Varici vulvari: cosa sono e come si curano

Le varici vulvari non sono gravi, ma possono causare dolore e disagio. Ti diciamo di più in questo articolo.
Varici vulvari: cosa sono e come si curano

Ultimo aggiornamento: 22 novembre, 2022

Le varici vulvari sono delle vene sporgenti dovute all’aumento del flusso sanguigno durante la gravidanza. Di solito compaiono nella 20a settimana di gestazione, e non in tutte le donne.

Sebbene non siano pericolose, possono essere piuttosto dolorose. I sintomi tendono a peggiorare stando in piedi a lungo, avendo delle ripercussioni anche sulla vita sessuale della donna.

Cosa sono le varici vulvari?

Durante la gravidanza avvengono vari cambiamenti. Sia a livello fisico che emotivo. In alcuni casi, possono manifestarsi anche degli effetti collaterali. Per fortuna, la maggior parte di questi cambiamenti sono temporanei.

Tra i disagi che insorgono in questa fase, troviamo la nausea mattutina, oltre a problemi di ritenzione di liquidi, bruciore di stomaco, sonnolenza e stitichezza, tra gli altri.

Le varici vulvari sono uno dei cambiamenti meno conosciuti o menzionati. Come suggerisce il nome, si tratta di rigonfiamenti venosi all’esterno della vagina.

Nella vulva sono presenti vasi sanguigni di varie dimensioni. In particolare, le vene varicose qui compaiono approssimativamente dalla settimana 20 nelle vene superficiali della vulva.

D’altra parte, sebbene sia vero che un’alta percentuale di donne in gravidanza sperimenti le vene varicose alle gambe, questo non è il caso delle varici vulvari. Queste si verificano solo nel 20% dei casi, secondo la ricerca sull’argomento. Purtroppo, è possibile che si manifestino di entrambi i tipi o in entrambe le aree.

Cambiamenti in gravidanza.
La gravidanza provoca cambiamenti nel corpo della donna. Tra questi, i più noti sono quelli digestivi e quelli legati all’apparato riproduttivo.

Sintomi

Le varici vulvare non sono sempre accompagnate da sintomi. Alcune donne non le notano nemmeno. Ma a volte possono essere dolorose. Con il progredire della gravidanza e con l’aumento della pressione venosa, il disagio può apparire o peggiorare.

In particolare, a seconda del mese in cui si trova la donna, possono manifestarsi i seguenti disagi:

  • Sensazione di pressione nell’area genitale.
  • Infiammazione delle labbra, della vulva in generale e del perineo.
  • Dossi bluastri che possono essere visti ad occhio nudo.

Queste sensazioni possono essere vissute solo su una zona, o diffondersi interessando altre aree, come il retto. D’altra parte, alcune attività spesso causano un maggiore disagio. Ad esempio, alcuni esercizi fisici in cui viene esercitata una pressione sulla zona o in piedi a lungo e i rapporti sessuali.

Perché compaiono le varici vulvari?

Durante la gravidanza vi è un aumento del flusso sanguigno. D’altra parte, si verifica anche un aumento della pressione venosa con la crescita del feto. Gli squilibri ormonali tipici della gravidanza influiscono sulla dilatazione dei vasi sanguigni.

Ciò si traduce in un maggior volume di sangue che si accumula nella parte inferiore del corpo, sia nel bacino che nelle estremità. Questo porterà a rigonfiamenti venosi nella vulva, nella zona pelvica, nel perineo e nelle gambe.

Le varici vulvari non compaiono in tutte le donne in gravidanza. Ci sono una serie fattori che aumentano le possibilità che si verifichino, come i seguenti:

  • Componente ereditaria che predispone.
  • Vene varicose preesistenti alle gambe.
  • Livelli elevati di progesterone.
  • Aumento di peso eccessivo.

Vale la pena notare che le varici vulvari non si verificano solo in gravidanza. Possono essere associate anche alla sindrome da congestione pelvica.

Trattamento delle varici vulvari

Le varici vulvari non influiscono sul parto, nemmeno quando è vaginale. Di solito scompaiono dopo il parto, all’incirca nella sesta settimana, senza bisogno di alcun intervento.

Il trattamento, una volta terminato, può essere diretto ad alleviare i sintomi applicando alcune delle seguenti misure:

  • Posizionare un indumento di supporto appositamente progettato per l’area vulvoperineale.
  • Indossare calze a compressione.
  • Applicare impacchi freddi.
  • Alzare le gambe.

Nei casi di sindrome congestizia pelvica, potrebbero essere prese in considerazione altre alternative di approccio, come farmaci flebotonici, embolizzazione venosa o scleroterapia. Tuttavia, una volta che si sono risolte, le varici vulvari possono ripresentarsi.

Calze a compressione.
Le calze a compressione aiuterebbero a migliorare il flusso venoso in tutta la parte inferiore del corpo. Come beneficio secondario, migliorano la pressione nell’area vulvare.

Si possono prevenire?

La prevenzione delle varici vulvari non è sempre possibile, sebbene sia possibile influenzare alcuni dei fattori che contribuiscono alla loro comparsa. Le precauzioni consigliate includono quanto segue:

  • Non indossare scarpe col tacco alto.
  • Dormire sul lato sinistro.
  • Svolgere una moderata attività fisica.
  • Evitare di stare in piedi o sedute a lungo.
  • Non indossare indumenti che stringono troppo la zona inguinale o le gambe.
  • Evitare l’esposizione al calore, poiché i vasi sanguigni si dilatano maggiormente.
  • Adottare misure per prevenire o curare la stitichezza.
  • Alzare le gambe per venti minuti.
  • Non fare la ceretta nella zona bikini.
  • Monitorare l’aumento di peso.

Quando andare dal dottore?

Le varici vulvari possono essere dolorose, soprattutto se di grandi dimensioni, ma non influiscono sul parto. Infatti, i casi gravi sono rari, anche se occasionalmente possono verificarsi varicoflebiti, ovvero un’ infiammazione dovuta alla formazione di un trombo.

In ogni caso, in caso di qualsiasi disagio (dolore o rigonfiamenti) che si osserva nella zona della vulva, si consiglia di rivolgersi al medico. Questi farà la diagnosi e suggerirà le misure appropriate.

Potrebbe interessarti ...
Trattare le varici grazie a 5 buone abitudini
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Trattare le varici grazie a 5 buone abitudini

Uno stile di vita sano aiuta a trattare le varici. In genere possiamo migliorare la situazione in modo semplice e naturale.



  • Drazic  O, Zárate  C, Valdés  F, Mertens  R, et al . Dolor pélvico crónico secundario a síndrome de congestión pélvica. Resultados del tratamiento endovascular de la insuficiencia venosa pelviana y várices genitales. Rev. méd. Chile. 2019; 147(1): 41-46.
  • Gavrilov S. Vulvar varicosities: diagnosis, treatment, and prevention. Int J Womens Health. 2017; 9: 463-475.
  • Guzmán D, Tello N, López J. Varices en el embarazo y la vulva. Rev Fac Cien Med (Quito). 2017; 27(1): 48-51.
  • Kornberg A, Turek M, Sánchez F, Eiselle G. Dolor pélvico crónico. Síndrome de congestión pélvica. Diagnóstico y tratamiento. Flebología. 2013; 39(1): 30-39.
  • Lozano Sánchez F, González Porras J, Zarco Castillo J, Alberca Silva I. La trombosis venosa superficial: ¿es una enfermedad benigna? Angiología. 2011; 63(1): 25-30.