Tipi di odori vaginali, cause e trattamenti

È normale che la vagina abbia odori diversi che variano a seconda di ogni donna e delle sue condizioni in quel momento. Tuttavia, è necessario sapere identificare quando è necessaria una valutazione medica.
Tipi di odori vaginali, cause e trattamenti

Ultimo aggiornamento: 03 luglio, 2022

Gli odori vaginali sono diversi e specifici per ogni donna, poiché dipendono dalla flora vaginale. Inoltre, intervengono vari fattori, come i livelli ormonali, l’attività sessuale, la dieta, il sudore, l’igiene intima, la presenza di infezioni e il pH vaginale.

In ogni donna sono presenti diversi tipi di odori vaginali che in molti casi possono essere normali, o sintomi di un qualche squilibrio nella zona intima; quindi, è importante conoscerli.

Gli odori associati a pane, caramelle, yogurt e metallo sono normali (e salutari). Tuttavia, quando sono forti o sgradevoli (ad esempio, decomposizione o pesce marcio), dovresti andare dal ginecologo per una valutazione della zona intima.

Così come la valutazione medica se l’odore è accompagnato da prurito, bruciore, dolore (soprattutto durante il sesso), sanguinamento vaginale (non correlato al ciclo) o perdite vaginali dense.

La credenza popolare dice che una vagina sana dovrebbe odorare di fiori; tuttavia, non c’è niente di più lontano dalla realtà. I diversi prodotti creati per mascherare l’odore naturale della vagina sono considerati, da un punto di vista medico, dannosi per l’equilibrio della flora vaginale e possono causare infezioni.

Da cosa dipendono gli odori vaginali?

È normale che ci siano dei sottili cambiamenti nell’odore vaginale di una donna perché l’odore dipende dalla flora vaginale e dal pH vaginale. Questi elementi possono essere influenzati da molteplici fattori.

Il cibo è uno di questi. Il consumo di molti agrumi è associato a odori dolci, mentre il consumo di carboidrati e zuccheri raffinati ad un odore di pane più accentuato (dovuto ai lieviti presenti nella flora vaginale).

La mucosa vaginale che riveste la vagina è ricca di lattobacilli, un microrganismo presente anche nello yogurt. Per questo l’odore dello yogurt in una vagina sana è molto caratteristico e tipico.

Il pH vaginale è leggermente acido, intorno a 4,5, e il suo equilibrio permette di mantenere la flora vaginale. Quando viene modificato e c’è una prevalenza di alcuni microrganismi su altri, si verificano infezioni.

Oltre alla dieta, il pH vaginale può essere alterato da rapporti eterosessuali senza preservativo. Questo perché lo sperma ha un pH relativamente alcalino (da 7,2 a 8), che cambia il pH della vagina e può causare diversi odori vaginali dopo il sesso vaginale.

D’altra parte, il peculiare odore vaginale di ogni donna è dovuto alle ghiandole apocrine che secernono fluidi (sudore) con un odore tipico che partecipa all’attrazione sessuale.

Fattori naturali che alterano gli odori vaginali

I cambiamenti ormonali influenzano anche gli odori vaginali. Infatti, durante la menopausa c’è una diminuzione degli estrogeni che altera il flusso del pH vaginale e della flora. Pertanto, l’odore vaginale e la secrezione di secrezione cambiano e c’è una maggiore secchezza vaginale.

Durante le mestruazioni, invece, si produce un odore di metallo molto caratteristico dovuto alla presenza di sangue. In gravidanza o allattamento, gli ormoni possono causare un aumento delle secrezioni vaginali e questo aumenta l’intensità dell’odore vaginale.

Tipi di odori vaginali

Tipi di odori vaginali, loro cause e trattamenti
Gli odori vaginali sono normali, ma alcuni di essi avvisano di possibili infezioni.

Odore di yogurt

L’odore di yogurt nella vagina si presenta come un aroma acido o fermentato. Lo stesso avviene per la presenza di lattobacilli, come accennato in precedenza.

Odore metallico o ramato

L’odore di metallo è caratteristico al momento delle mestruazioni e pochi giorni dopo. È prodotto dalle variazioni del pH vaginale e degli emoderivati a causa del suo contenuto di ferro. L’odore metallico può anche essere causato da un leggero sanguinamento dopo il sesso, secchezza vaginale o sesso vigoroso con lievi abrasioni.

Odori vaginali: sudore, erba o terra

Sebbene sia un odore meno gradevole, è associato alla combinazione di sudore inguinale e batteri vaginali. Non è una condizione medica e migliora con una buona igiene. Questo odore è associato allo stress emotivo che provoca una maggiore secrezione dalle ghiandole sudoripare.

Odore chimico, di ammoniaca o prodotti per la pulizia

Simile alla candeggina o all’ammoniaca, questo odore può essere dovuto a una serie di motivi; per esempio all’urina. Contiene urea (un sottoprodotto dell’ammoniaca) che può accumularsi intorno alla vulva o nella biancheria intima. In condizioni di disidratazione può anche essere generato dall’accumulo di urea. Anche la vaginosi batterica e la tricomoniasi possono causarlo.

Odore dolce o simile alla birra

Un odore dolciastro della vagina può segnalare una crescita eccessiva di lievito (fungo). Questi tipi di odori vaginali sono simili all’odore di miele, pane o biscotti.

La crescita eccessiva di lievito porta a infezioni vaginali, in particolare Candida albicans (infezione vaginale da lievito). Si manifesta anche con prurito e irritazione della vulva e della vagina e un flusso denso e appiccicoso simile al formaggio o al latte cagliato.

Odore di pesce marcio

L’odore del pesce marcio è un odore vaginale molto caratteristico ed è dovuto alla presenza di un’infezione vaginale derivante dall’alterazione della flora vaginale. Il cambiamento del pH vaginale produce una crescita incontrollata di batteri che causano la vaginosi batterica.

La vaginosi batterica produce cattivi odori vaginali, con una densa secrezione giallastra o arancione, oltre ad altri sintomi associati come prurito, irritazione e bruciore durante la minzione.

Può anche essere dovuto a tricomoniasi o infezione da Trichomonas vaginalis, che è l’infezione a trasmissione sessuale curabile più comune (solo con un ciclo di antibiotici). In questo caso, l’odore del pesce marcio è più pronunciato rispetto alla vaginosi batterica e lo scarico è solitamente grigio-verdastro e schiumoso.

Ci sono altre infezioni sessualmente trasmissibili associate al cattivo odore come la gonorrea (causa un aumento delle perdite vaginali, dolore addominale inferiore e una sensazione di bruciore durante la minzione) e la clamidia (secrezioni vaginali anormali con dolore durante i rapporti sessuali e durante la minzione).

Odore di decomposizione

L’odore di decomposizione, o putrefazione, può essere dovuto al fatto di lasciare un tampone per diversi giorni all’interno del canale vaginale (che inizia a putrefarsi). Sebbene si creda il contrario, è comune che accada.

I tamponi lasciati per più di 8 ore possono portare a un’infezione molto grave nota come sindrome da shock tossico. Questo è generato dalle tossine rilasciate dal batterio Staphylococcus aureus (che si trova naturalmente nella vagina). Possono esserci febbre alta, convulsioni, nausea, vomito, confusione, svenimento e vertigini.

Cattivo odore

Il cancro cervicale di solito non causa sintomi nelle fasi iniziali, ma le lesioni possono produrre secrezioni maleodoranti, oltre a sanguinamento vaginale anomalo, dolore pelvico e dolore addominale. Il cattivo odore può anche essere causato da un cancro vaginale o dalla presenza di una fistola rettovaginale (che collega il retto alla vagina).

Tutti gli odori vaginali devono essere trattati?

Tipi di odori vaginali, loro cause e trattamenti
Gli odori sgradevoli nella vagina richiedono una consulenza ginecologica, soprattutto se associati ad altri sintomi.

Una vagina sana non odora di fiori. L’odore vaginale dipende da ogni donna e, come accennato, è influenzato da vari fattori. Quando l’odore è metallico, aspro (come lo yogurt), leggermente dolce o sudato, non è motivo di preoccupazione e non richiede un trattamento specifico. Si raccomanda solo di mantenere una buona igiene intima.

Tuttavia, se sono associati altri sintomi come prurito, irritazione, arrossamento, secrezione anormale, dolore durante i rapporti sessuali e bruciore durante la minzione, dovresti andare dal ginecologo per valutare il canale vaginale.

Le principali cause dei cattivi odori vaginali sono infettive. La vaginosi batterica, la candidosi vaginale e altre infezioni possono essere controllate con l’uso di farmaci orali e supposte vaginali. Tuttavia, è necessario andare dal medico per ricevere una diagnosi esatta.

Le docce vaginali e i deodoranti intimi dovrebbero essere evitati

Non è necessario rimuovere l’odore vaginale a meno che non sia sgradevole o associato ad altri sintomi o ad un aumento delle perdite vaginali. Naturalmente, il trattamento deve essere indicato da un medico.

L’uso di docce vaginali e deodoranti intimi per eliminare l’odore vaginale provoca dei cambiamenti nel pH vaginale e nella flora batterica, oltre a causare irritazione. Il pH vaginale mantiene in equilibrio la flora vaginale, quindi quando viene modificata si verifica una crescita eccessiva di batteri che sfocia in una vaginosi batterica.

Raccomandazioni per mantenere l’igiene intima

Gli odori vaginali sono normali. Tuttavia, è importante riconoscere quando si verificano dei cambiamenti che indicano un problema di salute. Quando si mantiene una buona igiene intima, è necessario prendere in considerazione i seguenti suggerimenti:

  • Lavare solo la zona genitale esterna e utilizzare abbondante acqua tiepida e sapone neutro a pH neutro (senza profumi o coloranti).
  • Evitare docce vaginali e deodoranti intimi.
  • Fare il bagno ogni giorno.
  • Cambia la biancheria intima ogni giorno e usare preferibilmente indumenti di cotone che non siano attillati o sintetici.
  • Mantenere l’area intima pulita e asciutta.
  • Non usare assorbenti tutti i giorni.
  • Seguire una dieta equilibrata ricca di frutta e verdura e probiotici come lo yogurt.
Potrebbe interessarti ...
Gas vaginali: perché si verificano?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Gas vaginali: perché si verificano?

I gas vaginali tendono a causare disagio durante i rapporti sessuali. In questo articolo vi diciamo perché si verificano e come evitarli.