Arteriopatia carotidea: possibili cause e trattamenti

Le cause specifiche dell'arteriopatia carotidea non sono ancora state determinate. Ma ci sono fattori di rischio che aumentano la possibilità di svilupparla.
Arteriopatia carotidea: possibili cause e trattamenti

Ultimo aggiornamento: 21 novembre, 2022

L’arteriopatia carotidea è una condizione che colpisce questi i vasi sanguigni. Si verifica quando si formano delle placche ateromatose che ostruiscono le arterie, riducendo il flusso sanguigno. Può avere gravi conseguenze a lungo termine.

Le arterie carotidi sono due grandi vasi sanguigni che si trovano su entrambi i lati del collo. Sono i principali responsabili dell’irrigazione del cervello, quindi trasportano sangue ricco di ossigeno e sostanze nutritive. L’ostruzione di uno di essi riduce l’apporto di ossigeno al tessuto, che genera danni che possono essere fatali.

Le cause dell’arteriopatia carotidea sono molto diverse e molte di esse sono legate allo stile di vita. Sebbene la sua prevalenza sia di circa il 3% della popolazione generale, secondo gli studi, ci sono molti casi non diagnosticati. Fortunatamente, il trattamento è semplice e nella maggior parte dei casi non richiede interventi importanti.

Sintomi e manifestazioni

Malattia dell'arteria carotidea: possibili cause e trattamenti
Il mal di testa improvviso e intenso è uno dei sintomi associati all’arteriopatia carotidea.

Gli stadi iniziali dell’arteriopatia carotidea generalmente sono asintomatici. I malati non mostrano alcun sintomo o segno della malattia fino a quando non hanno un ictus o un attacco ischemico transitorio.

I sintomi con cui le persone notano la presenza di arteriopatia carotidea includono i seguenti:

  • Intorpidimento improvviso o debolezza in qualsiasi parte del corpo.
  • Difficoltà improvvisa a parlare o comprendere una conversazione.
  • Disturbi visivi inattesi e inspiegabili.
  • Mal di testa intenso.
  • Vertigini o perdita di equilibrio.
  • Improvvisa difficoltà a deglutire.
  • Svenimento o coma.
  • Formicolio alle braccia o alle gambe.

Da parte loro, gli attacchi ischemici transitori presentano gli stessi sintomi; tuttavia, scompaiono da soli dopo pochi minuti. Questi incidenti sono caratterizzati dall’ostruzione temporanea del flusso sanguigno, quindi i sintomi non durano nel tempo.

Quando andare dal dottore?

Qualsiasi segno o sintomo che indichi la presenza di un attacco ischemico transitorio o di un ictus dovrebbe richiedere una visita medica immediata. Non importa se i sintomi durano solo pochi minuti e poi scompaiono, è sempre necessario consultare il medico.

Inoltre, si consiglia di consultare uno specialista se si hanno molti fattori di rischio per l’arteriopatia carotidea. Inoltre, si consiglia di effettuare una visita medica di controllo ogni 6 mesi per valutare lo stato di salute generale.

Cause dell’arteriopatia carotidea

L’arteriopatia carotidea è causata dall’accumulo di placca ateromatosa, causando una patologia chiamata aterosclerosi. Questa placca è composta da molteplici sostanze come colesterolo, calcio, tessuto fibroso e detriti cellulari.

Arteriopatia carotidea.
La formazione di placca ateromatosa è una causa dell’arteriopatia carotidea.

Gli specialisti non hanno ancora scoperto una causa esatta che spieghi la formazione di queste placche. Tuttavia, un gran numero di fattori di rischio influenza la loro comparsa. Tra i principali fattori di rischio per lo sviluppo della patologia, spiccano:

  • Pressione sanguigna alta.
  • Consumo di tabacco e alcol.
  • Sovrappeso e obesità.
  • Diabete mellito.
  • Stile di vita sedentario.
  • Avere più di 60 anni.
  • Avere una storia familiare di arteriopatia carotidea.
  • Alti livelli di lipidi nel sangue.

Essendo una malattia multifattoriale, i ricercatori sono spesso alla ricerca di nuovi fattori di rischio. In effetti, uno studio recente ha scoperto che le persone che russano hanno il doppio del rischio di sviluppare la malattia.

Diagnosi

La diagnosi dell’arteriopatia carotidea spesso avviene per caso, quando si eseguono degli esami per altre patologie. Inoltre, può essere rilevato quando si verifica un aterotrombotico nel cervello.

Durante la visita, il medico può chiedere la comparsa di sintomi che suggeriscono un ictus. Lo specialista farà anche domande per valutare le capacità cognitive. L’esame obiettivo di solito non è rivelatore, sebbene si possa udire un mormorio quando si ascoltano le arterie carotidi.

La diagnosi definitiva dell’arteriopatia carotidea viene effettuata attraverso test di imaging come gli ultrasuoni. Questo test consente di valutare il flusso sanguigno e misurare la pressione nelle arterie. Anche l’arteriografia spesso è utile, così come la tomografia computerizzata e la risonanza magnetica.

Trattamento dell’arteriopatia carotidea

Il trattamento di questa patologia dipenderà dalla gravità della condizione. I cambiamenti dello stile di vita sono spesso le uniche misure indicate nei casi più lievi. Tuttavia, gli stadi più gravi spesso richiedono procedure chirurgiche.

I cambiamenti nello stile di vita aiutano a rallentare la progressione della malattia. Idealmente, i malati dovrebbero smettere di fumare, perdere peso, seguire una dieta equilibrata e aumentare la quantità di esercizio fisico dopo la diagnosi.

Anche il controllo di malattie croniche come l’ipertensione arteriosa e il diabete mellito è fondamentale nel trattamento della patologia. I farmaci anticoagulanti sono utili per prevenire le complicanze, così come i farmaci antipertensivi e per il colesterolo.

Le persone che hanno già avuto un ictus sono candidate a una procedura chirurgica, così come quelle con gravi blocchi. Gli interventi chirurgici che possono essere eseguiti sono l’angioplastica e l’endoarteriectomia carotidea.

L’angioplastica è un intervento chirurgico percutaneo in cui l’arteria viene allargata con un palloncino e viene quindi posizionato uno stent per impedirne il collasso. Da parte sua, l’endoarterectomia consiste nella rimozione delle placche ateromatose e nel successivo posizionamento di un innesto.

Una patologia che può essere fatale

L’arteriopatia carotidea è una patologia rara che può essere fatale, poiché la sua principale conseguenza è l’ictus. Per questo motivo, è importante conoscere i principali fattori di rischio per evitarli e, quindi, ridurre la probabilità di soffrirne.

Potrebbe interessarti ...
La sindrome di Horner: di cosa si tratta?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
La sindrome di Horner: di cosa si tratta?

La sindrome di Horner è un disturbo poco comune, noto anche come paralisi oculosimpatica, che danneggia i nervi dell'occhio e del viso.



  • Dossabhoy S, Arya S. Epidemiology of atherosclerotic carotid artery disease. Semin Vasc Surg. 2021 Mar;34(1):3-9.
  • Deeb R, Smeds MR, Bath J, Peterson E et al. Snoring and carotid artery disease: A new risk factor emerges. Laryngoscope. 2019 Jan;129(1):265-268.
  • Sun J, Yuan C, Hatsukami TS. Stroke Prevention with Extracranial Carotid Artery Disease. Curr Cardiol Rep. 2021 Oct 1;23(11):161.
  • Ratchford EV, Evans NS. Carotid artery disease. Vasc Med. 2014 Dec;19(6):512-5.
  • Krawisz AK, Carroll BJ, Secemsky EA. Risk Stratification and Management of Extracranial Carotid Artery Disease. Cardiol Clin. 2021 Nov;39(4):539-549.
  • Liang P, Wu WW, Schermerhorn ML. Recent advances in the treatment of carotid artery disease. J Cardiovasc Surg (Torino). 2019 Jun;60(3):345-353.