Dieta messicana: la top ten degli ingredienti e alimenti tipici

La dieta messicana è un'esplosione di consistenze, colori e sapori che la rendono una delle più appetitose e accattivanti al mondo.
Dieta messicana: la top ten degli ingredienti e alimenti tipici

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio, 2022

Alcuni dei migliori ingredienti della dieta messicana hanno varcato i suoi confini. Vaniglia, cacao, avocado, mais, peperoncino e patata sono originari di questo paese e senza di loro un gran numero di ricette sarebbe impensabile.

Inoltre, la sua gastronomia e le ricette tradizionali sono diventate comuni in altri paesi. Oggi, la dieta messicana è allo stesso livello della dieta mediterranea, giapponese e francese; tutti e 4 riconosciute come Patrimonio Immateriale dell’Umanità.

Dieta messicana: una cultura ancestrale

La gastronomia messicana è caratterizzata da un gran numero di piatti e pietanze e dall’utilizzo dei più svariati ingredienti e condimenti. È un simbolo di identità nazionale, di cultura collettiva, sostenuto dall’impiego di prodotti tipici.

Le salse verdi di tomatillo, i tacos di mais o le carnitas arrosto sono un’esplosione di consistenze, colori e sapori che fanno della dieta messicana una delle più appetitose e accattivanti al mondo.

Le sue origini risalgono al periodo preispanico. Mais, pomodoro e peperoncino erano la base di una cucina che si completava con carne, pesce, erbe aromatiche e cioccolato, tra gli altri ingredienti.

Nel corso dei secoli si è arricchita di cibi importati dai conquistatori spagnoli e dai popoli migranti. E sebbene ci sia una grande differenza tra le regioni, alcuni piatti sono diventati nazionali, come la cochinita pibil, il mole poblano, il pozole o le curundas purepechas.

Se volete saperne di più sugli ingredienti tipici della dieta messicana, siete nell’articolo giusto.

Gli ingredienti tipici della dieta messicana

Ogni gastronomia raccoglie in sé un gran numero di cibi. Ma alcuni piatti si innalzano sugli altri, per la varietà di uso, il simbolismo o perché sono protagonisti di ricette cariche di significato. Questi sono i piatti più diffusi nelle cucine messicane.

Chili

Nelle dispense messicane non può mancare il peperoncino, ingrediente dal sapore piccante molto caratteristico. In Messico si può trovare una grande varietà di peperoncini. I più conosciuti sono il pepe poblano, l’habanero, il jalapeño, la pasilla, la morita e il chipotle.

Il peperoncino può essere aggiunto fresco, essiccato, macinato o cotto ed è onnipresente in salse e condimenti. Tuttavia, data la grande varietà, ci si può sbizzarrire e aggiungerlo ai piatti a seconda del colore, della forma e del grado di calore.

Chili in un piatto di fagioli.
I peperoncini messicani fanno la loro comparsa in numerosi piatti della gastronomia del paese.

Pomodoro

Coltivato dai Maya e dagli Aztechi, il pomodoro è un alimento universale di origine messicana. Le sue preparazioni più tipiche sono le salse cotte e fresche. Queste ultime sono preparate con alcuni degli ingredienti base della dieta messicana: pomodori, cipolla, peperoncino e coriandolo.

In realtà, il pomodoro entra a far parte di quasi tutte le preparazioni. Dà colore a zuppe, brodi, passati, insalate, ceviches e risotti. O si gusta semplicemente il succo fresco.

Cipolla

Pur non essendo un ingrediente autoctono, è molto utilizzato in tutto il Messico e si trova alla base di molti piatti: zuppe, stufati e salse. È anche molto comune trovarla nelle insalate, tacos, sopes e gorditas, cruda, in salamoia o arrosto.

Mais: uno degli ingredienti quotidiani della dieta messicana

Insieme al frumento e al riso, il mais è una delle tre piante più consumate al mondo e alimento essenziale in Messico. È ancora una coltura di base che garantisce autosufficienza a molte comunità contadine e indigene.

L’elenco delle preparazioni in cui è presente il mais può essere infinito. Per secoli è stato macinato per elaborare un gran numero di impasti, come le tortillas. Consumate quotidianamente da quasi tutti i messicani, sono ripiene di fagioli, riso, carne o stufato, sotto forma di tacos, enchiladas o chilaquiles.

Ma è anche comune consumare il chicco intero arrostito; condito con lime, peperoncino e maionese (esquites) o sotto forma di zuppa di verdure e carne (pozole). Oltre al cibo, si rientra anche nella preparazione di bevande come il tejuino o l’atole.

Fagioli

Compagni essenziali del mais ed elemento molto importante della cucina messicana sono i fagioli. Delle 150 specie conosciute al mondo, 50 si trovano solo in questo paese e possono essere viola neri, bianchi, gialli o maculati.

Sono presenti nella maggior parte degli snack, come tlacoyos o panuchos. Sono anche i protagonisti di piatti tipici, come i fagioli fritti, i fagioli charro o i frijoles puercos.

Zucca

Insieme alle due precedenti, la zucca è la terza colonna della dieta messicana fin dai tempi preispanici. La sua coltivazione risale a 7500 anni fa e di tutte le varietà la più diffusa è quella verde o gialla.

Cotta intera, la polpa viene utilizzata per preparare tamales e moles. Inoltre si trova anche in preparazioni dolci, come la calabaza en tacha tipica del Giorno dei Morti e che si prepara con guava, zucchero e cannella.

Nopal: il più emblematico tra gli ingredienti della dieta messicana

Il nopal è un cactus ed è un simbolo del paese in tutto il mondo. Alimento base per la civiltà Nahuatl, è apprezzato sia per il suo sapore che per la sua composizione e proprietà nutritive. Una volta tolte le spine, si usa nelle insalate, nelle zuppe, negli stufati o in salamoia.

Avocado

Questo frutto è coltivato in Messico da circa 5000 anni e oggi è una delle sue maggiori esportazioni. La sua popolarità in tutto il mondo è dovuta alla grande versatilità in cucina, al gusto e consistenza delicati e all’alta presenza di nutrienti.

Il guacamole è una delle ricette più note della cucina messicana, preparata con avocado schiacciato. Si aggiunge anche affettato a molti piatti, come fagioli, ceviches, riso, zuppe e brodi.

Formaggio

La tradizione casearia in Messico inizia con l’arrivo dei conquistatori spagnoli. Gran parte dei formaggi autoctoni sono prodotti con latte di vacca. Alcuni sono conosciuti in tutto il paese e altri sono prodotti solo a livello regionale.

È un ingrediente eccezionale in gastronomia che aggiunge sapore e consistenza cremosa a molte preparazioni. I formaggi chihuahua, oaxaca, cotija, fresco o adobero sono usati per ricoprire enchiladas, fagioli o tacos.

Coriandolo

Il coriandolo è un ingrediente altrettanto importante nella dieta messicana, alla quale dona un intenso sapore agrumato e un leggero tocco piccante. Le foglie fresche vengono aggiunte per insaporire pesce e crostacei e per guarnire guacamole, tacos o salsa pico de gallo.

Tacos messicani.
I piatti messicani hanno un sapore speciale e di solito presentano una grande varietà di colori.

Potrebbe interessarvi anche: Zuppa di pollo messicana ricostituente

Huevos rancheros: le uova alla messicana

Una colazione da star in questo paese sono le huevos rancheros, uova strapazzate servite su tortillas di mais e facoltativamente accompagnate da platano fritto.

Ingredienti per preparare 2 porzioni:

  • 4 uova
  • 1/2 cipolla.
  • Peperoncino in polvere.
  • Coriandolo fresco
  • 1 pomodoro grande
  • Tortillas di mais.
  • Avocado a piacere.
  • Sale e pepe.

Sbucciate e tagliate a cubetti la cipolla e fatela appassire in una padella con olio, fino a doratura. Aggiungete il pomodoro tagliato a cubetti e cuocete per altri 2 minuti. Mescolate per integrare gli ingredienti.

In una ciotola sbattete leggermente le uova e aggiungetele nella padella con la cipolla e il pomodoro. Abbassate la fiamma, insaporite con una buona manciata di coriandolo tritato, salate e  pepate a piacere e portare le uova al punto desiderato.

Per servire, possono essere adagiate sopra delle tortillas di mais e guarnite con fettine di avocado. Ma se si hanno degli avanzi dai pasti precedenti (funghi, pollo, un po’ di prosciutto), è possibile aggiungere tutti gli ingredienti desiderati.

Antojito: il cibo di strada della dieta messicana

Gli antojito sono un tipo di street food molto diffuso nei mercati messicani, sia al mattino che al pomeriggio. Alcuni dei più noti sono tacos, tamales o gorditas. Anche le quesadillas, che si preparano con tortillas di mais ripiene di formaggio, piegate a metà e tostate su una piastra.

I formaggi più diffusi in Messico sono il chihuahua e l’oaxaca, ma si possono trovare anche mozzarella, emmental, chedar o qualsiasi altro formaggio che si sciolga bene. Possono essere accompagnati da tanti altri ingredienti, come avocado, pomodoro, pollo, fagioli fritti, funghi, peperoni arrostiti o chorizo.

Divertitevi in cucina con gli ingredienti tipici della dieta messicana

Riassumere l’ampia varietà di ingredienti della dieta messicana in 10 punti non è un compito facile, poiché si tratta di una gastronomia ricca di tradizioni locali. Tuttavia, queste basi servono per iniziare e imparare un po’ di più su questa cucina ricca e diversificata.

L’uso che viene dato a questi ingredienti è personale, ma quello su cui non abbiamo dubbi è che si tratta di cibi sani e gustosi che garantiscono una deliziosa esperienza culinaria. Quindi, senza ulteriori indugi, vi invitiamo a provarli!

This might interest you...
Dieta asiatica: in che cosa consiste e quali sono i benefici
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Dieta asiatica: in che cosa consiste e quali sono i benefici

La dieta asiatica è una delle più salutari al mondo. Scopri perché, conosci i suoi benefici e alcuni piatti che puoi preparare a casa.



  • Acle R.S, Montiel A.V. Influencia de la gastronomía mexicana en el consumo étnico de España. Revista interamericana de ambiente y turismo. Diciembre 2018. 14(2).
  • Cuevas Mejía J.J. Maíz: alimento fundamental en las tradiciones y costumbres mexicanas. PASOS. Revista de turismo y patrimonio cultural. 2014. 12(2): 425-432.
  • McGee H. La cocina y los alimentos. Editorial Debate. 2017.
  • Patrimonio Cultural Inmaterial. La cocina tradicional mexicana, cultura comunitaria, ancestral y viva.  El paradigma de Michoacán. Organización de las Naciones Unidas para la Educación, la Ciencia y la Cultura.