Benefici e i rischi delle statine

Le statine riducono la concentrazione di colesterolo nel sangue e prevengono le malattie cardiovascolari. Tuttavia, sebbene siano considerate sicure, possono avere alcuni effetti collaterali.
Benefici e i rischi delle statine
Mariel Mendoza

Scritto e verificato da la dottoressa Mariel Mendoza.

Ultimo aggiornamento: 13 novembre, 2022

Le statine sono utili per abbassare il colesterolo e prevenire le malattie cardiovascolari. Si tratta, soprattutto, di infarto miocardico acuto e malattia cerebrovascolare.

Sono indicate nei pazienti con colesterolo LDL nel sangue maggiore o uguale a 115 mg/dL o colesterolo totale maggiore o uguale a 200 mg/dL, ad alto rischio di malattie cardiovascolari o come trattamento di malattia cardiovascolare accertata. Sebbene siano considerati efficaci e sicuri, sono stati associati a reazioni avverse in un numero limitato di casi.

Come funzionano le statine?

Le statine inibiscono il passaggio critico nella sintesi del colesterolo epatico : la conversione in mevalonato. Il colesterolo è un lipide prodotto nel fegato che ha molteplici funzioni nell’organismo, come un precursore degli ormoni e un componente delle membrane cellulari.

Bloccandone la sintesi, è necessario utilizzare il colesterolo circolante nel sangue, che riduce la concentrazione nel sangue. Inoltre, la via del mevalonato influenza la funzione endoteliale, la risposta infiammatoria e la coagulazione. Quindi si ritiene che gli effetti delle statine vadano oltre l’abbassamento del colesterolo nel sangue.

Le statine includono quanto segue:

Livelli elevati di colesterolo sono associati alla formazione di placche aterosclerotiche (aterosclerosi) nei vasi sanguigni. Questa condizione blocca il flusso sanguigno, diminuendo l’apporto di ossigeno ai tessuti.

Benefici delle statine

Come abbiamo visto, la scienza ha scoperto che le statine hanno effetti oltre il colesterolo circolante. Pertanto, sono considerati molto più che ipolipemizzanti.

Riduzione del colesterolo

Le dosi minime efficaci delle diverse statine consentono di ottenere una riduzione del 20-50% della concentrazione di colesterolo LDL. Sono usati dopo un ictus o un infarto per ridurre il rischio che si verifichi un altro evento. Anche quando sono presenti alti livelli di colesterolo nel sangue associati ad un aumentato rischio di malattie cerebrovascolari (prevenzione primaria).

Colesterolo nelle arterie.
Il colesterolo cattivo o LDL è quello che tende a depositarsi sulle pareti delle arterie. Pertanto, blocca il flusso sanguigno.

Effetti pleiotropici

Non solo le alte concentrazioni di colesterolo, ma anche la disfunzione endoteliale, l’infiammazione persistente e la formazione di coaguli partecipano al processo di aterosclerosi. Le statine inibiscono la formazione di prodotti di mevalonato che modulano i diversi meccanismi dell’aterosclerosi.

Miglioramento della funzione endoteliale

La disfunzione endoteliale è uno dei principali fattori associati all’aterosclerosi ed è esacerbata da molteplici situazioni:

  • Diabete.
  • Obesità.
  • Fumare.
  • Colesterolo alto.
  • Ipertensione arteriosa.

Le statine promuovono la dilatazione dei vasi sanguigni, secondaria all’aumento dell’ossido nitrico. Diventano così un fattore protettivo.

Effetti antinfiammatori

Le statine riducono la produzione di fattori proinfiammatori, come la proteina C-reattiva e alcune interleuchine. L’effetto diminuisce l’adesione delle molecole associate alle malattie cardiovascolari.

Funzione cardioprotettiva

Le statine stabilizzano le placche aterosclerotiche esistenti, impedendo loro di aumentare di volume incorporando più colesterolo. Si riduce l’ossidazione della sostanza e si riduce il rischio di incidenti con la piastra.

Effetto antitrombotico

Nell’aterosclerosi, dopo che c’è una disfunzione endoteliale e un’infiammazione, si formano trombi, impedendo il flusso sanguigno. Le statine influiscono sulla produzione di trombi riducendo l’espressione del fattore di aggregazione piastrinica, la sintesi della trombina e l’espressione del suo recettore sulla superficie delle piastrine.

Inoltre, con il trattamento si riduce l’attività di diversi fattori procoagulanti (fibrinogeno e fattori V, VII e XIII).

Effetti collaterali delle statine

Nonostante sia considerato sicuro, fino allo 0,5-1% dei pazienti presenta effetti avversi. I più frequenti sono i danni muscolari e le condizioni neurologiche.

Malattia del fegato

Le statine di solito causano solo un aumento dei livelli di enzimi epatici (transaminasi), indicando un’infiammazione del fegato. Possono verificarsi anche sintomi associati, come affaticamento o debolezza, perdita di appetito, dolore nella parte superiore dell’addome, urine di colore scuro e pelle o occhi giallastri.

Questi casi sono associati a persone con precedenti malattie del fegato che a volte passano inosservate al momento della prescrizione del farmaco. Ecco perché si raccomanda di controllare le transaminasi prima dell’inizio della terapia e durante questa.

Danno muscolare

Il danno muscolare delle statine si manifesta con dolore, debolezza e spasmi. Possono essere un lieve disagio o abbastanza gravi da rendere difficili le attività quotidiane.

Molto raramente, il danno muscolare può essere grave, causando rabdomiolisi. Questa situazione si manifesta con forti dolori muscolari, danni al fegato e insufficienza renale. La situazione è stata collegata a fattori di rischio preesistenti o alla combinazione con determinati farmaci.

Diabete

Le statine sono associate ad un aumento dei livelli di glucosio nel sangue (glicemia), che può portare allo sviluppo del diabete mellito di tipo 2. Il rischio è piccolo, ma la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha emesso un avviso sulle etichette.

Questo effetto collaterale è correlato a persone che in precedenza avevano livelli di glucosio nel sangue superiori al normale. Ecco perché l’uso del farmaco richiede un monitoraggio frequente.

Condizioni neurologiche

Neurologicamente, le statine possono causare perdita di memoria, confusione o insonnia. Questi sono sintomi che si invertono una volta che il farmaco viene interrotto.

Perdita di memoria da statine.
Sebbene ci sarebbero effetti neurologici dall’assunzione di statine, scompaiono quando il farmaco viene interrotto.

Pro e i contro delle statine

In caso di livelli elevati di colesterolo nel sangue, è necessario bilanciare i benefici e i rischi delle statine. A volte i cambiamenti nella dieta e nello stile di vita sono efficaci nell’abbassare i livelli di lipidi.

Le statine abbassano i livelli di colesterolo nel sangue, abbassando il rischio di ipertensione, malattie cerebrovascolari, infarto del miocardio e altre condizioni. D’altra parte, i suoi effetti collaterali sono rari (meno dell’1%) e sono ben tollerati dalla maggior parte delle persone.

In presenza di qualsiasi effetto avverso, si raccomanda di non ridurre la dose senza prima aver consultato il medico. La presenza di reazioni indesiderate dovute alle statine è associata a precedenti fattori di rischio, come massa muscolare ridotta, ipotiroidismo, carenza di vitamina D, consumo di alcol, consumo di antimicotici azolici o antidepressivi triciclici. Eliminare o ridurre i fattori di rischio può aiutare a ridurre gli effetti collaterali.

Potrebbe interessarti ...
Abbassare il colesterolo senza statine
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Abbassare il colesterolo senza statine



Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.