I chakra: cosa sono e a cosa servono

· 22 giugno 2018
I chakra sono dei punti di energia il cui equilibrio ci aiuta a potenziare la nostra energia vitale e a ottenere un benessere maggiore, sia a livello fisico che mentale.

Negli ultimi anni l’interesse per le terapie offerte dalla medicina orientale è andato via via aumentando.

Sia per curiosità o per il desiderio di trovare una soluzione alle sofferenze che la medicina tradizionale non riesce a curare, sono molte le persone che hanno scelto questo tipo di alternative.

Il fatto è che a, differenza della scienza ufficiale, le dottrine orientali si focalizzano sul raggiungimento di un equilibrio fisico, mentale e energetico come mezzo per trattare svariati problemi di salute.

Cosa sono i chakra?

Chakra

La parola “chakra” deriva dal sanscrito (testi sacri del bramanesimo scritti nei secoli XV e V a.c. in India) e significa “cerchio” o “disco”.

  • Secondo l’induismo i chakra sono 7 centri di energia ubicati in diverse parti del corpo umano.
  • Svolgono la funzione di “valvole” regolatrici del flusso di energia, e a seconda della loro posizione, cambiano per forza di vibrazione e velocità.

In India si crede che l’aria che viene inspirata, conosciuta come “energia prana”, attraversi il corpo dando forza ai centri di energia.

I chakra ricevono, accumulano e distribuiscono il prana per ottimizzare le funzioni di diverse parti del nostro corpo.

Dove troviamo i chakra e a cosa servono?

I chakra sono allineati a partire dalla base della colonna vertebrale fino alla sua sommità, conosciuta come abadhuti.

In questo modo, secondo alcuni induisti e buddisti, questi centri energetici si contano dal basso verso l’alto, in 6 aree del corpo.

Altri autori, tuttavia, ritengono che esista un settimo chakra, posizionato sulla sommità del cranio.

Muladhara o chakra della radice

Muladhara o chakra della radice

  • E’ ubicato tra l’ano e i genitali, ed è collegato alle ghiandole corticosurrenali.
  • Il suo colore è il rosso e il suo elemento è la terra.
  • E’ inibito dalla paura. Bisogna lasciare che le paure si mostrino con chiarezza per poterle liberare.

Svadhisthana o chakra sacro

  • E’ posizionato sulla zona limbica, ed è collegato alle ghiandole surrenali.
  • Il suo colore è l’arancione e l’elemento associato è l’acqua.
  • Viene bloccato dal senso di colpa. E’ necessario liberarsi dalle proprie colpe e saper perdonare.

Manipura o chakra del plesso solare

Manipura o chakra del plesso solare

  • E’ posizionato due dita sopra l’ombelico. E’ connesso alla milza, allo stomaco e al fegato.
  • Il suo colore è il giallo e il suo elemento il fuoco.
  • Si blocca a causa della vergogna.

Anahata o chakra del cuore

  • E’ situato all’altezza del cuore, ed è collegato al timo.
  • Il suo colore è il verde e il suo elemento è l’aria.
  • Si blocca a causa del dolore ed è associato ai sentimenti del cuore.

Vishudda o chakra della gola

Vishudda

  • E’ ubicato nell’area della gola. Si collega alla tiroide.
  • Il suo colore è il blu e il suo elemento è l’etere.
  • Si associa alla comunicazione.

Ajna o chakra del terzo occhio

  • Si trova in mezzo agli occhi, ed è collegato alla ghiandola pituitaria.
  • Il suo colore corrispondente è il viola.
  • E’ associato all’intuizione. Si blocca a causa dell’illusione.

Sahasrara o chakra della corona

  • E’ ubicato sulla sommità del cranio. E’ connesso all’ipofisi,  il centro e la connessione dell’energia cosmica.
  • Il suo colore è l’indaco.
  • E’ inibito dalle relazioni terrene

Perché è importante mantenere puliti i chakra?

Donna che medita

I chakra sono legati ai nostri pensieri, sentimenti, abitudini. Quando riusciamo a trovare un equilibrio tra di essi, la nostra energia vitale diventa più forte e godiamo di una forte sensazione di benessere fisico e mentale.

Se i nostri sentimenti o i nostri stili di vita non sono salutari, i chakra cominciano a deteriorarsi e sopravviene uno squilibrio che ha dei riflessi sullo stato mentale, la salute e le relazioni.

Quando li manteniamo puliti, senza che vi sia nulla ad interferire col loro flusso energetico, traiamo vantaggio dai seguenti benefici:

  • Maggiore chiarezza mentale
  • Migliore qualità del sonno
  • Energia vitale costante
  • Salute e longevità migliori
  • Sensibilità all’intuizione
  • Maggiore capacità di concentrazione
  • Maggiore connessione con l’ambiente circostante
  • Liberazione dalla paura e dal risentimento.

Come pulire i chakra?

Quarzi colorati

Al giorno d’oggi esistono svariati metodi per riequilibrare l’attività dei chakra. Tra i più diffusi, troviamo:

  • Meditazione e yoga
  • Bagno con quarzi collegati ai chakra
  • Esercizi di respirazione profonda

Le persone che ritengono di essere in grado di riequilibrare i chakra da soli possono praticare la meditazione ogni giorno o rivolgersi a centri specializzati.

Guarda anche