Pancia gonfia dopo gli eccessi natalizi: 5 rimedi

3 Febbraio 2020
Se vogliamo prevenire o se vogliamo sgonfiare la pancia, così come ridurre la pesantezza tipica dei pasti abbondanti, gli infusi naturali possono essere fra i nostri più grandi alleati.

La pancia gonfia è una delle principali conseguenze degli eccessi natalizi. Sebbene non tutti ne soffrano, è il risultato di una cattiva combinazione degli alimenti o di piatti troppo abbondanti, bevande e dolci che usiamo consumare durante le feste. Sfiammare la pancia è il modo migliore per tornare a star bene, leggeri e sani.

La pancia gonfia è caratterizzata da una fastidiosa sensazione di pesantezza e pienezza, accompagnata da meteorismo, dolore e un notevole gonfiore. Può presentarsi subito dopo aver mangiato anche se, spesso, si manifesta qualche ora dopo i festeggiamenti.  Dato che la pancia gonfia è comune a molti dopo gli eccessi, a seguire vogliamo condividere con voi 5 rimedi naturali per contrastarla. Prendete nota!

Rimedi per la pancia gonfia

Durante le festività natalizie è piuttosto frequente provare fastidi associati all’indigestione; per tale ragione, il gonfiore e il gas non sono generalmente motivo di consultazione medica. Tuttavia, è importante essere consapevoli di altri sintomi quali diarrea prolungata o febbre, in quanto spesso corrispondono a intossicazioni alimentari e richiedono l’attenzione di un medico.

Una volta chiarito questo, nelle prossime righe parleremo di alcuni rimedi di origine naturale in grado di sgonfiare l’addome, oltre che calmare il dolore, il bruciore di stomaco e altri sintomi ricorrenti. Naturalmente, vanno assunti con moderazione, tenendo conto che un loro consumo eccessivo può causare effetti collaterali.

1. Acqua tiepida con limone e bicarbonato contro la pancia gonfia

Bicarbonato e limone per la pancia gonfia

Una combinazione di bicarbonato di sodio e limone può aiutare a controllare l’eccesso di acidità. Di fatto, uno studio pubblicato sull’International Journal of Pharmaceutical and Life Sciences rileva che tale miscela produce acido carbonico, il quale può aiutare a ridurre gas e indigestione.

È  ideale per ridurre l’infiammazione addominale dopo aver ingerito pasti irritanti e, oltretutto, migliora la secrezione epatica e la motilità intestinale.

Ingredienti

  • 1 bicchiere d’acqua tiepida (200 ml).
  • Il succo di ½ limone.
  • ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio (2 g).

Preparazione

  • Per prima cosa, mescolate l’acqua tiepida con il limone, poi aggiungete mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio.
  • Quindi, mischiate gli ingredienti e aspettate che svanisca l’effetto effervescente.

Modalità di consumo

  • Consumate la bevanda 30 minuti dopo aver mangiato o quando vi sentite gonfi.

 Leggete anche: 5 esfolianti con bicarbonato per una pelle invidiabile

2. Infuso di cannella

Le proprietà digestive della cannella non solo evitano il gonfiore addominale, ma prevengono anche il mal di stomaco e i bruciori dopo aver mangiato.

Come riporta questo studio pubblicato su Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine, questa spezia prodigiosa conta su effetti antispasmodici, antinfiammatori e antiossidanti che, insieme, riducono i disturbi gastrointestinali che tendono a verificarsi soprattutto durante le festività.

Ingredienti

  • Cannella in polvere (5 g).
  • Acqua (250 ml).
  • Miele (25 g).

Preparazione

  • Prima di tutto, aggiungete un cucchiaino di cannella in polvere in un bicchiere d’acqua calda.
  • Quindi, coprite la bevanda, lasciatela riposare per 10 minuti e, prima di ingerirla, addolcitela con del miele.

Modalità di consumo

  • Bevete l’infuso quando avvertite dei disturbi allo stomaco o in caso di pancia gonfia.

Nota: Non consumate troppa cannella, perché può essere irritante per la mucosa gastrica. Evitatela in caso di ulcere.

3. Bevanda di anice, citronella e melissa

Infuso di erba Luisa

Mescolando le proprietà di queste erbe digestive, possiamo ottenere un rimedio potente contro le digestioni pesanti che infiammano la pancia durante il periodo delle festività. I suoi componenti evitano la formazione di gas nell’intestino e diminuiscono la sensazione di pesantezza e dolore.

Secondo i dati pubblicati su ISRN Pharmaceutics, l’anice ha proprietà carminative e antinfiammatorie utili a sgonfiare l’addome. Inoltre, possiede un leggero effetto antiulcera e lassativo.

D’altro canto, la citronella è da sempre usata nella medicina tradizionale come rimedio per il gonfiore allo stomaco. Tuttavia, non esistono prove a sostegno di ciò. Nel frattempo, uno studio pubblicato su Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine suggerisce che la melissa possieda proprietà antispasmodiche, digestive e carminative.

Ingredienti

  • Semi di anice (5 g).
  • Citronella (5 g).
  • Melissa (5 g).
  • Acqua (250 ml).

Preparazione

  • Innanzitutto, immergete le piante in un bicchiere di acqua bollente e coprite la bevanda.
  • Quindi, lasciatela riposare per 15 minuti e filtrate.

Modalità di consumo

  • Bevete l’infuso 2 volte al giorno, fino a ridurre l’infiammazione.
  • Consumatela preferibilmente dopo pasti abbondanti.

Visitate questo articolo: Tonificare l’addome con 5 esercizi

4. Infuso di semi di finocchio contro la pancia gonfia

In accordo con le informazioni riportate su BioMed Research International, i semi di finocchio spiccano nella medicina naturale per le loro proprietà lenitive, antinfiammatorie, carminative e calmanti. Sono l’ideale per ridurre l’indigestione provocata dai pasti pesanti. Inoltre sono ricche di vitamine, minerali e composti antiossidanti benefici.

Ingredienti

  • Semi di finocchio (5 g).
  • Acqua (250 ml)

Preparazione

  • Per prima cosa, aggiungete un cucchiaino di semi di finocchio in un bicchiere d’acqua bollente.
  • Quindi, coprite la bevanda e lasciatela riposare 10 minuti.

Modalità di consumo

  • Prendete l’infuso 30 minuti dopo avere mangiato.
  • Se l’infiammazione persiste, consumatelo 3 volte al giorno.

5. Bevanda di zenzero, limone e miele

Limone e zenzero

Il rimedio tradizionale per l’indigestione è lo zenzero. Questa spezia antinfiammatoria e analgesica riduce il gonfiore addominale e previene disturbi come meteorismo e nausea.

Inoltre, benché le evidenze siano limitate, un recente studio pubblicato su Food Science & Nutrition  afferma che lo zenzero possiede un effetto carminativo, diminuisce la pressione sullo sfintere esofageo inferiore, riduce i crampi intestinali e previene dispepsia, flatulenza e gonfiore.

Ingredienti

  • Zenzero grattugiato (5 g).
  • Acqua (250 ml).
  • Il succo di ½ limone.
  • Miele (25 g).

Preparazione

  • Prima di tutto, aggiungete un cucchiaino di zenzero grattugiato in un bicchiere d’acqua e mettetelo a bollire.
  • Poi, una volta raggiunta l’ebollizione, abbassate il fuoco e lasciate cuocere altri due minuti.
  • Quindi spegnetelo, lasciate riposare per 10 minuti la bevanda e poi filtratela.
  • Infine, aggiungete il succo di mezzo limone e addolcite l’infuso con un cucchiaio di miele.

Modalità di consumo

  • Ingerite l’infuso 30 minuti dopo aver mangiato o quando avvertite qualche sintomo di indigestione.
  • Prendetelo 2 volte al giorno finché non provate sollievo.

In breve

Ci sono diversi rimedi naturali che possono aiutarci a calmare il mal di stomaco causato dagli eccessi delle festività. Ciononostante, non dovremmo ignorare tale sintomo e prestare attenzione ad eventuali segnali di un problema più serio come l’intossicazione alimentare.

In presenza di sintomi gravi o prolungati, la cosa migliore da fare è consultare il medico per valutare altri tipi di trattamento. Bisogna sempre ricordare che questi preparati non sostituiscono i farmaci e non curano le malattie gravi.

  • Imkamp, F. (2014). Acute abdomen. In Urology at a Glance. https://doi.org/10.1007/978-3-642-54859-8_24
  • Medicinal Plants: A Review. (2015). Journal of Plant Sciences3(1), 50. https://doi.org/10.11648/j.jps.s.2015030101.18
  • Rao PV, Gan SH. Cinnamon: a multifaceted medicinal plant. Evid Based Complement Alternat Med. 2014;2014:642942. doi:10.1155/2014/642942
  • Shojaii A, Abdollahi Fard M. Review of Pharmacological Properties and Chemical Constituents of Pimpinella anisum. ISRN Pharm. 2012;2012:510795. doi:10.5402/2012/510795
  • Miraj S, Rafieian-Kopaei, Kiani S. Melissa officinalis L: A Review Study With an Antioxidant Prospective. J Evid Based Complementary Altern Med. 2017;22(3):385–394. doi:10.1177/2156587216663433
  • Badgujar SB, Patel VV, Bandivdekar AH. Foeniculum vulgare Mill: a review of its botany, phytochemistry, pharmacology, contemporary application, and toxicology. Biomed Res Int. 2014;2014:842674. doi:10.1155/2014/842674
  • Devi, A., Jangir, J., & K.A., A. A. (2018). Chemical characterization complemented with chemometrics for the botanical origin identification of unifloral and multifloral honeys from India. Food Research International. https://doi.org/10.1016/j.foodres.2018.02.017
  • Nikkhah Bodagh M, Maleki I, Hekmatdoost A. Ginger in gastrointestinal disorders: A systematic review of clinical trials. Food Sci Nutr. 2018;7(1):96–108. Published 2018 Nov 5. doi:10.1002/fsn3.807