Tè in gravidanza: tutto quello che c’è da sapere

15 Settembre 2020
Anche se il consumo di tè è un'abitudine diffusa, le donne in gravidanza devono conoscere i possibili rischi. Scoprite tutto sulle erbe impiegate per la preparazione di questi infusi.

Da anni il consumo di tè durante la gravidanza rappresenta un’abitudine diffusa. Accade spesso, di fatto, che durante la gestazione si manifestino alterazioni o fastidi che possono essere alleviati tramite il consumo di questa bevanda.

Sebbene l’assunzione di infusi, soprattutto a base di piante medicinali, sia una pratica secolare, molte donne ignorano i possibili effetti durante la gestazione. È meglio escludere il consumo di alcuni tè in gravidanza.

Si può bere tè durante la gravidanza?

Bere una tazza di tè, di qualunque tipo, non rappresenta un rischio per la gravidanza. Se saltuaria, questa abitudine non rappresenta un problema.

Il consumo di alcuni tè, tuttavia, può essere rischioso durante la gestazione, soprattutto se in quantità eccessive o abitualmente.

Secondo lo studio pubblicato sulla rivista Historia y antropología médica, fino al 55% delle donne in gravidanza bevono tè o altri infusi. La maggior parte, però, ignora i possibili effetti indesiderati.

Che cosa succede al corpo durante la gravidanza?

Durante la gravidanza, l’organismo della donna subite cambiamenti temporanei che comportano la comparsa di nuove strutture organiche, come la placenta. È dunque controindicato l’uso di qualunque sostanza, naturale o sintetica, in grado di alterare i processi fisiologici tipici di questa fase.

Per quanto riguarda il consumo di tè, bisogna fare particolare attenzione durante il primo trimestre, periodo in cui lo sviluppo del feto è più sensibile all’influenza dei fattori ambientali.

A partire dalla seconda settimana e fino ai primi tre mesi di gravidanza, farmaci, sostanze chimiche o i metaboliti di alcune piante medicinali oppure una patologia possono interferire con il normale sviluppo del feto. Tutto ciò, aggiunto alle proprietà dei diversi metaboliti attivi, influisce sulla comparsa di eventuali disturbi.

Teratogenesi, citotossicità, genotossicità e altri termini simili si riferiscono ai pericolosi cambiamenti che le cellule embrionali subiscono nel corso della propria formazione. La donna deve fare molta attenzione alle sostanze maggiormente associate a questi processi.

Così come l’alcol e il tabacco sono agenti chimici che interferiscono con l’embriogenesi, anche l’assunzione di alcune piante medicinali può avere conseguenze negative. È dunque importante adottare le dovute precauzioni.

Ecografia per monitorare lo sviluppo del feto.
Il primo trimestre di gravidanza richiede attenzioni speciali, perché l’embrione sta formando tutti gli organi.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Abitudini da evitare in gravidanza e perché

Quali tè in gravidanza?

Possiamo affermare che in generale i prodotti fitoterapici possiedono maggiori effetti terapeutici e minori effetti collaterali rispetto a quelli sintetici. Questo fatto ha contribuito alla diffusione dell’idea che ciò che è naturale è innocuo. Alcune piante, di fatto, offrono numerosi benefici. Li elenchiamo nelle righe che seguono:

  • Menta piperita: ideale contro le coliche e utile durante la gravidanza per preparare i seni in previsione dell’allattamento.
  • Melissa: utile per il bruciore di stomaco, nausea, insonnia, coliche e malesseri digestivi; ha anche un effetto calmante.
  • Zenzero: viene impiegato per trattare la nausea e il vomito.
  • Rosmarino: per il mal di gola, l’insonnia e lo stress.
  • Valeriana: rilassa e concilia il sonno.

Pur non essendo le uniche, queste piante medicinali sono le più diffuse. Il loro consumo non presenta precise controindicazioni e le gestanti possono assumerle con tranquillità.

Tè alle erbe che presentano controindicazioni

Così come ci sono tè che possono essere consumati senza problemi durante la gravidanza, è meglio evitarne altri. Tra questi vi sono:

  • Camomilla e fico: accelerano il travaglio e in dosi elevate possono dilatare il collo dell’utero.
  • Menta: può indurre le contrazioni.
  • Ruta: accelera il travaglio, è associata a involuzione uterina e gonfiore e ha effetti abortivi.
  • Aloe vera: provoca emorragie e sanguinamenti uterini, motivo per cui è considerata una pianta dagli effetti abortivi.
  • Assenzio: attivando il flusso sanguigno uterino, potrebbe provocare aborti spontanei.
  • Boldo: uno dei suoi principi attivi è il tujone, la cui assunzione può causare aborti spontanei.
L'aloe vera non è consigliata durante la gravidanza.
L’aloe vera presenta metaboliti attivi che, in forti dosi, possono indurre l’aborto.

Vi consigliamo di leggere anche: Il boldo: un aiuto della natura per fegato e cistifellea

Cosa ricordare sul consumo di tè in gravidanza?

È molto diffusa la convinzione per cui le piante medicinali sono sicure, perché consumate sin da tempi molto antichi. Il semplice fatto che siano naturali, però, non rappresenta una garanzia di sicurezza.

Prima, durante e dopo la gravidanza o l’allattamento al seno, le donne che desiderano assumere gli infusi devono consultare un medico esperto sull’argomento. Molti effetti, positivi e negativi, provocati dalle piante durante la gravidanza sono sconosciuti a molti.

  • Macarro Ruiz D, Miguelez L, Martínez M, Martínez G, Manrique T. Fitoterapia en el embarazo y lactancia: ¿Beneficio o riesgo?.RECIEN. 2014. 1-7.
  • Pulido Acuña G, Vásquez Sepúlveda P, Gómez L. Uso de hierbas medicinales en mujeres gestantes y en lactancia en un hospital universitario de Bogotá (Colombia). 2012. 21(4);199-203.
  • Souza M, Tangerina M, Silva V, Vilegas W, Sannomiya M. Plantas medicinales abortivas utilizadas por mujeres UBS: análisis de etnofarmacología y cromatografía por CCD y CLAE. Rev. bras. plantas med. 2013;15 (4); 763-773.
  • Rev. peru. biol. 13(3): 223 – 225.
  • Macías-Peacok B, Pérez-Jackson L, Suárez-Crespo M, Fong-Domínguez C, Pupo-Perera E. Consumo de plantas medicinales por mujeres embarazadas. Rev Med Inst Mex Seguro Soc. 2009; 47 (3): 331-334.
  • Zinn, Tigua, and Ericka Beatriz. Consecuencias del consumo de infusiones de plantas medicinales en el primer trimestre de gestación. Diss. Universidad de Guayaquil. Facultad de Ciencias Médicas. Carrera de Obstetricia, 2019.
  • Carrasco, Ángeles María Márquez, Marina Rico Neto, and María de los Reyes Leo Rodríguez. “Seguridad de la toma de infusiones herbales en el embarazo: manzanilla, valeriana, tila, té y menta-poleo.”
  • Tisné, Luis, and Antropología Teosófica. “Infusiones, tisanas o té de hierbas permitidas y nocivas durante el embarazo y la lactancia.” Antropología 14.1 (2019).