituire il vecchio cuscino con uno adatto.

Macchie ostinate e odori sgradevoli

Quelle macchie giallastre sul cuscino sono il risultato del sudore, degli olii del corpo, del fatto di essersi sdraiati con i capelli bagnati o degli escrementi degli acari della polvere. A ciò si aggiunge il cattivo odore che talvolta assume il cuscino. Se lavate il cuscino, ma il segno e l’odore persistono, è ora di sostituirlo.

Vi svegliate con dolori alla schiena e al collo

Svegliarsi con dolori al corpo, soprattutto nella regione delle spalle e del collo, è un altro segnale che occorre cambiare il cuscino. Un’analisi condotta dall’Università Norbert Wiener ha rilevato che l’efficacia dell’uso del cuscino influenza positivamente la riduzione del dolore al collo e il miglioramento del sonno. Questo indipendentemente dal materiale di fabbricazione e da altre caratteristiche del prodotto.

Ora che sapete ogni quanto cambiare il cuscino, vi mostriamo come scegliere il migliore

Tra le considerazioni per la scelta di un buon cuscino, una delle principali è il materiale. A seconda dell’imbottitura, offrirà più o meno comfort. L’imbottitura è legata anche alla durata del cuscino.

Per esempio, i cuscini in lattice sono più elastici, ipoallergenici e resistenti alla polvere. Possono durare fino a 4 anni. Lo stesso vale per i cuscini in schiuma viscoelastica triturata, progettati per adattarsi al collo e alle spalle.

I cuscini in piuma, con una buona manutenzione, durano dai 5 ai 10 anni. Quelli in materiale sintetico hanno la durata più breve; anche se sono ipoallergenici e possono essere lavati in lavatrice, dovrebbero essere utilizzati per un massimo di 2 anni.

In ogni caso, il cuscino che scegliete deve aiutarvi ad allineare la testa e il collo per un buon sonno. Se preferite dormire sul fianco, assicuratevi che il cuscino fornisca un sostegno solido; se vi piace dormire sulla schiena, cercate un cuscino di media consistenza; mentre, per dormire a pancia in giù, sarebbe meglio un cuscino morbido.

Come sostiene l’Associazione Argentina di Medicina del Sonno, la posizione in cui si riposa è un fattore determinante nell’acquisto di un cuscino. Da essa dipendono lo spessore e la durezza del prodotto scelto, che si traducono nel comfort di riposo desiderato.

Consigli utili per prendersi cura dei cuscini

Se è vero che i cuscini devono essere sostituiti ogni tanto, è anche vero che, prima del periodo suggerito dagli esperti, l’oggetto si deteriora. Come prolungare la vita dei cuscini? La chiave è la manutenzione.

È fondamentale rivestire i cuscini con federe protettive e lavabili. Se il produttore del cuscino lo indica sull’etichetta, lavatelo ogni 4 mesi in acqua calda per eliminare gli allergeni.

Pulite le macchie non appena si formano, in modo che non passino attraverso la fodera e danneggino il cuscino. Seguite questi consigli e vedrete come potrete mantenere i vostri cuscini in buone condizioni fino a quando dovranno essere sostituiti.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.



Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.