Cos'è l'amnesia digitale e come prevenirla?

La tecnologia ha cambiato il modo in cui viviamo, pensiamo, impariamo e ricordiamo. Siamo diventati un tutt'uno con i nostri dispositivi, ma in che misura questo influisce sulla nostra memoria?
Cos'è l'amnesia digitale e come prevenirla?
María Irene Benavides Guillém

Scritto e verificato da la dottoressa María Irene Benavides Guillém.

Ultimo aggiornamento: 27 settembre, 2022

Il concetto di “amnesia digitale” si riferisce all’effetto che la tecnologia ha sul cervello, in particolare sulla memoria. L’impatto della tecnologia sulla vita di tutti i giorni è devastante. Siamo testimoni di una digitalizzazione che va dall’infanzia alla vecchiaia.

Ogni giorno vengono fuori nuovi sviluppi e nuove applicazioni. I dispositivi digitali facilitano le nostre attività quotidiane, sono uno strumento fondamentale per il lavoro, ma anche per il tempo libero e per le relazioni sociali.

Ora, abbiamo avuto il tempo di analizzare a fondo l’impatto oltre lo strumentale? Questa profonda trasformazione psicologica, fisiologica e sociologica è motivo di crescente preoccupazione per gli scienziati di diverse aree.

Il cervello è vulnerabile a questa pletora di stimoli progettati per anticipare i bisogni degli utenti. La nostra memoria si atrofizzerà?

Cos’è l’amnesia digitale?

Dal 2007 c’è stato un crescente interesse per l’effetto della tecnologia sulla memoria. In un numero del 2011 della rivista Science, i professori Betsy Sparrow, Jenny Liu e Daniel M. Wegner hanno discusso per la prima volta dell’effetto Google. Cioè, la tendenza a dimenticare informazioni facilmente accessibili online.

Dal 2015 al 2016, la società di sicurezza informatica Kaspersky Lab ha condotto una serie di sondaggi su persone in Europa, Stati Uniti e India. L’obiettivo dello studio era interrogarli sull’impatto che la tecnologia ha avuto sulla loro vita quotidiana.

La ricerca ha rilevato che esiste una relazione diretta tra la possibilità di ottenere rapidamente un’informazione e il fatto di non memorizzarla. Fu quindi coniata l’espressione “amnesia digitale”.

In altre parole, l’amnesia digitale è la nostra inclinazione a non memorizzare ciò che otteniamo comodamente su Internet o sui dispositivi mobili. Tendiamo a ricordare dove abbiamo le informazioni, piuttosto che le informazioni stesse.

Come si verifica l’amnesia digitale?

Lo studio dell’amnesia digitale è un campo incipiente. Ci sono varie teorie su come la digitalizzazione può influenzare la memoria.

Uno di questi è che, quando sentiamo che con un solo clic possiamo acquisire ciò che vogliamo, non facciamo uno sforzo per memorizzare e rallentiamo il processo di apprendimento. In questo modo, l’informazione rimane solo nella memoria a breve termine.

D’altra parte, l’utilizzo di tutti i nostri sensi durante la memorizzazione delle informazioni (memoria multisensoriale) ne facilita la conservazione. Tenendo conto che, manipolando i dispositivi digitali, utilizziamo quasi esclusivamente il senso della vista, l’utilizzo di meno stimoli contribuirebbe alla povertà della memorizzazione.

Cellulari in mano.
I cellulari ci accompagnano ovunque e ci affidiamo a loro per ricordare le informazioni più importanti. Ciò toglie il lavoro alla memoria.

L’amnesia digitale in cifre

Le suddette indagini di Kaspersky Lab hanno prodotto i seguenti risultati:

  • Il 34% degli intervistati in Europa e il 44% degli americani ha affermato che il proprio smartphone era la loro memoria.
  • L’amnesia digitale era presente sia nei giovani che negli anziani.
  • La metà degli americani, di fronte a una domanda, consulta Internet prima di cercare di ricordare.
  • Il 50% degli intervistati in India non era interessato a ricordare le informazioni, ma a dove trovarle.
  • Su 10 persone, 8 hanno ammesso di utilizzare i propri dispositivi digitali molto di più oggi rispetto a 5 anni fa.

Uno studio pubblicato nel 2020, condotto in India, ha rilevato che circa il 48% degli intervistati non sa cosa sia l’amnesia digitale. Il 41,5% andrebbe nel panico se perdesse il cellulare.

In un recente studio, condotto da Shakti Swaminathan, sono stati intervistati 550 studenti universitari indiani di età compresa tra 18 e 22 anni. Alcuni dei risultati più eccezionali sono i seguenti:

  • Solo il 15,6% memorizza le informazioni di cui ha bisogno per avere a portata di mano. Al contrario, il 66% cerca online le informazioni di cui ha bisogno.
  • Il 30% dei partecipanti allo studio si sentirebbe triste se perdesse il cellulare.
  • Quasi il 70% non riesce a ricordare i numeri di telefono.
  • Il 36% è preoccupato per la propria dipendenza dalla tecnologia.

Quali conseguenze può avere?

Le conseguenze della digitalizzazione sulla nostra capacità di memorizzare non sono tutte negative. Potrebbe essere utile delegare alcune questioni banali ai dispositivi mobili e lasciare che il cervello si concentri su ciò che è importante.

Al contrario, esiste la possibilità che ciò implichi una minore stimolazione e, quindi, un minore sviluppo delle connessioni neurali. Va notato che queste sono la chiave della memoria.

La mancata memorizzazione di determinate informazioni può essere problematica nei seguenti scenari:

  • Dobbiamo ricordarlo e non abbiamo accesso a un dispositivo di archiviazione o di ricerca online.
  • Non possiamo archiviarlo su supporti digitali perché non è sicuro o consigliabile.
  • Devi interiorizzare e ricordare le informazioni a lungo termine.
  • Perdiamo il dispositivo in cui memorizziamo le informazioni.

Un’altra preoccupazione riguardo al problema riguarda la sicurezza dell’archiviazione di dati sensibili sui media digitali e l’essere vittime degli hacker.

Oltre l’amnesia digitale

Gli effetti della digitalizzazione sul cervello non si limitano alla memoria. Ci sono diversi aspetti della salute mentale che potrebbero essere danneggiati dall’uso eccessivo dei media digitali. Ad esempio, questo fatto è stato correlato a deficit di attenzione, irritabilità e comportamento aggressivo.

Che la comunicazione e la socializzazione dipendano in gran parte dai social network e dai dispositivi digitali, porta a un calo del contatto umano. Nel caso dei bambini, l’esposizione precoce a questo fenomeno può portare alla perdita di abilità come l’ empatia.

D’altra parte, uno dei fenomeni che è stato associato alla comparsa dell’amnesia digitale è la dipendenza da telefoni cellulari. Il che porta a disturbi del sonno che danneggiano ulteriormente la memoria. Allo stesso tempo, la perdita di dispositivi che contengono importanti informazioni personali e professionali è in grado di generare ansia, attacchi di panico e disturbi da stress post-traumatico.

È molto difficile salvaguardare la privacy nel mondo digitale. La presenza di informazioni personali nel cloud lo espone a molteplici crimini informatici: frode, spionaggio, pornografia e cyberbullismo.

Come faccio a sapere se soffro di amnesia digitale?

La ricercatrice e psicologa clinica Pragya Lodha propone di rispondere alle seguenti domande per determinare se si verifica un’amnesia digitale:

  • Dove conservi le tue informazioni? Sempre su dispositivi digitali?
  • Dedichi troppo tempo ai media digitali?
  • Il tuo modo di comunicare è diventato esclusivamente virtuale?
  • La tua condotta ha influito negativamente sul tuo lavoro? Ad esempio, hai degli errori, dimentichi le tue responsabilità, non adempi ai tuoi impegni e compiti.
  • Non riesci a immaginare una zona priva di tecnologia?
  • Ti senti perso senza il tuo smartphone?
Amnesia digitale.
L’uso eccessivo del cellulare, anche a letto e a tarda notte, pregiudica la capacità di memorizzazione.

Come evitarla?

Se dopo aver risposto alle domande precedenti ritieni di trovarti di fronte a un caso di amnesia digitale, ci sono delle misure che puoi adottare al riguardo. Lodha dice che qualunque cosa tu faccia per mantenere la tua sanità mentale ti aiuterà.

La disintossicazione digitale è essenziale. Disconnettiti quando condividi con la tua famiglia o il tuo partner e cerca di motivare questo comportamento negli altri.

Entra in contatto con la natura e pianifica la vita all’aria aperta. Quando viaggi o fai una passeggiata, prova a goderti e vivere le esperienze. Costruisci ricordi memorabili. Non cercare di fotografare, condividere o catturare ogni momento sui dispositivi digitali.

Prendi l’abitudine di memorizzare le informazioni che sono importanti per te. Sforzati di mantenere i dati archiviati al sicuro e investi nella sicurezza delle informazioni piuttosto che nella decorazione dell’hardware.

Nessuno dubita che il progresso della tecnologia trasformi radicalmente la vita. Tuttavia, resta ancora molto da capire sull’effetto che ha sul cervello.

Per prendersi cura di sé e della propria salute, si raccomanda di chiederci se dipendiamo da tali dispositivi. Non si tratta di smettere di godersi la tecnologia, ma di usarla saggiamente.

Potrebbe interessarti ...
I social network: vantaggi e svantaggi
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
I social network: vantaggi e svantaggi

Tutti i social network si distinguono sono spazi digitali nei quali le persone, le aziende e le organizzazioni confluiscono e interagiscono.



  • Swaminathan S. Digital Amnesia: The Smart Phone and the Modern Indian Student. Journal of Humanities and Social Sciences Studies, 2020;2(3):23-31.
  • Hesselmann G. No conclusive evidence that difficult general knowledge questions cause a “Google Stroop effect”. A replication study. PeerJ. 2020;8:e10325.
  • Lodha P. Digital Amnesia: are we headed towards another amnesia. Indian Journal of Mental Health, 2019;6(1):18-22.
  • Dirin A, Alamäki A, Suomala J. Digital Amnesia and Personal Dependency in Smart Devices: A Challenge for AI. Proceedings of Fake Intelligence Online Summit 2019.
  • Kaspersky Lab. From digital amnesia to augmented mind. Disponible en: https://media.kaspersky.com/pdf/Kaspersky-Digital-Amnesia-Evolution-report-17-08-16.pdf
  • Kaspersky Lab. The rise and impact of digital amnesia. Why we need to protect what we no longer remember. Disponible en: https://media.kasperskycontenthub.com/wp-content/uploads/sites/100/2017/03/10084613/Digital-Amnesia-Report.pdf
  • Sparrow B, Liu J, Wegner DM. Google effects on memory: cognitive consequences of having information at our fingertips. Science. 2011;333(6043):776-8.