Trattare le unghie fragili con 4 ingredienti naturali

15 Settembre 2019
Sebbene esistano diverse opzioni per il trattamento delle unghie fragili, oggi scoprirete 4 ingredienti naturali che probabilmente avete già in casa e che vi aiuteranno a risolvere questo problema.

Per trattare le unghie fragili è necessario applicare prodotti nutrienti che possano restituire esse la forza di cui hanno bisogno.

Spesso sono due i motivi principali per cui le unghie possono presentare imperfezioni. Il primo è che per lavoro si è costretti a tenere le unghie in acqua per la maggior parte del tempo. Questo le debilita e dà esse un aspetto poco salutare. Il secondo motivo è una cattiva alimentazione. I bassi livelli di ferro e di calcio tendono a debilitare le unghie, rendendole fragili.

Volete combattere il problema in modo naturale?

Ingredienti naturali per trattare le unghie fragili

Premettendo che è necessario rivolgersi a un medico per verificare che i nostri livelli di ferro e di calcio siano normali, vi presentiamo alcuni ingredienti per trattare le unghie fragili in modo efficace.

1. Olio d’oliva

L’olio d’oliva è un ingrediente dai molteplici utilizzi, non solo per trattare le unghie fragili, bensì anche per idratare la pelle secca, ad esempio. Il motivo risiede nelle sue proprietà, indicate dall’articolo Salute: olio d’oliva extravergine nemico del colesterolo, alleato di pelle e capelli.

  • Idrata in profondità.
  • Rende più belle le unghie.
  • Dona lucentezza.
  • Nutre le cuticole.
Olio d'oliva
L’olio d’oliva contiene antiossidanti e acidi grassi che aiutano a rinvigorire le unghie fragili.

Il modo migliore per utilizzare questo ingrediente è applicarne direttamente una piccola quantità sulle unghie, massaggiandole. Meglio farlo la sera, e andare a dormire senza lavarsi le mani, in modo da che l’olio venga completamente assorbito.

Leggete anche: Calmare il dolore con zenzero e olio d’oliva

2. Olio di avocado

L’avocado è un frutto ricco di acidi omega-3, di grassi salutari e di altre proprietà che lo rendono perfetto per trattare le unghie fragili.

Questo olio idrata a fondo le unghie, nutrendole e agendo sulle imperfezioni formatesi. L’olio di avocado può essere acquistato, ma può essere anche applicato sotto forma di purea, direttamente sulle unghie.

Per riuscirci, dobbiamo solo sbucciare un avocado, schiacciarlo in un recipiente e applicarlo sulle unghie.

3. Aglio

Vi sarà capitato di sentire parlare dello smalto all’aglio, un’opzione per trattare le unghie fragili. Tuttavia, esiste un’opzione più naturale. Non dovete fare altro che tagliare qualche spicchio di aglio, metterlo in una ciotola con dell’acqua e lasciarlo macerare.

Trascorso questo arco di tempo, immergete le unghie per circa 10 minuti. Quindi, potete lasciarle asciugare all’aria per prolungare i benefici di questo ingrediente.

Immergere le unghie fragili
Uno dei migliori rimedi naturali per dare sollievo alle unghie deboli e fragili è l’aglio.

Potrebbe interessarvi anche: Proprietà curative dell’aglio

L’aglio contiene proprietà antimicrobiche che saranno di grande aiuto se le unghie fragili sono dovute all’onicomicosi. Inoltre, questo rimedio può essere applicato tutti i giorni.

4. Olio di ricino

L’ultimo degli ingredienti per trattare le unghie fragili è l’olio di ricino, che le idrata, penetrandone gli strati e rendendoli molto più resistenti.

Questo olio è composto da acidi grassi, come indicato nell’articolo Castor Oil: properties, uses and optimization of processing parameters in commercial production.

Come per le prime 2 opzioni, questo olio va applicato direttamente sulle unghie tramite un leggero massaggio. L’ideale è farlo ogni giorno, fino a quando non noterete miglioramenti.

Consigli per trattare le unghie fragili

Oltre a utilizzare questi ingredienti per trattare le unghie fragili, è importante tenere a mente alcuni consigli che possono contribuire ad accelerare il miglioramento e a evitare che questo problema si ripresenti.

  • Uno di questi è indossare i guanti se dobbiamo tenere le unghie a mollo troppo a lungo. I guanti ci aiuteranno a proteggerle e a mantenerle forti.
  • Nel caso in cui le nostre unghie diventino fragili a causa di un deficit alimentare, è fondamentale migliorare la dieta. Per riuscirci, possiamo rivolgerci a un nutrizionista che possa orientarci.
  • In entrambi i casi o semplicemente come parte della nostra routine di bellezza, possiamo utilizzare gli ingredienti menzionati per idratare e per preservare la buona salute delle nostre unghie, non solo quando queste manifestano i sintomi di un problema come quelli già descritti.

Vi è capitato di utilizzare uno degli oli descritti o l’aglio per trattare le unghie fragili? I risultati sono stati soddisfacenti? Ci auguriamo che vogliate provarli per testare da voi i loro benefici.

  • Chalar Vargas, Luis Rodrigo, Moya Mamani, Juan Carlos, Vargas Alvarez, Elmer, Sejas Rebollo, Magaly, & Romero, Betzabe. (2014). Función Antimicrobiana de la Alicina de Ajo en cultivos de Staphylococcus aureus, Pseudomonas aeruginosa y Escherichia coli. Revista Científica Ciencia Médica17(1), 26-28. Recuperado en 01 de junio de 2019, de http://www.scielo.org.bo/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1817-74332014000100008&lng=es&tlng=es.
  • Guzmán Vera, Carmen Karina, Baldeon Santos, Margaret Karen, Rodrigues Barata, Ana Rita, & Conde-Salazar Gómez, Luis. (2012). Afectación ungueal de origen ocupacional. Medicina y Seguridad del Trabajo58(229), 321-326. https://dx.doi.org/10.4321/S0465-546X2012000400004
  • Jiménez, Ma. Elena, Aguilar, Ma. del Rosario, Zambrano, Ma. de la Luz, & Kolar, Eva. (2001). Propiedades físicas y químicas del aceite de aguacate obtenido de puré deshidratado por microondas. Revista de la Sociedad Química de México45(2), 89-92. Recuperado en 01 de junio de 2019, de http://www.scielo.org.mx/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0583-76932001000200009&lng=es&tlng=es.
  • Savino, P., Carvajal, C., Nassar, R., & Zundel, N. (2013). Necesidades nutricionales específicas después de cirugía bariátrica: Specific nutritional requirements following bariatric surgery. Revista Colombiana de Cirugía28(2), 161-171.