Come affrontare una ricaduta di sclerosi multipla

La sclerosi multipla è una malattia neuro degenerativa per la quale non esiste ancora un trattamento curativo. Le ricadute sono delle grandi sfide che richiedono un approccio particolare.
Come affrontare una ricaduta di sclerosi multipla
Maryel Alvarado Nieto

Scritto e verificato da la dottoressa Maryel Alvarado Nieto.

Ultimo aggiornamento: 10 dicembre, 2022

Si parla di ricaduta di sclerosi multipla (SM) quando i sintomi della disfunzione neurologica durano più di 24 ore. In questo concetto rientra anche il peggioramento delle manifestazioni cliniche del paziente nell’ultimo mese.

Tuttavia, questi sintomi non dovrebbero essere causati da febbre, cambiamenti ormonali o metabolici o disturbi del sonno. Queste ultime situazioni peggiorano le condizioni dei pazienti con SM, senza costituire un vero e proprio focolaio.

Al momento, l’origine della sclerosi multipla è sconosciuta. La letteratura scientifica riconosce due fasi patologiche sovrapposte:

  1. Da un lato, c’è un processo infiammatorio autoimmune che degenera la guaina mielinica della sostanza bianca nel sistema nervoso centrale (SNC). Questo meccanismo è responsabile dei sintomi delle epidemie.
  2. Allo stesso modo, si verifica anche una progressiva degenerazione degli assoni e dei neuroni, che porta alla disabilità permanente, tipica degli stadi avanzati della malattia.

La gestione farmacologica delle riacutizzazioni prevede la somministrazione di glucocorticoidi, in particolare metilprednisolone, a dosi elevate. Tale terapia si è dimostrata di grande utilità nell’accorciare la durata delle riacutizzazioni e diminuirne l’intensità.

Tuttavia, gli steroidi non sembrano modificare la progressione della malattia. I suoi effetti avversi ne limitano l’uso in pazienti con focolai lievi.

È importante sapere come affrontare una ricaduta di sclerosi multipla.

1. Supervisione medica costante

Anche se sembra una raccomandazione ovvia, non tutti i pazienti con sclerosi multipla si sottopongono regolarmente ai controlli medici. Ciò rende difficile il monitoraggio tempestivo sia dei sintomi che delle lesioni neurologiche visibili negli studi di imaging.

La mancanza di uno stretto follow-up causa ritardi nel riconoscimento delle recidive di sclerosi multipla. Per questo stesso motivo, c’è un ritardo nell’inizio del trattamento.

Si ritiene che una media di 0,5 focolai si verifichino in un anno nelle prime fasi della malattia.

Per questo motivo, gli esperti raccomandano valutazioni mediche ogni sei mesi e controlli di risonanza magnetica almeno una volta all’anno. È importante sottolineare che, anche se gli steroidi non curano la malattia, il loro uso precoce potrebbe avere un effetto protettivo riducendo il processo infiammatorio.

Risonanza cerebrale per il controllo della sclerosi multipla.
La raccomandazione è di eseguire una risonanza magnetica all’anno.

2. Conoscere la malattia è essenziale in una ricaduta di sclerosi multipla

La conoscenza della malattia da parte del paziente è fondamentale per affrontare la sua patologia. Per questo, non solo è necessario fornire informazioni accurate nella consultazione medica, ma si raccomanda anche che i pazienti partecipino a sessioni educative.

Lo scopo di questi incontri è aumentare la comprensione della SM da parte di coloro che ne soffrono. La formazione continua promuove il cambiamento comportamentale, che migliora la prospettiva del paziente sulla sua condizione.

Allo stesso modo, l’arricchimento delle conoscenze sulla malattia offrirebbe la possibilità di ridurre le recidive nella sclerosi multipla. Questo, rispetto a quelle persone che non hanno avuto un intervento educativo. Tuttavia, c’è ancora poca documentazione al riguardo e dovrebbero essere condotte ulteriori ricerche.

3. Misure preventive

Circa il 10% delle infezioni che si verificano nei pazienti con SM porterà a una ricaduta. Per questo motivo è fondamentale prevenirli; soprattutto quelli che costituiscono un fattore di rischio per questi pazienti.

La vitamina C consente l’acidificazione delle urine nelle persone con svuotamento incompleto della vescica. Costituisce una misura di prevenzione con una certa efficacia contro alcuni batteri.

Allo stesso modo vanno prevenute le infezioni delle vie respiratorie e quelle del tratto gastrointestinale in quei pazienti con difficoltà di deambulazione e con disturbi dell’evacuazione. Queste misurazioni devono essere indicate da un professionista qualificato.

È importante notare che non appena compaiono sintomi indicativi di un processo infettivo, è necessario consultare immediatamente un medico per una valutazione tempestiva. D’altra parte, condizioni come l’aumento della temperatura ambientale, l’esercizio fisico intenso, i cambiamenti ormonali, lo stress e la mancanza di sonno, esacerbano i sintomi della SM.

Sebbene questi non costituiscano un focolaio in quanto tale, peggiorano le manifestazioni. Pertanto, dovrebbero essere evitati.

4. La riabilitazione

I sintomi nella sclerosi multipla dipendono dall’area del SNC che è ferita. Poiché queste aree hanno ubicazioni diverse, esiste un’ampia gamma di manifestazioni fisiche.

Tuttavia, i segni più frequenti sono i seguenti:

  • Alterazioni motorie.
  • Disturbi visivi.
  • Sintomi propriocettivi.

La valutazione di ciascuno dei sintomi e della loro intensità dovrebbe essere effettuata da un gruppo di specialisti. In modo che le alternative farmacologiche per curarli abbiano il maggior successo possibile.

La letteratura propone alcuni consigli generali che possono aiutare il paziente ad affrontare la ricaduta della sclerosi multipla. Tuttavia, questi non dovrebbero sostituire l’approccio farmacologico. Tra le raccomandazioni ci sono le seguenti:

  • Indossare abiti larghi fatti di fibre naturali.
  • Fare delle pause periodicamente durante il giorno.
  • Eseguire l’esercizio fisico alla tolleranza, su base regolare.
  • Soggiornare in ambienti freschi o climatizzati.
  • Pianificare le attività più importanti nelle ore mattutine.
  • Utilizzare dispositivi di supporto meccanico.
  • Eliminare il vizio del fumo.
  • Ridurre l’assunzione di sale.
Stanchezza nella sclerosi multipla.
I sintomi di una ricaduta di sclerosi multipla sono intensi. Il supporto familiare in questi momenti è fondamentale per evitare di cadere in una spirale di depressione, stanchezza ricorrente e prolungamento dei sintomi acuti.

5. Il ruolo degli integratori alimentari

La carenza di vitamina D è stata proposta come fattore di rischio per la SM, ma non tutti i pazienti con sclerosi multipla hanno bassi livelli di questa vitamina. Per questo, per alcuni, è ragionevole pensare di correggere tale disavanzo.

La scelta della dose è stata oggetto di dibattito tra i ricercatori e non c’è consenso in merito.

D’altra parte, è consigliabile includere nella dieta di questi pazienti il pesce grasso, come il salmone. Se ciò non è possibile, l’integrazione con acidi grassi a catena lunga (omega-3) è considerata sicura per loro.

6. Trattare i sintomi nascosti di una ricaduta di sclerosi multipla

Ci sono tre manifestazioni cliniche che sono considerate sintomi nascosti della SM:

Nonostante la sua alta prevalenza, la riabilitazione neuro-psicologica non è solitamente offerta come opzione terapeutica iniziale in questi pazienti. Tuttavia, c’è un grande vantaggio nello sviluppo di comportamenti sani nelle persone con SM, quando viene utilizzato questo tipo di intervento.

La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) e, più recentemente, la formazione alla consapevolezza, si sono dimostrate strategie efficaci nella gestione dello stress derivato dalla malattia. In effetti, uno studio ha corroborato la diminuzione del numero di nuove lesioni in quei pazienti che hanno ricevuto una formazione CBT individuale.

Tuttavia, questi effetti sono scomparsi alla fine della terapia.

Il vantaggio che si ritiene offra la mindfulness rispetto alla CBT è che l’impatto positivo della pratica può essere mantenuto nel tempo, nonostante non continui la formazione. Le competenze acquisite possono essere implementate individualmente, migliorando nel tempo.

Potrebbe interessarti ...
Sclerosi multipla: 14 campanelli d’allarme da conoscere
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Sclerosi multipla: 14 campanelli d’allarme da conoscere

Fate attenzione alla comparsa dei seguenti sintomi, perché potrebbero essere dei segnali d’allarme dello sviluppo della sclerosi multipla.




Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.