Semi di lino e tè verde: alleati contro il cancro

Oltre ad avere molti altri benefici per la salute, il tè verde è ricco di catechine, antiossidanti che possono neutralizzare le cellule cancerogene senza intaccare quelle sane.

Una delle malattie più preoccupanti e ricorrenti del secolo in cui viviamo è il cancro. Il numero di persone che soffrono di questa malattia è aumentato considerevolmente nelle ultime decadi. Per questo gran parte degli studi scientifici condotti a livello mondiale stanno cercando di scoprire le cause della sua comparsa e il miglior modo per curarla ed eliminarla.

Esistono molti tipo di cancro e, sebbene la velocità dello sviluppo dipenda dall’organismo di ogni persona, in generale se non vengono scoperti in tempo e trattati in modo adeguato sono letali. Per trattare questa malattia esistono tre misure fondamentali: la chirurgia, la chemioterapia e la radioterapia. Tuttavia, i passi avanti della scienza e le diverse ricerche hanno individuato altri metodi poco invasivi che permettono di alleviare i dolori provocati dal cancro e che contribuiscono alla sua cura.

Oggi vogliamo mostrarvi come i semi di lino e il tè verde sono risultati essere alleati contro il cancro.


L’alimentazione: un fattore di rischio

Le cause della comparsa del cancro non sono ancora state del tutto accertate. Si ritiene che sia una malattia risultante dall’interazione di molteplici fattori: ambientali, genetici, fisiologici e alimentari.

Possibili cause

cancro

  • Invecchiamento: la maggior parte dei casi (2 su 3) a livello mondiale compare a partire dei 65 anni di età.
  • Ereditarietà genetica.
  • Esposizione ad agenti cancerogeni come sostanze chimiche e radiazioni ionizzanti.
  • Tabagismo.
  • Alimentazione scorretta

Molti scienziati concordano nell’affermare che una dieta ricca di alimenti benefici può giocare un ruolo cruciale nella prevenzione e nella cura del cancro. Per questo nel nostro articolo vi presentiamo i due alimenti anticancerogeni per eccellenza: il tè verde e i semi di lino.

Tè verde contro il cancro

Te-verde-2

Il tè verde ha origini asiatiche e molte delle sue proprietà medicinali sono state descritte quasi un millennio fa nel Libro del Tè, scritto dal priore Zen Eisai nel 1191. Era usato per dissipare gli effetti nocivi dell’alcol, come stimolante, per curare malattie della pelle e altre come il beriberi, per alleviare le indigestioni, per prevenire la fatica e per migliorare le funzioni urinarie e cerebrali.

Oggigiorno sono molti gli studi dedicati a scoprire la relazione tra il consumo abituale del tè verde e una minore incidenza del cancro. Molte persone collegano la scomparsa di diversi tipi di cancro all’utilizzo giornaliero di questo tè, bevendolo o addirittura usandolo come cataplasma sulla zona interessata.

Nonostante gli studi siano ancora inconcludenti, una ricerca condotta nel 2006 in Giappone ha mostrato che gli adulti che bevevano tre o più tazze di tè verde al giorno durante il corso degli anni presentavano un minor rischio di morire per malattie cardiovascolari e cancro. I seguenti sono alcuni benefici che apporta il consumo regolare di tè verde secondo varie istituzioni scientifiche.

Benefici del bere tè verde

  • Prevenzione e trattamento del cancro, in particolare quello della pelle, all’esofago, allo stomaco e al colon.
  • Migliora la cognizione.
  • Rallenta il processo neurodegenerativo causato da alcune malattie come l’Alzheimer.
  • È utile nel trattamento dell’artrite.
  • È utile nel trattamento della sclerosi multipla.
  • Neutralizza i radicali liberi grazie alle sue proprietà antiossidanti.
  • Accelera il metabolismo cellulare.
  • Riduce il colesterolo LDL, conosciuto anche come colesterolo cattivo.
  • Regola i livelli di zucchero nel sangue e le concentrazioni di insulina.
  • Previene la caduta dei denti e contribuisce a rinforzare denti e ossa.

Il tè verde contiene tra i suoi componenti delle sostanze chimiche chiamate catechine (gruppo dei flavonoidi) che sembrerebbero agire sulle cellule cancerogene, inducendo la loro morte senza colpire le cellule sane; in particolare la epigallocatechina gallato (EGCG).

Ad ogni modo, ancora mancano molti studi scientifici per determinare i tipi di cancro su cui agisce e per analizzare più nello specifico in che modo. Alcune persone avverse a questa abitudine cinese affermano che il tè verde contiene fluoro, nocivo per l’organismo e motivo per cui non dovrebbe essere commercializzato.

Tuttavia, è importante specificare che il fluoro viene immagazzinato nel corpo sotto forma di fluoruro, dando resistenza alle ossa e ai denti, partecipando nel processo di assimilazione del calcio ed evitando la comparsa di carie dentarie se viene assunto in piccole quantità. Il tè in quantità normali è sinonimo di salute, quindi vi consigliamo di bere due tazze di tè verde al giorno per ottenere dei risultati positivi.

Semi di lino contro il cancro

lino-sean-dreilinger

I semi di lino sono stati utilizzati per molto tempo per il consumo umano, sotto forma di infusi, in polvere (preparazione di farina di mais tostato) oppure come olio, perché apportano grassi salubri e perché sono un’importante fonte di fibre. Normalmente sono stati utilizzati per trattare malattie del tratto gastrointestinale (tra cui stitichezza e infiammazioni del colon), acne, diabete, obesità, artrite reumatoide e sintomi della menopausa.

Molti dei loro benefici non sono ancora provati scientificamente; tuttavia, esistono molti indizi sul fatto che i semi di lino servono per:

  • prevenire e curare il cancro, principalmente quello alla prostata, ai polmoni, al colon, al retto e alla mammella.
  • ridurre il colesterolo LDL
  • migliorare la funzione renale nelle persone che soffrono di lupus eritematoso sistemico (LES).
  • alleviare i sintomi lievi della menopausa.
  • ridurre il dolore al seno collegato all’inizio del ciclo mestruale.
  • curare malattie cardiovascolari.
  • diminuire il rischio di soffrire di arteriosclerosi.

Il lino contiene molecole chiamate lignani che si crede che nel corpo umano competano con gli estrogeni (ormoni femminili) in certe reazioni chimiche, ritardando così il progredire di determinati tipi di cancro. Sebbene la loro assunzione sia molto consigliata, è importante informarsi bene sulle controindicazioni e sulle interazioni con altri alimenti poiché possono avere alcuni effetti collaterali come allergia, mal di stomaco, nausea e lievi perdite di sangue. Se siete in gravidanza o soffrite di una qualche malattia cronica, consultate sempre il vostro medico.

Semi di lino e tè verde: alleati contro il cancro

In questo articolo vi abbiamo presentato due eccellenti prodotti naturali che possono aiutare nella prevenzione e nella possibile cura del cancro. Vi consigliamo di inserirli nella vostra alimentazione quotidiana, sperando che una tazza di tè verde e un po’ di semi di lino possano aiutarvi nella vostra lotta.