Effetti collaterali della chirurgia della cataratta

Come qualsiasi altra procedura chirurgica, la chirurgia della cataratta potrebbe presentare alcune complicazioni. Ecco quali.
Effetti collaterali della chirurgia della cataratta

Ultimo aggiornamento: 01 agosto, 2022

La chirurgia della cataratta è una delle procedure più antiche e, allo stesso tempo, una delle più frequenti nella pratica medica, con alcuni effetti collaterali. Dai primi tentativi di ripristinare la vista nei pazienti con cataratta alle attuali tecniche all’avanguardia, il numero di complicazioni di questo intervento si è ridotto progressivamente. Tuttavia, alcuni persistono ancora, anche se con una frequenza minima.

La cataratta è una delle principali condizioni oftalmologiche che colpiscono gli anziani. In questa patologia, nella lente compaiono vari gradi di opacità, una lente intraoculare naturale che consente alla luce di passare attraverso la retina per osservare il mondo che ci circonda. Questa funzione è possibile grazie alla trasparenza della lente, in modo che le aree opache generino una diminuzione dell’acuità visiva.

Come prevenire gli effetti collaterali della chirurgia della cataratta

La valutazione pre-operatoria è essenziale per qualsiasi intervento chirurgico, anche nel caso dell’oftalmologia.

Una valutazione approfondita ci permette di riconoscere i fattori di rischio di ogni paziente, anticipando le varie situazioni, sia in chirurgia che nel recupero da essa. Allo stesso modo, la valutazione pre-operatoria è essenziale per scegliere il miglior approccio chirurgico in ogni caso.

Ci sono determinate condizioni che devono essere prese in considerazione, poiché aumentano la probabilità di effetti collaterali nella chirurgia della cataratta. Pertanto, essere in grado di identificarli è vitale per il successo della procedura. Allo stesso modo, la chiarezza con cui le informazioni vengono fornite al paziente evita aspettative irrealistiche.

Tra le condizioni che aumentano il rischio di complicanze nella chirurgia della cataratta ci sono le seguenti:

Per saperne di più: Tipi di glaucoma

Inoltre, durante l’intervento chirurgico stesso, possono verificarsi alcune situazioni indesiderate che influiscono sui risultati. Queste complicazioni sono ancora meno frequenti e dipendono in parte dalla tecnica utilizzata.

Tuttavia, la maggiore probabilità di insorgenza nei pazienti con fattori di rischio mostra che le complicanze intraoperatorie sono direttamente correlate alla situazione preoperatoria.

Vediamo, quindi, gli effetti collaterali che si registrano maggiormente nella chirurgia della cataratta. I primi 5 di cui vi parleremo sono successivi all’atto chirurgico e gli ultimi 3 si riferiscono a quelle complicazioni che già compaiono al momento dell’intervento.

Cataratta in un uomo.
La cataratta influisce sulla qualità della vita degli anziani, le persone più colpite a causa del processo di invecchiamento.

1. Opacità della capsula posteriore (PCO)

Questa è la principale complicanza nella chirurgia della cataratta ed è la causa di una diminuzione dell’acuità visiva innescando una visione offuscata. La capsula del cristallino posteriore è una delle strutture lasciate durante l’intervento di estrazione, poiché sostiene la lente intraoculare.

Origine della complicazione

L’opacità della capsula posteriore si verifica quando le cellule che vengono eliminate durante la procedura rimangono residue. La migrazione di questi elementi alla capsula, che ha una conformazione che le conferisce trasparenza, ostacola il passaggio della luce.

Correzione dell’effetto negativo

La capsulotomia che utilizza la tecnologia laser YAG è la prima scelta di trattamento per l’ opacità della capsula posteriore. Tuttavia, è una procedura che viene eseguita se l’alterazione visiva è significativa, come evidenziato dalla lampada a fessura.

I risultati sono eccellenti, ma come ogni procedura presenta dei rischi:

2. Aumento della pressione intraoculare

Un’altra causa di visione offuscata dopo l’intervento di cataratta è l’aumento della pressione intraoculare (IOP), che di solito è transitoria. Tra le cause sono descritti il peso molecolare del materiale utilizzato nell’intervento, la localizzazione della lente intraoculare e l’uso di gocce di steroidi dopo l’intervento chirurgico.

L’aumento della IOP può essere prevenuto dall’indicazione postoperatoria di farmaci che abbassano la pressione intraoculare, per via orale o topica. Tuttavia, il follow-up del paziente è essenziale, poiché alcuni richiedono farmaci antiglaucoma prolungati e anche ulteriori interventi chirurgici.

3. Corpo estraneo nell’occhio operato

Una complicazione frequente è la presenza di un corpo estraneo intraoculare dopo un intervento alla cataratta. Tra questi, elenchiamo:

  • Resti metallici.
  • Fibre di cotone.
  • Rifiuti di plastica.
  • Resti cellulari dell’intervento.
  • Frammenti di lente intraoculare.

La revisione del team, sia prima che al termine dell’intervento chirurgico, nonché un approfondito esame postoperatorio, riducono la frequenza di questa complicazione. In generale è consigliata la rimozione del corpo estraneo, poiché a seconda del tipo di materiale e della sua ubicazione, può innescare grossi problemi:

4. Distacco di retina

Dopo l’intervento di cataratta c’è un rischio maggiore di distacco della retina rispetto alla popolazione generale. I sintomi comprendono la presenza di piccoli punti che galleggiano nel campo visivo, noti come floaters (miodesopsia), la sensazione di bagliori di luce (fotopsia) e la progressiva perdita della vista come un sipario.

A seguito di questi sintomi, dovrebbe essere richiesta una valutazione oftalmologica urgente.

5. Endoftalmite: una delle complicanze più temute

Una delle cause di dolore e occhi rossi è l’endoftalmite, un’infezione del bulbo oculare. Ciò si verifica quando i microrganismi entrano attraverso l’incisione chirurgica, colonizzando l’interno dell’occhio.

Le misure asettiche sono fondamentali nella sua prevenzione, così come l’indicazione di antibiotici topici prima dell’intervento chirurgico. Il trattamento deve essere iniziato immediatamente, poiché compromette la capacità visiva.

6. Rottura capsulare

Sebbene sia uno degli effetti collaterali descritti durante l’intervento di cataratta, e il primo dei 3 che abbiamo chiamato intraoperatori, questa complicanza è piuttosto insolita. Tra le sue cause vi sono la lacerazione della capsula posteriore da parte degli strumenti utilizzati durante la procedura e persino il trauma generato durante il posizionamento della lente intraoculare.

È una complicanza seria, poiché la riparazione è una sfida chirurgica. In particolare, perché di solito si verifica in pazienti con condizioni di base difficili da gestire. Inoltre, la rottura della capsula porta ad altri effetti indesiderati, come il distacco della retina e l’ edema maculare.

7. Dialisi zonulare

La dialisi zonulare è una complicazione rara nella chirurgia della cataratta, più frequente nei pazienti con fattori di rischio. Per riparare questa lesione della zonula, si consiglia di posizionare un anello di tensione per fissare la lente.

Chirurgia oculare.
Qualsiasi intervento chirurgico agli occhi deve essere eseguito con standard di qualità elevati. È un’area molto sensibile che richiede grande cura.

8. Emorragia soprachoroidale

Una rara complicanza negli interventi chirurgici attuali è l’emorragia soprachoroidale. La rottura dei vasi sanguigni da parte dell’incisione porta ad un aumento della pressione intraoculare con uscita del contenuto oculare attraverso la stessa ferita. Fermare immediatamente l’emorragia durante l’intervento chirurgico è fondamentale.

Altri effetti collaterali della chirurgia della cataratta

Sebbene rare, le complicanze intraoperatorie portano a uno scarso esito dell’intervento. Per questo motivo, la valutazione preoperatoria è così importante.

Allo stesso modo, nei paesi in via di sviluppo è stata confermata una maggiore frequenza di questo tipo di complicanze durante l’intervento di cataratta. Ciò è dovuto ai limiti tecnologici che hanno queste popolazioni e al limitato accesso alla formazione e all’aggiornamento.

Come in ogni atto chirurgico, durante il periodo di guarigione possono comparire sintomi dovuti alla manipolazione delle strutture oculari. Questi includono dolore, sensazione di corpo estraneo e secchezza oculare. Allo stesso modo, il farmaco somministrato può innescare effetti avversi transitori.

La persistenza dei sintomi o la loro intensità dovrebbe essere un motivo per consultare un oculista.

Potrebbe interessarti ...
Xantelasmi: quelle macchie bianche intorno agli occhi
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Xantelasmi: quelle macchie bianche intorno agli occhi

Gli xantelasmi sono piccole macchie che compaiono intorno agli occhi; se non trattate diventano piccoli tumori, benigni ma antiestetici.



  • Chan, E.; Mahroo, O.; Spalton, D.; Complications of Cataract Surgery; Clinical and Experimental Optometry; 93 (6); 379 – 389; 2010.
  • Villaseñor, J.; Hernández, F.; Martínez, C.; Villar, J.; Síndrome de Pseudoexfoliación y Catarata: Resultados Visuales en Cirugía de Catarata; Revista Mexicana de Oftalmología; 80 (2): 86 – 88; 2006.
  • Benito, B.; Narvaez, C.; Jódar, M.; Sáenz, F.; Santos, E.; Cueros Extraños Intraoculares tras Cirugía de Catarata; Sociedad Española de Oftalmología; 2018.
  • Ferro, J.; Endoftalmitis post Cirugía de Cataratas: Prevención y Tratamiento; Archivos de la Sociedad Española de Oftalmología; 78 (8); 2013.
  • Galvis, V., Wong, C., Espinoza, J. V., & Tello, A. (2007). Subluxación de un lente intraocular fáquico y catarata secundaria: informe de caso. MedUNAB10(2), 137-140.
  • Diez, J. V., Fernández, F. H., Franco, C. M., & Kuri, J. V. (2006). Síndrome de pseudoexfoliación y catarata: resultados visuales en cirugía de catarata. Revista Mexicana de Oftalmología80(2), 86-88.