La gravidanza provoca cambiamenti nel cervello per favorire il legame con il bambino, lo dimostrano alcuni studi

La gravidanza è una fase ricca di cambiamenti per la donna e le sue cellule cerebrali non ne sono esenti. Cosa dicono le ultime ricerche su ormoni, cervello e maternità?
La gravidanza provoca cambiamenti nel cervello per favorire il legame con il bambino, lo dimostrano alcuni studi
Leonardo Biolatto

Written and verified by il dottore Leonardo Biolatto.

Last update: 15 febbraio, 2023

Nell’eterno dibattito sull’esistenza o meno dell’istinto materno, intervengono la medicina, la psicologia e la filosofia. Recentemente, uno studio dai Paesi Bassi sembra confermare che il cervello subisce dei cambiamenti con la gravidanza per facilitare la cura del bambino, migliorare il legame e agevolare i compiti genitoriali.

Elseline Hoekzema, a capo della ricerca pubblicata su Nature, si occupa di studiare il cervello delle donne incinte da più di 10 anni. Come lei stessa ha affermato più volte, non si dispone di tutte le informazioni che si vorrebbero sui cambiamenti neurali che avvengono in una donna in gravidanza.

Ma cosa significano questi cambiamenti nel cervello durante la gravidanza? Hanno una funzione sociale o di sopravvivenza della specie?

Gli interrogativi vanno oltre la biologia: è possibile che l’amore per i bambini sia programmato nella nostra specie?

Una ricerca olandese ha studiato i cambiamenti nel cervello in gravidanza

Il gruppo allestito da Hoekzema era composto da 89 giovani donne olandesi che avevano accettato di partecipare alla ricerca a lungo termine a partire dal 2015. Tutte erano nullipare, cioè non avevano avuto parti precedenti.

Dopo cinque anni, nel 2020, 40 avevano avuto un figlio. Altre 40 che non erano state madri sono servite come gruppo di controllo. Le restanti 9 si sono ritirate.

I ricercatori hanno analizzato il cervello delle donne mediante risonanza magnetica e scansioni di immagini prima del concepimento, dopo il parto nelle 40 donne che erano rimaste incinte e un anno dopo il parto in 28 di esse. Sono state studiate anche le 40 donne che non sono rimaste incinte durante questo periodo, per avere un quadro di riferimento.

Oltre alla risonanza magnetica, sono stati eseguiti test di intelligenza e di prestazione cognitiva. Sono state misurate periodicamente le concentrazioni di ormoni nelle urine delle donne in gravidanza.

Risonanza magnetica nelle donne in gravidanza.
La risonanza magnetica fornisce immagini senza emettere radiazioni, rendendola sicura per le donne che allattano.

I risultati

Lo stesso team scientifico aveva pubblicato uno studio preliminare nel 2017. In quell’occasione erano già stati presentati risultati che mostravano un cambiamento significativo nella materia grigia del cervello delle donne rimaste incinte.

Ora, a distanza di diversi anni, i risultati si ripetono. In entrambi i casi, la risonanza magnetica ha rivelato una riduzione della materia grigia dopo la gravidanza. Questa sostanza è l’accumulo dei corpi dei neuroni nel sistema nervoso centrale.

Ma la riduzione non significa una perdita di funzioni. Al contrario, gli scienziati spiegano che i cambiamenti nel cervello in gravidanza sono un segno che gli ormoni stanno rimodellando il sistema nervoso della madre.

Un cambiamento simile avviene quando la donna attraversa l’adolescenza. Cioè, quando anche in questo caso i livelli ormonali oscillano bruscamente.

“Crediamo che la riduzione sia dovuta a un processo simile alla potatura sinaptica che avviene durante l’adolescenza, quando le sinapsi deboli vengono eliminate per favorire una elaborazione mentale più matura ed efficiente”.

~ Susanna Carmona, responsabile del gruppo neuromaterno dell’Ospedale Gregorio Marañón.

Leggete anche: 6 odori intollerabili durante la gravidanza e perché succede

Quali sono stati i risultati del 2017?

I risultati della nuova ricerca si aggiungono a quelli ottenuti nel 2017 dallo stesso gruppo di ricerca. All’epoca, la scoperta più rilevante era la seguente:

  • La maggior parte dei cambiamenti si concentra nella regione nota come nucleo accumbens. Pertanto, la madre si sente più attratta dagli stimoli del bambino.
  • La corteccia prefrontale della madre viene modificata per identificare il pianto del bambino. Questo stesso cambiamento stimola sensazioni piacevoli quando la donna vede sorridere il suo bambino.

Cambiamenti cerebrali in gravidanza per prendersi cura dell’altro

Il team di ricerca ha integrato le analisi nelle donne partecipanti con la risonanza magnetica funzionale. Si tratta di uno studio di imaging che registra l’attività dei neuroni mentre il cervello “lavora”.

In questo modo, hanno potuto osservare che i cambiamenti nella materia grigia erano concentrati nelle reti neurali dedicate all’auto-riflessione e alla socializzazione. Ciò potrebbe significare che le modifiche tendono a migliorare l’interrelazione con gli altri, l’empatia, i legami. Un elemento che sembra essenziale per la cura di un bambino.

Il risultato è rafforzato da altri dati raccolti in questo gruppo di madri. I ricercatori hanno mostrato alle donne immagini di bambini sorridenti e hanno riscontrato una riduzione della frequenza cardiaca in molte di loro. Questa diminuzione della frequenza cardiaca si nota quando si entra in uno stato di rilassamento.

Nelle donne con più cambiamenti nella risonanza magnetica si è registrata una maggiore riduzione della frequenza cardiaca. Si deduce quindi che il rimodellamento della materia grigia comporta un’alta possibilità di produrre un legame soddisfacente con il bambino.

E ci sono effetti a lungo termine

I cambiamenti nel cervello durante la gravidanza sembrano avere anche un effetto a lungo termine. Sebbene i cambiamenti tendano a scomparire entro due anni dalla nascita, vi sono conseguenze che la scienza non ha ancora del tutto chiarito.

Ciò va oltre il detto popolare secondo cui le donne incinte sono più distratte. Anche se questo dato è stato confermato in Australia, dove una piccola indagine ha rilevato un leggero deterioramento della memoria quotidiana delle donne appena diventate madri.

Alcuni studi hanno scoperto che avere più gravidanze aumenta il rischio di Alzheimer in futuro. Tuttavia, queste stesse revisioni indicano che i dati non sono conclusivi. Sembra chiaro che le donne che hanno affrontato gravidanze difficili, con diabete o pressione alta, avevano maggiori probabilità di invecchiare con aneurismi nel cervello e, di conseguenza, con un deficit di memoria.

Gli estrogeni possono essere protettivi contro il declino delle funzioni cerebrali in età avanzata. Alcuni studi suggeriscono che i cambiamenti ormonali durante la gravidanza possono rallentare il declino della memoria nelle donne.

Ma qui la questione è meno chiara, perché anche la menopausa fa la sua parte. Non è quindi ancora possibile valutare quale fase abbia maggiore influenza sul cervello delle persone della terza età.

Sono più importanti i cambiamenti dovuti alla gravidanza o quelli derivati dal climaterio?

Esiste un istinto materno secondo la scienza?

Questa ricerca condotta nei Paesi Bassi si aggiunge a diversi tentativi della scienza di svelare cosa si cela dietro l’istinto materno. O comunque, rispondere alla domanda sull’esistenza di un tale istinto.

Feldman ha stabilito nel 2015 che il cervello dei mammiferi (compresi gli esseri umani) cambia con la maternità. In particolare, ci sono modifiche nel circuito della ricompensa, che regola la soddisfazione per vari stimoli. I due organi maggiormente coinvolti sono l’amigdala e l’ipotalamo.

L’ossitocina, un ormone fondamentale per la gravidanza, parto e allattamento, modifica la biochimica del cervello per favorire il legame madre-figlio. E c’è di più. Uno studio ha rilevato che i livelli di questa sostanza sono aumentati anche nei padri che hanno avuto un contatto pelle a pelle con i propri figli fin dall’inizio.

Per gli uomini, un campione internazionale ha registrato anche cambiamenti nella materia grigia del cervello di chi è diventato padre. Ma non nella stessa misura delle donne nei Paesi Bassi e non nelle stesse località.

I cambiamenti cerebrali dovuti alla gravidanza si verificano soprattutto a livello sottocorticale, al di sotto della corteccia. Quest’area è più primitiva nell’evoluzione e potrebbe indicare un adattamento che abbiamo ereditato dai nostri antenati ominidi e mammiferi. Nei maschi, i cambiamenti sono limitati alla corteccia.

Cervello e mente in gravidanza.
Il cervello non cambia allo stesso modo nelle donne che diventano madri e negli uomini che diventano padri.

L’istinto materno è inevitabile?

L’esistenza di questo meccanismo primitivo ed ereditario di cambiamento del cervello in gravidanza non può essere direttamente associato all’istinto materno. La tesi di dottorato di Sara Henderson ripercorre tutti gli aspetti biologici e sociali della presunta tendenza delle donne a essere madri e a prendersi cura dei propri figli.

Ovviamente, la gravidanza comporta molti cambiamenti. Gli ormoni esercitano effetti che tendono a preservare la nuova vita in gestazione.

La nostra ipotesi è che gli ormoni della gravidanza, principalmente gli steroidi, siano il principale fattore che regola la plasticità dei neuroni nelle donne in gravidanza.

~ Conclusione dello studio Nat Commun 13, 6931 (2022) ~

Ed è molto probabile che questi cambiamenti continuino durante i primi anni di esistenza del piccolo. Perché? Forse per la sopravvivenza della specie.

Molto resta da scoprire sulla gravidanza, sul cervello della madre e sui suoi cambiamenti. Qual è il posto dell’istinto materno in questo gioco di relazioni? Non è ancora chiaro.

It might interest you...
Attaccamento madre e neonato: come rafforzarlo
Vivere più sani
Read it in Vivere più sani
Attaccamento madre e neonato: come rafforzarlo

L'attaccamento madre e neonato potrebbe non sorgere immediatamente dopo il parto, ma non bisogna preoccuparsi. Scoprite di più.



  • Barth, C., & de Lange, A. M. G. (2020). Towards an understanding of women’s brain aging: the immunology of pregnancy and menopause. Frontiers in Neuroendocrinology58, 100850.
  • Feldman, R. (2015). The neurobiology of mammalian parenting and the biosocial context of human caregivingHormones and Behavior, 77, 317https://doi.org/10.1016/j.yhbeh.2015.10.001
  • Gholampour, F., Riem, M. M., & van den Heuvel, M. I. (2020). Maternal brain in the process of maternal-infant bonding: Review of the literature. Social neuroscience15(4), 380-384.
  • Henderson, S. (2018). The blurring effect: An exploration of maternal instinct and ambivalence (Doctoral dissertation, University of Kent (United Kingdom)).
  • Hoekzema, E., van Steenbergen, H., Straathof, M. et al. Mapping the effects of pregnancy on resting state brain activity, white matter microstructure, neural metabolite concentrations and grey matter architecture. Nat Commun 13, 6931 (2022). https://doi.org/10.1038/s41467-022-33884-8
  • Hoekzema, Elseline, et al. “Pregnancy leads to long-lasting changes in human brain structure.” Nature neuroscience 20.2 (2017): 287-296.
  • Martínez-García M, Paternina-Die M, Cardenas SI, Vilarroya O, Desco M, Carmona S, Saxbe DE. First-time fathers show longitudinal gray matter cortical volume reductions: evidence from two international samples. Cereb Cortex. 2022 Sep 4:bhac333. doi: 10.1093/cercor/bhac333. Epub ahead of print. PMID: 36057840.
  • Rahman, Aneela, et al. “Sex and gender driven modifiers of Alzheimer’s: the role for estrogenic control across age, race, medical, and lifestyle risks.” Frontiers in Aging Neuroscience 11 (2019): 315.
  • Rendell, Peter G., and Julie D. Henry. “Prospective-memory functioning is affected during pregnancy and postpartum.” Journal of Clinical and Experimental Neuropsychology 30.8 (2008): 913-919.
  • Uribe-Torres, Claudia, et al. “Estudio piloto: contacto padre-hijo (a) y oxitocina en varones preparados especialmente para el nacimiento.” Revista chilena de obstetricia y ginecología 87.3 (2022): 210-217.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.