Allenamento dei piloti di F1: in cosa consiste?

Pensate che i piloti non debbano essere in ottime condizioni fisiche per salire sulle loro vetture? Continuate a leggere!
Allenamento dei piloti di F1: in cosa consiste?

Ultimo aggiornamento: 08 maggio, 2022

Chi pensa che le star degli sport a due o a quattro ruote non preparino il proprio fisico e dipendano solo dalle vetture si sbaglia di grosso. L’allenamento dei piloti di F1, per esempio, prevede ritmi serrati, a seconda del momento della stagione.

È chiaro che non hanno una grande libertà di movimento all’interno dell’abitacolo delle monoposto. Tuttavia, questo non vuol dire che i loro corpi non siano soggetti a carichi di stress elevati.

Forza e resistenza sono fattori fondamentali per sopportare gare della durata di un’ora e mezza e allenamenti prima della finale ancora più lunghi.

Allenamento dei piloti di F1: in cosa consiste?

Come ogni sport agonistico, la Formula 1 richiede un allenamento molto specifico e duro da parte dei piloti che partecipano alla categoria. Alcuni di loro, come Carlos Sainz Junior, Pierre Gasly e Valtteri Bottas, hanno rivelato come preparano il corpo per ottenere le migliori prestazioni nei giorni di gara.

Cardio

Il lavoro cardiovascolare è praticamente il fulcro dell’allenamento, come ha espresso il francese Gasly un paio di anni fa. Questo tipo di esercizio fornisce la resistenza necessaria per sopportare tanti minuti di sforzi continui in cabina.

Per rispettare questa parte dell’allenamento, i piloti di F1 praticano nuoto, ciclismo, corsa e, nel caso di Sainz, triathlon. Il pilota spagnolo ha detto che questa è la parte che gli piace di meno ed è per questo che lo fa di prima mattina, a stomaco vuoto.

Il pilota di F1 Carlos Sainz ha fornito dettagli sul suo allenamento.
Il pilota di F1 Carlos Sainz ha fornito dettagli sul suo allenamento in varie interviste, sottolineando che il cardio è fondamentale, anche se non gli piace molto.

Forza

Oltre al cardio, l’allenamento dei piloti di F1 include l’allenamento della forza. Sono gli esercizi che permettono ai muscoli di adattarsi alle grandi esigenze fisiche legate al comando di una monoposto a più di 300 chilometri orari.

Per questi atleti, allenare spalle, braccia e core è essenziale. Questi muscoli sono i più richiesti quando si sposta il volante dell’auto e si mantiene una postura stabile durante la guida.

Tuttavia, anche il lavoro con le gambe è essenziale. Come ha spiegato Sainz, questo perché sono necessarie sia la forza che la resistenza per premere i pedali per il tempo richiesto senza subire crampi o perdere precisione a causa della fatica.

Infine, e per quanto strano possa sembrare, i piloti esercitano molto la zona del collo. Questi gruppi muscolari subiscono la pressione della forza di 5 G o fino a 6 G (forza di gravità), sia in avanti che indietro, nonché ai lati.

Per rafforzare questi muscoli si ricorre ad esercizi isometrici, come il plank. Oppure si può lavorare con i pesi, sollevare o spostare carichi usando la testa, come ha dimostrato il team Red Bull con il suo pilota Sergio Pérez. Esistono anche dispositivi con molle in grado di generare una forza che gli atleti devono contrastare con il collo.

Allenamento complementare

Oltre alla forza e al cardio, l’allenamento complementare include esercizi di agilità e riflessi, fondamentali nei piloti di alto livello affinché riescano a reagire agli imprevisti della competizione.

Allo stesso modo, viene svolto un lavoro basato sulle neuroscienze per migliorare capacità come la concentrazione e la resistenza mentale. Nelle gare di durata superiore ai 90 minuti a richiesta costante, questi sono due punti da non trascurare.

Dieta dei piloti di F1

Dopo aver parlato dell’allenamento dei piloti di F1, non si può trascurare la dieta. In questo senso, Sainz ha spiegato che si concentra su un’alimentazione sana, quasi priva di cibo spazzatura – tranne alcuni occasionali consentiti – e con un basso contenuto di carboidrati.

Lo spagnolo punta invece al consumo di proteine per mantenere la salute muscolare, come conferma uno studio pubblicato dal British Journal of Sports Medicine. Un altro vantaggio delle proteine è quello di promuovere il recupero.

Alimenti proteici per piloti di F1.
Le diete proteiche sono indicate in quasi tutti gli sport.

Allenamento e dieta, due pilastri fondamentali per i piloti di F1

Con tutto ciò che è stato detto, è chiaro che il lavoro “invisibile” che un pilota di F1 fa nel suo allenamento è alla base di ciò che potrà mostrare in seguito in pista. Oltre ad aumentare la forza e la resistenza, dovrà mantenere un peso adeguato per non pregiudicare le prestazioni della vettura.

Quindi, la prossima volta che vi godrete una corsa di questa categoria, l’apice del motorsport mondiale, prestate attenzione a questi dettagli. Sotto tuta e casco si nascondono atleti altrettanto o più allenati di quelli di qualsiasi altra disciplina.

This might interest you...
Allenamento vigoroso: come includerlo nella routine di esercizi?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Allenamento vigoroso: come includerlo nella routine di esercizi?

L'allenamento vigoroso si è dimostrato molto utile per perdere peso più rapidamente e prevenire le malattie cardiovascolari.



  • Morton, R. W., Murphy, K. T., McKellar, S. R., Schoenfeld, B. J., Henselmans, M., Helms, E., … & Phillips, S. M. (2018). A systematic review, meta-analysis and meta-regression of the effect of protein supplementation on resistance training-induced gains in muscle mass and strength in healthy adults. British journal of sports medicine52(6), 376-384.