Dry scooping, i pericoli di questa sfida virale di TikTok

L'assunzione di proteine in polvere è la tendenza sui social network che mette a rischio i giovani. Vi diciamo cos'è il "dry scooping".
Dry scooping, i pericoli di questa sfida virale di TikTok

Scritto da Cristian Minich

Ultimo aggiornamento: 09 agosto, 2022

I social network sono di gran moda tra i giovani e le sfide sono sulla cresta dell’onda. Tuttavia, molte di queste sfide mettono a rischio la salute e persino la vita. Una delle ultime sfide è prendere un cucchiaio di polvere energetica non diluito per ottenere dei benefici immediati. Continua a leggere per scoprire cos’è il dry scooping e quali sono i pericoli di questa sfida virale di TikTok.

L’espressione dry scooping potrebbe essere tradotta come “cucchiaio asciutto”. Consiste nel consumare una polvere e poi bere sorsi d’acqua con l’obiettivo di ottenere risultati immediati per aumentare le energie e migliorare le prestazioni sportive.

Tuttavia, nel giugno 2021, Briatney Portillo (20 anni), influencer dei social media, ha rivelato di aver subito un infarto dopo aver affrontato questa sfida di TikTok. Il caso della giovane è servito a rendere visibile questo problema e ad allertare la popolazione sui rischi di una tendenza che, a cambio dell’aumento del numero di seguaci, potrebbe essere fatale.

Integratori per l’allenamento: usi e componenti

Gli integratori per l’allenamento stanno diventando sempre più comuni tra i frequentatori delle palestre. Sono utilizzati per migliorare le prestazioni fisiche perché danno energia e favoriscono l’attivazione muscolare.

Contengono ingredienti che assicurano maggiore forza e resistenza. Si tratta di polveri che solitamente mescolano amminoacidi, vitamine e altre sostanze, come la caffeina.

Il consumo di polveri energetiche avviene sotto forma di bevande, poiché vengono diluite nell’acqua e assunte circa mezz’ora prima di svolgere l’attività fisica. Quando vengono consigliati da un medico sportivo e godono dell’approvazione di un nutrizionista, un consumo responsabile degli integratori per l’allenamento può portare buoni risultati. In caso contrario, i rischi possono essere tanti.

Gli ingredienti più comuni sono:

  • Caffeina: aumenta il metabolismo, riduce la sensazione di affaticamento e stimola il sistema nervoso centrale.
  • Beta-alanina: è un aminoacido non essenziale presente nella carne. Aiuta ad aumentare la resistenza, migliora la massa muscolare e diminuisce il grasso corporeo.
  • Citrullina: anche questo è un aminoacido non essenziale. Aiuta a rimuovere l’ammoniaca, che è associata all’affaticamento muscolare. Se vogliamo trovarlo nel cibo, dobbiamo consumare l’anguria.
  • Creatina: è una sostanza chimica. È presente nella carne rossa e nei frutti di mare. Fornisce maggiore forza e aiuta ad aumentare la massa muscolare.
Integratori sportivi utilizzati nella raccolta a secco.
La creatina è stata utilizzata per anni come integratore sportivo e diversi studi ne supportano l’uso per raggiungere determinati obiettivi sportivi.

Potrebbe interessarvi: Frullato vegano per il post allenamento

I rischi del dry scooping

In genere, le polveri per l’allenamento contengono stimolanti, vitamine e sostanze nutritive. Questa polvere va diluita in acqua e consumata prima dell’attività fisica.

Tuttavia, l’assunzione non diluita ha guadagnato popolarità sulle reti perché, a quanto pare, avrebbe un effetto immediato. Anche se può causare effetti collaterali molto pericolosi.

Infortuni, malattie e persino attacchi di cuore

Uno studio sull’uso di integratori proteici nelle palestre mostra che oltre il 25% del numero totale di persone che frequentano li utilizza. Ma non solo: il totale di coloro che frequentano una palestra e li usa, supera di gran lunga il fabbisogno proteico giornaliero per la popolazione generale e per gli atleti.

Nel caso del dry scooping, oltre a fornire benefici più immediati, potrebbe anche aggravarne le conseguenze:

  • Lesioni: il sovraffaticamento alimentato dall’assunzione di stimolanti provoca un maggior rischio di lesioni muscolari.
  • Asfissia: potrebbe verificarsi se la polvere viene inalata accidentalmente.
  • Polmonite: un’infezione nei polmoni. Come nel caso del soffocamento, potrebbe essere dovuto all’inalazione di polvere che raggiunge gli alveoli favorendo la polmonite da aspirazione.
  • Malattie cardiache: un cucchiaio di proteine in polvere equivale solitamente a consumare cinque tazze di caffè. Ciò può causare variazioni della frequenza cardiaca e aumento della pressione sanguigna.
  • Attacchi cardiaci: si verificano quando il flusso sanguigno è bloccato e l’ossigeno non riesce a raggiungere il cuore, provocando la morte delle cellule cardiache.

Sintomi ed effetti collaterali

Se torniamo al caso di Briatney Portillo, la ragazza che ha dovuto essere ricoverata in ospedale dopo aver svolto la challenge virale su TikTok, come registrato in varie interviste, presentava alcuni sintomi come formicolio, prurito e fastidio al petto durante la pratica sportiva.

Anche se all’inizio è andata avanti, poi le sue condizioni sono peggiorate ed è finita ricoverata in ospedale. Alla fine, si è scoperto che ha subito un infarto del miocardio. Per fortuna la giovane ha avuto una buona guarigione, anche se i retroscena sono gravi.

Questi sono alcuni effetti collaterali che potremmo soffrire dopo il dry scooping:

  • Prurito.
  • Vertigini.
  • Svenimento.
  • Formicolio.
  • Indigestione.
  • Difficoltà a respirare.
  • Disturbi del battito cardiaco.
  • Dolore o fastidio al petto, alle braccia, alla schiena o al collo.
Polvere sportiva per scavare a secco.
La polvere non diluita può passare nelle vie respiratorie causando asfissia.

Per un pugno di followers…

Alcune polveri energetiche in vendita online potrebbero essere di scarsa qualità o non contenere gli ingredienti elencati nell’etichetta. È bene verificare la provenienza prima dell’acquisto e procurarsi solo prodotti certificati. D’altra parte, è una buona idea raccogliere quante più informazioni possibili prima di affrontare una sfida solo per imitare gli altri.

Uno studio scientifico condotto in Svizzera nel 2020 ha mostrato che i prodotti più utilizzati dai frequentatori delle palestre sono integratori proteici, magnesio e micronutrienti multipli. Le fonti di informazione più utilizzate sono il personal trainer, il sito web del venditore e gli altri utenti della palestra.

Solo il 37% degli utenti si è informato accuratamente sui potenziali rischi associati agli integratori in polvere. La ricerca conclude che un’elevata prevalenza di assunzione di integratori tra gli utenti delle palestre è associata a un basso livello di qualità delle informazioni.

Meglio l’energia dei pasti quotidiani e non quella del dry scooping

Il consumo di proteine in polvere prima dell’allenamento può essere un’opzione per ottenere più energia, purché venga fatto in modo responsabile e con il consenso di un medico o di un nutrizionista. Occorre prestare attenzione alle istruzioni su come diluire la polvere e a che ora berla per evitare complicazioni.

Il dry scooping è una pratica fortemente sconsigliata, poiché gli effetti collaterali sono pericolosi per la salute e possono essere fatali. In ogni caso, la cosa migliore da fare è seguire una dieta sana che ci dia le energie necessarie per affrontare l’allenamento.

Potrebbe interessarti ...

Cosa mangiare prima dell’allenamento?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Cosa mangiare prima dell’allenamento?

Spieghiamo cosa mangiare prima dell'allenamento per ottenere il massimo rendimento e ridurre il rischio di lesioni muscolari.



  • Sánchez Oliver A, Miranda León MT, Guerra-Hernández E. Prevalence of protein supplement use at gyms. Nutr Hosp. 2011 Sep-Oct;26(5):1168-74. doi: 10.1590/S0212-16112011000500037. PMID: 22072369. Disponible en: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22072369/
  • Mettler S, Bosshard JV, Häring D, Morgan G. High Prevalence of Supplement Intake with a Concomitant Low Information Quality among Swiss Fitness Center Users. Nutrients. 2020 Aug 26;12(9):2595. doi: 10.3390/nu12092595. PMID: 32859048; PMCID: PMC7550988. Disponible en: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32859048/