Sale nero: cos'è e a cosa serve?

Ti diciamo cos'è il sale nero, un condimento dai numerosi benefici che puoi inserire regolarmente nei tuoi piatti.
Sale nero: cos'è e a cosa serve?
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 27 ottobre, 2022

Il sale nero, o sale hawaiano, è un condimento che ha una serie di benefici per la salute, sempre se consumato con moderazione nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata.

È un tipo di sale grezzo di origine vulcanica, che gli conferisce una serie di proprietà particolari. Riesce ad esaltare i sapori molto di più rispetto al sale marino ed è inodore, sebbene sia di colore nero intenso.

Prima di iniziare, vale la pena sottolineare che per mantenere un buono stato di salute è fondamentale bilanciare l’apporto di sodio con quello di potassio. Questi minerali mostrano effetti antagonisti a livello di controllo della pressione sanguigna, quindi un apporto equilibrato migliorerà l’omeostasi del sistema cardiovascolare. Pertanto, molte patologie croniche e complesse potrebbero essere prevenute.

Benefici del sale nero

Cos'è il sale nero e a cosa serve?
Il sale nero non è forte come il sale raffinato, ma apporta numerosi benefici all’organismo.

Il sale nero è composto da minerali come zolfo, ferro, cloruro di sodio, cloruro di potassio e vari composti solforati. Questo gli conferisce particolari proprietà nutritive e organolettiche.

Non dobbiamo dimenticare che l’assunzione di sodio continua a generare non poche polemiche all’interno della comunità scientifica per il suo ruolo nella patologia cardiovascolare. Lo conferma uno studio pubblicato sul Journal of American College of Cardiology.

In generale, il sale raffinato dovrebbe essere evitato. Allo stesso modo in cui accade con lo zucchero, questo prodotto perde parte della sua qualità quando viene industrializzato. In questo caso, potrebbe causare alterazioni dell’omeostasi dell’ambiente interno, dando luogo a un rischio maggiore che gli organi non funzionino in modo efficiente. Tuttavia, il sale nero potrebbe avere una serie di vantaggi speciali.

Migliora l’aspetto della pelle e dei capelli

Molti dei minerali che il sale nero concentra all’interno potrebbero aiutare a migliorare l’aspetto della pelle e dei capelli. Infatti, quando entrambi gli elementi soffrono di debolezza, spesso vengono consigliati integratori di micronutrienti per ripristinarne la vitalità. Anche così, le prove al riguardo sono limitate, quindi è necessario esercitare una certa cautela con questo tipo di informazioni.

Va anche notato che una buona qualità del sonno è strettamente correlata all’aspetto dell’organo più esterno. Sarà necessario garantire ogni giorno 7 o 8 ore di riposo notturno di qualità per ottimizzare i processi di riparazione della carrozzeria.

Per saperne di più: Sostituire il sale con 8 spezie

Previene il diabete di tipo 2

Livelli troppo bassi di sodio nell’organismo potrebbero essere correlati a una maggiore incidenza di diabete di tipo 2. Questo elemento è essenziale per l’organismo in quanto partecipa a diversi processi fisiologici. Per questo motivo è necessario garantire che il fabbisogno giornaliero sia coperto, pur senza eccedere. Ciò è dimostrato da una ricerca pubblicata su Diabetes & Metabolism.

Tuttavia, per evitare lo sviluppo di questo tipo di problemi metabolici, è meglio proporre un miglioramento delle abitudini di vita in generale. Non solo devi prenderti cura della tua dieta, ma fare esercizio fisico frequentemente farà la differenza. In questo senso, l’allenamento della forza ha mostrato grandi benefici sulla funzione fisiologica e sullo stato della composizione corporea.

Come usare il sale nero in cucina?

Cos'è il sale nero e a cosa serve?
Usa il sale hawaiano al posto del tradizionale sale marino e rimarrai sorpreso dal risultato!

Usare il sale nero è abbastanza semplice. Basta includerlo regolarmente nei piatti, sostituendo il comune sale marino. Naturalmente va notato che cambierà le caratteristiche organolettiche dei piatti, rendendoli in alcuni casi molto più appetitosi. D’altra parte, è fondamentale tenere presente che la potenza quando si tratta di esaltare il sapore è inferiore. Per ottenere lo stesso risultato, potrebbe essere necessaria una quantità maggiore.

Sale nero, un condimento di qualità

Come avete visto, il sale nero è un condimento di qualità che può essere inserito nella dieta con una certa frequenza. Migliora l’apporto di minerali, elementi essenziali per garantire l’efficienza della fisiologia nell’ambiente interno.

Grazie a loro sarà possibile ridurre l’incidenza di molte patologie croniche e complesse, riuscendo a mantenere l’omeostasi. Naturalmente, proprio come accade con il comune sale marino, non è consigliabile eccederne il consumo.

Per finire, dobbiamo commentare che l’uso dei condimenti nelle linee guida è altamente raccomandato dagli esperti di nutrizione. Non solo il sale in quanto tale, ma anche le spezie culinarie riescono a fornire un’elevata quantità di sostanze fitochimiche con attività antiossidante.

Questi elementi neutralizzano la formazione di radicali liberi e il loro successivo accumulo nei tessuti del corpo. Questo meccanismo è associato, tra gli altri vantaggi, a un ritardo nell’invecchiamento.

Potrebbe interessarti ...
Sale dell’Himalaya: forse non sapete che…
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Sale dell’Himalaya: forse non sapete che…

Vi invitiamo a conoscere le proprietà del sale dell'Himalaya, un'alternativa naturale dai molteplici benefici. Sapete perché fa bene?



  • Cook NR, Appel LJ, Whelton PK. Sodium Intake and All-Cause Mortality Over 20 Years in the Trials of Hypertension Prevention. J Am Coll Cardiol. 2016;68(15):1609-1617. doi:10.1016/j.jacc.2016.07.745
  • Hao G, Liu K, Halbert JD, Chen H, Wu J, Jing C. Dietary sodium and potassium and risk of diabetes: A prospective study using data from the China Health and Nutrition Survey. Diabetes Metab. 2020;46(5):377-383. doi:10.1016/j.diabet.2019.12.002
  • Kirwan JP, Sacks J, Nieuwoudt S. The essential role of exercise in the management of type 2 diabetes. Cleve Clin J Med. 2017;84(7 Suppl 1):S15-S21. doi:10.3949/ccjm.84.s1.03