La dieta dei calciatori che giocano in Qatar 2022

Quanto pesa la nutrizione nella vittoria di una partita? La dieta dei calciatori nel mondiale Qatar 2022 è molto importante per le loro prestazioni: scoprite perché.
La dieta dei calciatori che giocano in Qatar 2022
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 18 dicembre, 2022

La dieta che seguono i calciatori in Qatar 2022 è rigorosa. Nutrizionisti, allenatori e persino direttori tecnici cercano di ottimizzare le prestazioni attraverso gli alimenti giusti.

Al di là dei soliti piani alimentari che ogni star segue nel proprio club, dove gioca per gran parte dell’anno, ora è il momento di mantenere la routine in mezzo allo stress e al caldo che la Coppa del Mondo aggiunge. Ecco perché esamineremo i punti più importanti della dieta dei calciatori che sono figure indiscutibili delle loro squadre.

1. La dieta di Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo è stato decisivo per il trionfo del Portogallo contro il Ghana. La presenza in campo del cinque volte vincitore del Pallone d’Oro è ampiamente riconosciuta.

Oltre all’allenamento, che l’atleta pratica quotidianamente per mantenere il proprio fisico con pochi infortuni, c’è l’adesione a una dieta studiata da uno chef personale. Secondo le dichiarazioni del cuoco, le principali fonti di proteine sono il pesce e il pollo.

C’è una tendenza alla dieta mediterranea in Ronaldo. Non mancano oli vegetali, semi e crostacei.

Ma più rilevante sembra la distribuzione temporale dei piatti. Sappiamo anche, dalle dichiarazioni dello chef, che la stella portoghese mangia sei volte al giorno, in porzioni più piccole di quelle che costituirebbero un pranzo comune.

Questa distribuzione è una strategia utilizzata da altri atleti. L’idea è di distribuire i nutrienti in modo che vengano utilizzati al momento dell’esercizio. I principi vengono dalla cronobiologia e, sebbene ci siano detrattori di questo modello, è sempre più osservato nei piani nutrizionali per le persone che frequentano le palestre.

Cristiano Ronaldo.
Le proteine sono essenziali nella dieta di Ronaldo.

2. Meno carne per Messi

La dieta del calciatore deve essere adattata alle usanze culturali. Gli argentini amano molto la carne. Il consumo pro capite di questo alimento è molto alto in Sud America.

Lionel Messi è sotto la supervisione del nutrizionista Giuliano Poser dal 2014. Il professionista ha dovuto ridurre drasticamente il consumo di carne della star argentina. Inoltre, confessa di aver dovuto convincerlo a ridurre le bibite gassate e la pizza.

Il cambiamento proposto da Poser a Messi si è concentrato sulla priorità di 5 cibi essenziali:

  1. Acqua.
  2. Frutta.
  3. Verdura.
  4. Olio d’oliva.
  5. Cereali integrali.

Il 10 dell’Argentina mangia cereali con frutta e verdura a colazione. Di solito è un inizio di giornata con una quantità abbondante di prodotti, ma sempre con una forte presenza di questi tre.

A cena è diverso. Il piano è mangiare leggero. Quindi le opzioni sono solitamente riso e tonno. In questo modo il primo ingrediente fornisce carboidrati complessi e il secondo fornisce proteine.

3. Tante calorie per Neymar

Il fuoriclasse brasiliano fa notizia per l’infortunio rimediato nella prima partita dei Mondiali, contro la Serbia. Protagonista indiscusso della sua selezione, la dieta che segue è basata su un’alta percentuale di calorie, come fanno anche altri.

Il fabbisogno calorico in un calciatore d’élite è elevato. Gli allenamenti e le partite richiedono un dispendio elevato. Se aggiungiamo il fattore calore in Qatar 2022, tale dispendio sale in modo drastico.

Per raggiungere le calorie richieste, Neymar ottiene più della metà dai carboidrati. Poi il 30% viene prelevato dalle proteine, lasciando solo il 10% di spazio ai grassi.

La colazione di Neymar è sorprendente e non adatta a tutti: 3 uova, spinaci e carne di tacchino. A questo aggiunge un frullato proteico con semi. Questo carico permette di affrontare giornate di routine impegnative e con un logoramento maggiore di quello che qualsiasi persona attraverserebbe in una giornata comune.

La carne di tacchino è molto apprezzata dai brasiliani. Molti dei pranzi di Neymar hanno di nuovo questo ingrediente e spesso anche a cena. Anche se, per la sera, il pesce è ugualmente una valida opzione.

Frullato proteico.
I frullati proteici non sono una prerogativa esclusiva del calcio. Diversi sport li sfruttano per ottenere nutrienti.

Non esiste una dieta unica per tutti i calciatori del Qatar 2022

Non esiste un modello alimentare replicabile per tutti i giocatori del Qatar. I nutrizionisti sanno che le richieste sono diverse a seconda dell’età, della posizione che occupano in campo e delle condizioni particolari di ogni atleta.

Sì, il fatto di aumentare l’assunzione di carboidrati complessi prima delle partite è ampiamente condiviso. Ciò garantirebbe la riserva di carburante per i 90 minuti di ogni partita.

Dopo la partita, il piatto ricco di proteine è molto comune. L’idea è quella di fornire all’organismo la materia prima per riparare i danni microscopici tipici dello sforzo. Con abbastanza proteine, il muscolo guarisce e le fibre si ricompongono, pronte per le prossime partite.

Don Mclaren, professore di nutrizione sportiva nel Regno Unito: “La nutrizione può pesare fino al 10% delle prestazioni sportive nel calcio”.

Tutte le squadre sono seguite da nutrizionisti. A questo vanno aggiunti i professionisti privati ingaggiati da ogni giocatore. E a questo bisogna aggiungere gli chef, che si occupano di adattare le preparazioni.

Quest’ultimo punto è molto rilevante. Le pietanze, pur avendo l’adeguata densità nutritiva, non possono portare a disturbi o disagi gastrointestinali come gas o gonfiori addominali. Ciò potrebbe significare una diminuzione della capacità dell’atleta di giocare.

È cambiata anche la disponibilità dei prodotti negli spogliatoi. Qualche decennio fa, era un argomento che non veniva analizzato. Oggi, gli stessi nutrizionisti delle selezioni scelgono quegli ingredienti che possono essere presenti per l’intervallo, come frutta, cereali e bevande isotoniche.

Ogni piccolo dettaglio fa la differenza. Lasciare qualcosa al caso, come la dieta dei calciatori, potrebbe significare la fine della partecipazione a Qatar 2022.

Potrebbe interessarti ...
Gli infortuni che hanno lasciato famosi calciatori fuori dai Mondiali
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Gli infortuni che hanno lasciato famosi calciatori fuori dai Mondiali

Non sempre il sogno di un calciatore professionista si realizza: ecco 5 infortuni che hanno lasciato famosi calciatori fuori dai Mondiali.



  • Caruana Bonnici, D., et al. “Nutrition in soccer: a brief review of the issues and solutions.” Journal of Science in Sport and Exercise 1.1 (2019): 3-12.
  • Fernandes, Haniel Soares. “Carbohydrate consumption and periodization strategies applied to elite soccer players.” Current nutrition reports 9.4 (2020): 414-419.
  • Keen, Rikki. “Nutrition-Related Considerations in Soccer: A Review.” American journal of orthopedics (Belle Mead, NJ) 47.12 (2018).
  • Oliveira, César Chaves, et al. “Nutrition and supplementation in soccer.” Sports 5.2 (2017): 28.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.