Voglia di vomitare: cause e rimedi

Le intolleranze alimentari e la gravidanza sono alcune delle cause più comuni quando viene voglia di vomitare.
Voglia di vomitare: cause e rimedi
Leidy Mora Molina

Revisionato e approvato da l'infermiera Leidy Mora Molina.

Ultimo aggiornamento: 26 novembre, 2022

La nausea, detta anche voglia di vomitare, è una sensazione soggettiva che indica la vicinanza del vomito. Sfortunatamente, questo sintomo è molto comune e può comparire in varie situazioni. In questo articolo, parleremo un po’ di più delle sue cause e dei rimedi che possiamo applicare.

La voglia di vomitare è spesso accompagnata da altri sintomi:

  • Disagio generale.
  • Mal di testa.
  • Sapore amaro in bocca.
  • Brividi di freddo.

La voglia di vomitare può terminare o meno con l’espulsione del contenuto gastrico. Il disagio causato da questo sintomo tende a scomparire da solo dopo alcune ore.

È possibile anche applicare determinate misure per alleviare i sintomi. Tuttavia, è sempre consigliata una valutazione medica se il disagio è molto intenso o dura più di 1 giorno.

Voglia di vomitare: cause più comuni

La maggior parte delle volte la voglia di vomitare ha un’origine benigna. Tuttavia, a volte può essere un problema serio che richiede cure specialistiche.

1. Cibo

Sia i pasti abbondanti che l’assunzione frequente di cibi ad alto contenuto di grassi possono causare la voglia di vomitare. Questo perché ritardano il processo di digestione, portando alla comparsa di una serie di sintomi, tra i quali spicca la nausea.

Anche l’intolleranza ad alcuni componenti del cibo può causare disagio. In questo senso, le persone celiache avranno il sintomo quando mangiano glutine, proprio come fanno le persone intolleranti al lattosio quando consumano latticini.

Donna intollerante al lattosio con voglia di vomitare.
Le persone intolleranti al lattosio possono avere voglia di vomitare quando mangiano un prodotto che lo contiene.

2. Problemi gastrointestinali

Un gran numero di malattie dell’apparato digerente può includere uno stimolo a vomitare come parte delle loro manifestazioni cliniche. Alcune delle patologie più rilevanti sono la gastrite, il reflusso gastroesofageo e la pancreatite.

Anche l’intossicazione alimentare è anche in grado di provocare nausea, oltre a diarrea, coliche e malessere generale. L’emorragia digestiva, in particolare quella superiore, è un’altra causa comune di nausea e vomito di origine gastrointestinale.

3. Gravidanza

La gravidanza è una delle cause più comuni di vomito nelle donne in età fertile. Uno studio pubblicato sulla rivista BMJ Clinical Evidence afferma che è comune osservarlo nel primo trimestre di gravidanza.

La maggior parte delle donne inizia a notare il sintomo dalla settimana 4 e può scomparire dopo la settimana 16. Sebbene la causa esatta sia sconosciuta, si ritiene che sia dovuta ai cambiamenti ormonali caratteristici di questa fase.

4. Mal d’auto

La cinetosi o malattia del movimento si verifica quando si viaggia in auto, in aereo o in barca ed è un’altra causa comune di nausea. Chiunque può presentare questa alterazione, tuttavia è più comune nelle donne, nei bambini e in coloro che assumono determinati farmaci.

Questo malessere viene spiegato con una discrepanza tra ciò che viene percepito dai recettori articolari, gli occhi e l’orecchio interno. In questo senso, il corpo può percepire il movimento, ma gli occhi no, il che genera segnali confusi per il cervello.

5. Emicrania

L’emicrania è definita come un mal di testa di intensità variabile che tende a durare diverse ore e a ripresentarsi. Le persone possono presentare altri sintomi quando la potenza del disagio è molto alta, tra cui spicca il desiderio di vomitare.

6. Malattie infettive

Le infezioni virali e batteriche sono in grado di causare un gran numero di sintomi sistemici. Alcuni dei più importanti sono la febbre, il malessere generale e, naturalmente, il desiderio di vomitare.

Esistono infatti infezioni dell’apparato digerente, come la gastroenterite virale, che si manifestano attraverso la nausea. In questo caso, è importante recarsi dal medico il prima possibile per ricevere il trattamento appropriato e prevenire la progressione dell’infezione.

7. Ansia e stress

I problemi psicologici hanno la capacità di generare manifestazioni fisiche come parte del processo di somatizzazione. In effetti, uno studio sulla rivista Experimental Brain Research ha collegato l’aspetto della nausea con tratti di ansia nei bambini.

Lo stress eccessivo può anche essere responsabile della comparsa della voglia di vomitare. Questo perché entrambi i disturbi causano cambiamenti nel sistema nervoso autonomo e in alcuni ormoni.

8. Labirintite

Il labirinto è una piccola struttura che si trova all’interno dell’orecchio interno ed è coinvolta sia nel mantenimento della postura che nell’equilibrio. Questa parte anatomica può infiammarsi per molte ragioni, provocando labirintite , e con essa la comparsa di sintomi come nausea e vertigini.

9. Dopo una sbornia

Gli effetti della sbornia appaiono dopo aver bevuto troppe bevande alcoliche. I sintomi che possono manifestarsi sono molto vari:

  • Nausea.
  • Male alla testa.
  • Sete eccessiva.
  • Disagio generale.

Questa situazione è dovuta alla disidratazione causata dal consumo di alcol. Oltre allo sforzo fatto dal fegato per eliminare la sostanza dal corpo.

10. Alcuni farmaci

Tutti i farmaci attualmente in commercio hanno la capacità di generare effetti indesiderati in chi li consuma. Una delle reazioni avverse più comuni è la voglia di vomitare. Fortunatamente, la loro intensità è bassa e scompaiono da soli.

Tra i farmaci che provocano maggiormente la nausea, spiccano i farmaci chemioterapici utilizzati per la cura del cancro. Infatti, una pubblicazione sulla rivista Breast Cancer ha mostrato che fino al 44% delle persone trattate può avere il sintomo nella fase acuta.

11. Intenso sforzo fisico

La voglia di vomitare e vomitare può manifestarsi al momento di un intenso allenamento fisico, soprattutto se le persone non hanno le condizioni fisiche appropriate. Questo perché i tuoi muscoli genereranno eccessivamente acido lattico e il tuo corpo cercherà di eliminarlo attraverso molteplici mezzi, incluso il vomito.

12. Ipoglicemia

Bassi livelli di zucchero nel sangue o ipoglicemia sono un’altra causa comune di nausea e vomito. Il cervello si nutre principalmente di glucosio, quindi quando la sua concentrazione nel sangue diminuisce, compare la sintomatologia caratteristica.

13. Altre possibili cause della voglia di vomitare

La voglia di vomitare è un sintomo generale che può indicare la presenza di molte altre patologie. Alcuni di notevole gravità.

Fortunatamente queste condizioni sono meno frequenti, anche se è sempre necessario tenerne conto:

  • Vertigini.
  • Cancro.
  • Appendicite.
  • Assunzione di sostanze stupefacenti.
  • Blocco intestinale.
  • Ulcere allo stomaco o duodenali.
Cicatrice di appendicite.
Uno dei sintomi iniziali dell’appendicite è la voglia di vomitare insieme al dolore nell’epigastrio.

Cosa fare in questi casi?

In primo luogo, è necessario tenere conto del fatto che le raccomandazioni per alleviare la voglia di vomitare dipenderanno dalla sua causa specifica. Tuttavia, una delle misure più utilizzate è controllare la dieta, evitando pasti abbondanti e grassi.

Utile il consumo di prodotti che contengono molta acqua. Da parte sua, anche bere piccole quantità di liquidi e stare fermi per diversi minuti può aiutare a calmare i sintomi. Quando si ha un sapore amaro in bocca, è possibile utilizzare il collutorio.

Occorre invece evitare cibi dai forti odori, caffeina, alcol, bibite e cibi piccanti. Questi alimenti possono peggiorare la nausea e precipitare il vomito.

Esistono anche alcuni farmaci per sopprimere la voglia di vomitare, come la metoclopramide. Tuttavia, iniziano ad avere effetto circa 30 minuti dopo l’ingestione e non sono raccomandati per l’uso senza la supervisione di un medico.

La voglia di vomitare è un sintomo comune con molteplici cause

La voglia di vomitare può manifestarsi per molte ragioni. La maggior parte delle cause non sono gravi, quindi non richiedono un trattamento specifico. Tuttavia, si consiglia sempre di consultare un medico per trovare la fonte del problema ed evitare complicazioni.

Potrebbe interessarti ...
Significato del vomito in base al colore
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Significato del vomito in base al colore

Il vomito è l'espulsione involontaria o autoindotta del contenuto dello stomaco. Ecco il significato del vomito in base al colore.



  • Festin M. Nausea and vomiting in early pregnancy. BMJ Clin Evid. 2014 Mar 19;2014:1405.
  • Tarbell SE, Shaltout HA, Wagoner AL, Diz DI, Fortunato JE. Relationship among nausea, anxiety, and orthostatic symptoms in pediatric patients with chronic unexplained nausea. Exp Brain Res. 2014 Aug;232(8):2645-50.
  • Naito Y, Kai Y, Ishikawa T, Fujita T et al. Chemotherapy-induced nausea and vomiting in patients with breast cancer: a prospective cohort study. Breast Cancer. 2020 Jan;27(1):122-128.
  • Bruley des Varannes S, Liard F, Filoche L, Savarieau B. Les nausées : données actuelles [Nausea: Current view]. Presse Med. 2019 May;48(5):478-487.
  • Lacy BE, Parkman HP, Camilleri M. Chronic nausea and vomiting: evaluation and treatment. Am J Gastroenterol. 2018 May;113(5):647-659.
  • Veiga-Gil L, Pueyo J, López-Olaondo L. Postoperative nausea and vomiting: physiopathology, risk factors, prophylaxis and treatment. Rev Esp Anestesiol Reanim. 2017 Apr;64(4):223-232.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.