Cos'è il clono e cosa lo causa?

Il clono è caratterizzato da scatti involontari del piede o della rotula. Meno comunemente, può apparire sulle mani. Spieghiamo perché si verifica.
Cos'è il clono e cosa lo causa?
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 13 dicembre, 2022

Il termine clono è usato in medicina per indicare una condizione neurologica caratterizzata da contrazioni muscolari involontarie. La parola deriva dal greco, che significa ‘agitazione’.

Si verifica nel contesto di malattie che colpiscono il percorso piramidale. Questo è ciò che è responsabile del controllo dei movimenti del corpo.

Il problema è che queste contrazioni possono interferire con la vita quotidiana del paziente. Inoltre, il segno compare in numerose patologie gravi. Pertanto, in questo articolo spieghiamo tutto ciò che devi sapere al riguardo e perché si verifica.

In cosa consiste il clono?

Come abbiamo sottolineato nell’introduzione, il clono è un segno derivato dal coinvolgimento neurologico. Come spiegato dalla Clinica Universitaria di Navarra, viene definita come una serie di contrazioni e rilassamenti muscolari involontari, alternati rapidamente. Il clono compare quando c’è un’estensione improvvisa e passiva dei tendini in maniera sostenuta.

È un riflesso profondo che di solito compare in uno specifico gruppo muscolare. Ad esempio, nell’articolazione della caviglia o nel ginocchio. Si verifica quando c’è un’estensione improvvisa e passiva dei tendini in queste aree.

In alcune situazioni, il clono è un riflesso fisiologico. Secondo uno studio pubblicato sull’Enciclopedia delle scienze neurologiche, è comune nei neonati.

Tuttavia, negli adulti, il clono è quasi sempre patologico. In questi casi, può essere un segno che c’è una lesione nella via piramidale. Questa lesione può verificarsi a livello del cervello o in una qualsiasi delle fibre che scendono ai muscoli e ai tendini.

Tipi di clono

Il clono colpisce più spesso il piede o la rotula. Tuttavia, sebbene sia raro, in alcuni casi si verifica nelle mani o in altre parti del corpo.

Il clono del piede si verifica quando il paziente viene costretto a flettere la gamba sulla coscia. L’esaminatore afferra il piede dalla suola, dorsiflettendolo, e compare il segno. Secondo una pubblicazione di semiologia medica fisiopatologica, sono una serie di scosse dell’arto.

Questi scatti vengono mantenuti fintanto che la posizione viene mantenuta. È importante distinguere questo dal fenomeno dell’ipereccitabilità neuromuscolare. In quest’ultimo caso il sussulto del piede cessa in un periodo di tempo più breve.

D’altra parte, il clonus rotuleo si verifica quando la rotula viene spinta verso il basso. Per fare ciò, l’esploratore deve spingerlo con le dita. Essendo un movimento più limitato, è più difficile da osservare che nel piede.

Anche il clono della mano è difficile da vedere. L’esaminatore deve mettere la mano del paziente in estensione passiva e forzata, quindi applicare un piccolo colpo che cerchi di aumentare l’estensione.

Revisione medica del clono del ginocchio.
Per generare il clono del ginocchio, il medico può premere sulla rotula, costringendola a comparire.

Quali sono le cause?

Clonus si verifica quando c’è una lesione al percorso piramidale. Questo percorso fa parte del sistema corticospinale. È responsabile della trasmissione degli impulsi nervosi legati al movimento.

Quello che succede è che il sistema nervoso centrale non riesce a inibire il riflesso tendineo profondo. Ecco perché l’eccitabilità di detto arco riflesso è aumentata.

L’esatta fisiopatologia è sconosciuta. Si pensa che uno dei meccanismi sia l’attivazione perpetua dei circuiti di allungamento dei muscoli. Cioè, ogni scatto muscolare fa riattivare il riflesso in un cerchio che non finisce. Potrebbe anche essere che a livello del sistema nervoso centrale venga prodotto un ordine affinché questi muscoli continuino il movimento.

L’idea che dobbiamo sottolineare è che il clono è una manifestazione di una lesione che colpisce il motoneurone superiore. I medici si riferiscono a questa come una prima lesione del motoneurone. Ecco perché di solito è accompagnato da altri segni di iperreflessia (riflessi esagerati).

Cause concrete

Le lesioni al tratto piramidale possono verificarsi a causa di molte malattie e situazioni. Pertanto, il clono è un segno alquanto anomalo.

Una delle principali cause del clono è l’ictus. Un’area del cervello smette di ricevere sangue ossigenato e le sue cellule sono danneggiate.

Può anche essere causato da un trauma al midollo spinale. Processi infettivi, come meningite ed encefalite, possono dare origine a questo segno. La sclerosi multipla, una malattia autoimmune, è anche associata alla comparsa del clono.

Può anche essere causato da tumori e ascessi. È importante notare che ci sono alcuni casi in cui il clono appare nel contesto dell’intossicazione. Può essere dovuto a farmaci, come antidepressivi triciclici o inibitori della ricaptazione della serotonina.

Come viene diagnosticato?

La diagnosi di clono viene solitamente effettuata mediante esame obiettivo. Il medico valuta tutti i riflessi e fa un esame completo.

Inoltre, di solito vengono conteggiate le scosse che si verificano. Una volta rilevata la presenza del clono, è fondamentale effettuare uno studio completo per trovarne la causa. Per questo, di solito, sono necessarie una serie di test complementari.

Uno dei più utilizzati è la risonanza magnetica. Questa immagine consente di osservare in dettaglio i tessuti cerebrali. Probabilmente verranno prescritti anche esami del sangue e del liquido cerebrospinale. Per ottenere quest’ultimo è necessario eseguire una puntura lombare.

Scansione cerebrale in un paziente con clono.
La scansione del cervello è essenziale quando si rileva il clono. La causa deve essere trovata rapidamente.

Potrebbe interessarti: Cos’è il riflesso di presa nei bambini?

Trattamenti disponibili per il clono

Il trattamento del clono dipenderà dalla causa. Ecco perché è importante fare una diagnosi corretta.

Tuttavia, un certo numero di farmaci può essere utilizzato per ridurre i sintomi. Sono farmaci che agiscono come miorilassanti e sedativi. Ad esempio, diazepam o clonazepam, che sono benzodiazepine. Anche baclofen o tiazinidina.

Tutti questi composti hanno effetti collaterali. Tendono a causare confusione, stanchezza, sonnolenza e vertigini. Alcuni di loro con una tendenza alla dipendenza.

Alternative terapeutiche

Una delle alternative per trattare il clono sono le iniezioni di tossina botulinica. Il motivo è che aiuta i muscoli a rilassarsi, impedendo la trasmissione degli impulsi nervosi.

Le iniezioni di tossina botulinica hanno un effetto limitato. Dopo un po’ i suoi effetti si attenuano. Ecco perché le applicazioni sono richieste frequentemente, ogni diversi mesi.

La fisioterapia è considerata un altro dei pilastri del trattamento. Attraverso tecniche riabilitative si stimola l’allungamento dei muscoli. Lavori anche per aumentare la gamma di movimento.

In alcuni casi refrattari si può ricorrere alla chirurgia. La procedura chirurgica si basa sul taglio dei nervi che causano i sussulti muscolari.

Un sintomo di qualcosa di più grande e più grave

Il clono è una serie di contrazioni involontarie di alcuni gruppi muscolari. I più colpiti sono quelli della caviglia e del ginocchio. Questo segno è tipico delle lesioni neurologiche che interessano il tratto piramidale.

Poiché non è specifico, è essenziale effettuare uno studio approfondito per trovarne la causa. Ci sono alcuni trattamenti che aiutano ad alleviare i sintomi. Tuttavia, la cosa principale è affrontare la malattia di base.




Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.