Anomalie nei globuli bianchi: cause e sintomi

I globuli bianchi o leucociti sono cellule del sangue responsabili della difesa del corpo. Hanno valori normali e caratteristiche morfologiche che li identificano. Pertanto, qualsiasi alterazione può indicare la presenza di una patologia.
Anomalie nei globuli bianchi: cause e sintomi
Maryel Alvarado Nieto

Scritto e verificato da la dottoressa Maryel Alvarado Nieto.

Ultimo aggiornamento: 06 ottobre, 2022

I globuli bianchi o leucociti sono cellule coinvolte nella difesa dell’organismo dagli agenti nocivi e possono presentare delle anomalie. All’interno delle funzioni di questo gruppo di cellule c’è la mediazione dei processi infiammatori, il cui scopo principale è la neutralizzazione di eventuali pericoli.

Ci sono 5 tipi di leucociti nel sangue, che sono classificati in base alla presenza o assenza di granuli nel loro citoplasma. Quelli che hanno granuli sono conosciuti come granulociti (neutrofili, eosinofili e basofili). Questi nomi sono il risultato del colore che acquisiscono con la macchia. Al contrario, i leucociti che non hanno granuli visibili al microscopio ottico sono monociti e linfociti.

Ogni tipo di globulo bianco ha le sue funzioni, essendo essenziali per il sistema immunitario. Per questo motivo, la determinazione dei leucociti in un campione di sangue è molto utile.

Leucocitosi: quando i globuli bianchi sono troppi

I leucociti presentano dei valori che rientrano in un intervallo. In termini generali, queste cifre oscillano tra 5.000 e 11.000 cellule per microlitro.

Qualsiasi deviazione nella conta dei globuli bianchi può indicare la presenza di un’anomalia. Quando questo valore è al di sopra del limite superiore, si parla di leucocitosi.

Poiché ogni tipo di cellula ha funzioni specifiche, il conteggio totale dei globuli bianchi potrebbe non fornire molte informazioni. Per questo motivo il laboratorio clinico determina anche la formula dei leucociti, in cui viene riportata la percentuale rappresentata da ciascuna linea cellulare del campione.

Neutrofilia

L’aumento della conta dei neutrofili al di sopra di 7.500 cellule per millilitro è chiamato neutrofilia. Ci sono circostanze in cui questi leucociti appaiono aumentati senza significare un’alterazione sottostante; questo è il caso del periodo neonatale e dell’ultimo trimestre di gravidanza.

Tuttavia, anche questi valori sono stabiliti e devono essere sempre correlati allo stato clinico del paziente.

Le cause più comuni di neutrofilia sono le infezioni batteriche, ma questi globuli bianchi possono essere elevati nei processi infiammatori, nel fumo e nello stress fisico o emotivo. Allo stesso modo, nel differenziale possono essere riportate cellule immature; in particolare, la presenza di archi o cellule a bande. Questa particolarità è chiamata deviazione a sinistra.

Altre cause meno comuni di neutrofilia includono:

  • Uso di farmaci: adrenalina, glucocorticoidi, eparina, litio.
  • Disturbi metabolici: gotta, acidosi, ipertiroidismo.
  • Necrosi tissutale: infarto del miocardio, ustioni, cancrena.
  • malattie autoimmuni.
  • Sindrome di Down.
  • Neoplasie.

I sintomi presentati dal paziente dipendono dalla causa sottostante, poiché non esiste una relazione diretta tra la neutrofilia e la comparsa di manifestazioni cliniche specifiche.

Batteri che causano disturbi dei globuli bianchi.
L’infezione batterica provoca una risposta immunitaria, con un elevato numero di globuli bianchi.

Leggi anche: Come aumentare le difese del nostro organismo?

Linfocitosi

La presenza di una conta linfocitaria elevata è chiamata linfocitosi. La causa principale di questa alterazione dei globuli bianchi è l’infezione virale.

Tuttavia, è possibile mostrare linfocitosi in processi di origine batterica, come pertosse, brucellosi e sifilide. Allo stesso modo, la tubercolosi e la toxoplasmosi possono portare ad un aumento della conta dei linfociti.

Tuttavia, la linfocitosi cronica dovrebbe essere motivo di studio specializzato, soprattutto quando vi è il sospetto clinico di un processo linfoproliferativo. È importante cercare la linfoadenopatia all’esame obiettivo. Allo stesso modo, l’analisi morfologica attraverso uno striscio di sangue periferico deve essere nelle mani di un esperto ematologo.

Reazione leucemoide

Una leucocitosi estrema con un numero di globuli bianchi superiore a 50.000 cellule per millilitro costituisce la reazione leucemoide. Questa entità può assomigliare ad alcune forme di leucemia.

Pertanto, è importante conoscerne l’esistenza e fare un’opportuna diagnosi differenziale. È causato da gravi infezioni batteriche e necrosi dei tessuti. La presenza di cellule immature è normale.

Anomalie nei globuli bianchi

Potrebbe esserci un leggero aumento dei leucociti, dovuto alle cellule che rappresentano una piccola percentuale della formula dei leucociti. Per questo spesso passano inosservate e spesso vengono sottovalutate. Tuttavia, sono di importanza clinica, poiché possono indicare una condizione sottostante.

Eosinofilia

Quando gli eosinofili sono aumentati, si parla di eosinofilia. Reazioni allergiche, asma bronchiale e infezioni parassitarie sono solitamente le cause più frequenti di questa alterazione del leucogramma.

In generale, i sintomi dipenderanno dalla condizione sottostante. Pertanto, regrediranno durante il trattamento di tale condizione. Tuttavia, ci sono neoplasie mieloidi e linfoidi che si presentano con eosinofilia cronica.

Basofilia

Tra le anomalie dei globuli bianchi c’è anche la basofilia. L’aumento dei basofili può essere dovuto a reazioni di ipersensibilità e processi sia infettivi che infiammatori.

È importante notare che quando la basofilia è intensa, compaiono sintomi legati al rilascio di istamina, che è la molecola contenuta nei granuli di queste cellule. Pertanto, le manifestazioni fisiche possono includere quanto segue:

  • Prurito.
  • Ipotensione arteriosa.

Tuttavia, la presenza di basofilia persistente dovrebbe far sospettare un processo linfoproliferativo ed è importante indirizzare il paziente a uno specialista in modo che possa essere studiato in modo appropriato e precoce.

Monocitosi

I monociti possono anche apparire aumentati nell’emocromo. Questo aumento è spesso dovuto a processi infiammatori cronici:

Allo stesso modo, la monocitosi può evidenziare un’infezione intracellulare, come la malaria e la leishmaniosi. Le neoplasie ematiche possono presentarsi anche con monociti elevati.

Lupus.
I pazienti con malattie autoimmuni, come il lupus, possono avere disturbi dei globuli bianchi che guidano la diagnosi in primo luogo.

Leucopenia: quando i globuli bianchi sono pochi

All’altro estremo c’è una diminuzione della conta dei globuli bianchi, tecnicamente chiamata leucopenia. Prevalentemente, questo basso conteggio è secondario alla diminuzione dei neutrofili, una condizione nota come neutropenia.

Il rischio principale è la maggiore vulnerabilità del paziente alle infezioni. Tuttavia, la leucopenia può anche essere causata da una diminuzione del valore dei linfociti.

Neutropenia

Una bassa conta dei neutrofili è comune in alcuni gruppi etnici, come ebrei, yemeniti e afrodiscendenti, senza rappresentare uno stato di malattia. In età pediatrica, invece, la neutropenia è solitamente causata da processi infettivi e alterazioni nutrizionali, mentre negli adulti è correlata anche all’uso di farmaci.

Allo stesso modo, ci sono condizioni congenite in cui il numero di neutrofili è basso a causa di mutazioni specifiche. Le manifestazioni cliniche comprendono infezioni ricorrenti che compaiono in tenera età e colpiscono prevalentemente la bocca e la regione perianale.

I problemi di guarigione e l’epatosplenomegalia (fegato e milza ingrossati) sono un altro reperto comune in questi pazienti.

Agranulocitosi

C’è una condizione rara che compare rapidamente dopo l’assunzione di farmaci, nota come agranulocitosi. Sebbene i casi siano rari, è difficile stabilire un tasso di incidenza, poiché dipende in gran parte da fattori individuali.

Tuttavia, è più comune tra i 40 e i 60 anni, con una certa predominanza nelle donne.

Il quadro clinico deriva da una neutropenia estrema, con sintomi quali febbre, brividi, malessere e mal di gola. L’esame obiettivo di questi pazienti di solito rivela lesioni ulcerative nella bocca, nelle tonsille o nella faringe. Sebbene sia possibile trovarli anche nella regione genitale o perianale.

La diagnosi precoce consente la sospensione del farmaco che scatena il disturbo e l’istituzione di un trattamento antibiotico ad ampio spettro. Quest’ultimo con lo scopo preventivo di evitare gravi infezioni batteriche.

Linfocitopenia

La presenza di bassi valori linfocitari è un’altra delle anomalie dei globuli bianchi nota come linfocitopenia. È un reperto comune nei processi virali di varia gravità, ma può comparire anche in condizioni di immunodeficienza, sia acquisita che congenita.

I farmaci che sopprimono il sistema immunitario possono portare a una diminuzione del numero dei linfociti.

Altre anomalie nei globuli bianchi

Eosinofili e basofili possono anche mostrare valori bassi sul leucogramma ma spesso vengono persi. Queste alterazioni sono dovute a trattamenti farmacologici, quindi non sono di grande importanza clinica.

Tuttavia, la basopenia può accompagnare un disturbo endocrino sottostante. Infine, la monocitopenia è solitamente associata a condizioni ematologiche.

Potrebbe interessarti ...
Malattie ematologiche: tutto quello che c’è da sapere
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Malattie ematologiche: tutto quello che c’è da sapere

Esistono diversi tipi di malattie ematologiche, le quali possono essere distintamente classificate. Sono tutte molto importanti.



  • Ackermann, F., Legrand, F., Schoindre, Y., & Kahn, J. E. (2012). Eosinofilia: etiología y enfoque diagnóstico en la práctica. EMC-Tratado de Medicina16(3), 1-6.
  • Andrade, Fabricio Andrés Lasso, Diego Fernando Dorado, and Tomás Omar Zamora. “Leucocitosis con neutrofilia: más allá de la infección.” Medicina 40.3 (2018): 323-331.
  • Domarus, A.; Farreras, P.; Rozman, C.; Cardelach, F.; Nicolás, J; Cervera, R.; Farreras Rozman. Medicina Interna; 19na Edición; Elsevier; 2020.
  • Moraleda, J.; Pregrado de Hematología; Cuarta Edición; Sociedad Española de Hematología y Hematoterapia; 2017.
  • Ulloa, B.; Tapia, M.; Toscano, C.; Pozo, C.; Fundamentos de Hematología, Editorial Edimec; 2017.
  • Lichtman, M.; Kaushansky, K.; Kipps, T.; Prchal, J.; Levi, M.; Williams: Manual de Hematología; Mc Graw Hill Education; 2014.
  • Lasso, F.; Dorado, D.; Zamora, T.; Leucocitosis con Neutrofilia: Más Allá de la Infección; Medicina; 40 (3): 323 – 331; 2018.
  • García, F.; Melero, A.; Gómez, J.; Moraleda, J.; Protocolo Diagnóstico de las Linfocitosis Agudas y Crónicas; Medicine; 11 (21): 1317 – 1320; 2012.