Cos'è l'osteopatia e quando è consigliata?

Problemi muscolari, emicrania, vertigini e costipazione sono alcune delle malattie che l'osteopatia può curare. Quanto è valida questa tecnica?
Cos'è l'osteopatia e quando è consigliata?

Ultimo aggiornamento: 16 agosto, 2022

Ci sono varie discipline che cercano di avvicinarsi al corpo umano da un punto di vista olistico. L’osteopatia è una branca terapeutica il cui scopo è ristabilire l’equilibrio dell’organismo attraverso tecniche manuali. Qui vi diciamo di più su questo argomento.

La medicina osteopatica o osteopatia è dedicata a preservare la perfetta armonia delle funzioni organiche all’interno dello spettro muscolo-scheletrico, cardiovascolare, respiratorio, linfatico e nervoso. Allo stesso modo, è un complemento alla medicina convenzionale.

L’osteopatia non dovrebbe sostituire un approccio medico professionale.

Cos’è l’osteopatia?

È una branca terapeutica che cerca di prevenire e curare i disturbi di salute attraverso un insieme di tecniche manuali e procedure non invasive. Ha una vasta conoscenza dell’anatomia e della fisiologia del corpo umano, concentrandosi sul ripristino dell’omeostasi in tutti gli organi e sistemi.

Allo stesso modo, questa disciplina ha una visione olistica della salute, cioè analizza e si avvicina al corpo umano come un’unità e non come una serie di organi indipendenti. Per gli osteopati, le alterazioni in un sistema influenzano e compromettono il funzionamento del resto.

Un esempio potrebbero essere i problemi di salute mentale che influiscono sul benessere intestinale. Come nel caso della sindrome dell’intestino irritabile.

In cosa consiste?

Le terapie osteopatiche mirano ad alleviare i disturbi attraverso stimoli esterni che cercano di generare risposte interne che ripristinano il funzionamento integrale. A differenza della medicina tradizionale, il cui asse è trattare il focus che scatena il disagio.

Uno studio condotto tra il 2013 e il 2020 ha mostrato che l’osteopatia potrebbe essere promettente nel trattamento dei disturbi muscoloscheletrici. Secondo gli autori, mostra prove efficaci nell’alleviare la lombalgia cronica e la lombalgia in gravidanza.

L’osteopatia è stata sviluppata negli Stati Uniti nel 1874 da Andrew Taylor Still, ed è attualmente riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Allo stesso modo, questa pratica professionale è legale negli Stati Uniti, in Inghilterra e in Francia. Intanto in Spagna è compreso tra le competenze di fisioterapia.

Esiste una relazione tra osteopatia e fisioterapia?

Osteopatia e fisioterapia hanno un rapporto molto stretto, poiché entrambe le discipline utilizzano tecniche manuali e manovre non invasive per correggere le condizioni di salute.

Inoltre, hanno lo scopo di alleviare il dolore nel paziente, ripristinare il benessere individuale e migliorare la qualità della vita. Pertanto, è comune che entrambi i rami lavorino insieme per ottenere risultati migliori.

Terapia manuale dell'osteopatia.
L’osteopatia ha diversi livelli legali, a seconda del paese che consideriamo. Non è sempre considerata una disciplina indipendente.

Benefici della medicina osteopatica

Il principale vantaggio della terapia osteopatica è la sua proprietà di intervento minimo e invasione del corpo umano. In generale, è governato dall’olismo e dalla globalità nell’approccio ai disturbi.

L’osteopata studia l’origine e l’evoluzione della malattia, senza intrusione diretta in un unico focus o disagio. A sua volta, la disciplina promuove e stimola l’autoguarigione del corpo umano, senza la necessità di ricorrere a tecniche invasive, come farmaci e chirurgia.

D’altra parte, ci sono pochi effetti collaterali indesiderati dell’osteopatia. Ci sono reazioni corporee, ma queste sono considerate utili per ripristinare la funzione organica. Allo stesso modo, stanchezza e vertigini sono solitamente spiegate dallo stato di recupero a cui è esposto il corpo dopo le sessioni.

Anche uno dei maggiori vantaggi di questa terapia è la riduzione del consumo di alcuni farmaci. Tuttavia, le persone non dovrebbero abbandonare le cure mediche in qualsiasi momento, senza una stretta approvazione professionale.

Tipi di osteopatia

L’osteopatia è classificata in 3 grandi rami. Ognuno ha lo scopo di indirizzare diversi gruppi di organi per alleviare il disagio delle persone.

1. Osteopatia strutturale

Questo gruppo concentra la sua attenzione sul sistema muscolo-scheletrico e sul sistema muscolo-scheletrico. Allo stesso modo, svolge uno studio dettagliato e un approccio completo alle ossa, ai muscoli, alle articolazioni, ai tendini, alle fasce e ai legamenti.

Tuttavia, l’osteopatia strutturale ha mostrato risultati inconcludenti nella gestione dell’osteoartrite, per esempio. Ciò è confermato da studi scientifici.

2. Osteopatia viscerale

Il suo obiettivo principale è l’ analisi olistica di tutti i visceri cavi e solidi del corpo umano, con particolare attenzione ai sistemi gastrointestinale e genito-urinario. Di conseguenza, è stato possibile identificare e affrontare condizioni come la gastrite cronica.

3. Osteopatia cranica

L’osteopatia cranica ha lo scopo di affrontare le strutture cerebrali e la loro intima relazione con il sistema nervoso centrale. Mostra particolare attenzione ad alterazioni come vertigini, emicrania e problemi posturali. Ha anche un grande interesse per l’otorinolaringoiatria e l’esame endocrino.

Alcune delle tecniche osteopatiche più comuni

Gli osteopati impiegano un’ampia varietà di tecniche manuali e procedure non invasive nel sollievo dei disturbi. Tra i più utilizzati ci sono i seguenti:

  • Tecnica dell’energia muscolare: applica una resistenza graduale alla contrazione attiva dei muscoli della persona. Pertanto, consente di trattare la debolezza muscolare, ridurre l’infiammazione e migliorare l’attività articolare.
  • Tecnica Jones: si tratta di localizzare aree sensibili e punti trigger del dolore, nonché angoli di mobilizzazione che riducono il dolore. È utile nelle contratture muscolari, nelle nevralgie e nel sovraccarico osteomuscolare.
  • Rilascio miofasciale: mira a rilasciare la fascia che copre i muscoli e a ridurre il dolore causato dalla sua anormale adesione.
  • Tecnica di fiducia: si basa sul riallineamento delle articolazioni attraverso movimenti rapidi, indolori e controllati. Di solito provoca una sensazione di sollievo immediato. Questa è la tecnica più conosciuta.
Osteopatia con la tecnica del Trust.
L’uso della tecnica del Trust è il più riconosciuto dalle persone in generale. Tuttavia, l’osteopatia ha molti altri approcci al trattamento.

Quando è consigliata l’osteopatia?

L’osteopatia è utile in un’ampia varietà di disturbi organici e funzionali. Prima di tutto, la persona deve andare da un medico per ottenere una diagnosi accurata della malattia.

In questo modo lo specialista potrà orientare il trattamento e proporre le diverse alternative terapeutiche. Alcune delle indicazioni più frequenti dell’osteopatia sono le seguenti:

  • Problemi muscoloscheletrici: contratture, tendiniti, distorsioni, radicolopatie, traumi e disturbi degenerativi articolari.
  • Condizioni gastrointestinali: gas, costipazione, gastrite, crampi addominali, intestino irritabile e indigestione.
  • Malattie respiratorie: bronchite, asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva.
  • Patologie genitourinarie : dismenorrea, amenorrea e incontinenza vescicale.
  • Problemi in gravidanza: lombalgia, sciatica, dolore pubico.
  • Patologie craniche: nevralgia del trigemino, vertigini, emicrania, insonnia e stanchezza cronica.
  • Condizioni pediatriche: coliche nei neonati.

Controindicazioni dell’osteopatia

La terapia osteopatica è controindicata nei soggetti con evidenza di debolezza ossea strutturale dovuta a processi tumorali, reumatici, infiammatori o alterazioni vascolari. Questo è il caso dei pazienti con artrite reumatoide, metastasi ossee, fratture, articolazioni instabili, osteopenia e recenti interventi chirurgici.

Altre condizioni in cui l’osteopatia è controindicata sono le seguenti:

  • Malattia carotidea o vertebro-basilare.
  • Stati ipercoagulabili.
  • Trombosi venosa profonda.
  • Infezioni respiratorie.
  • Disturbi psichiatrici.
  • Ferite aperte.
  • Tumori.

La continua supervisione medica garantirà il successo del trattamento

L’osteopatia è una disciplina terapeutica che utilizza stimoli esterni attraverso tecniche manuali per alleviare varie condizioni del corpo. Si tratta quindi di uno strumento complementare alla gestione professionale che non deve sostituire il trattamento stabilito da uno specialista.

Potrebbe interessarti ...
Donna di 87 anni cambia postura e vita grazie allo yoga
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Donna di 87 anni cambia postura e vita grazie allo yoga

Lo yoga è una disciplina millenaria per il corpo e per la mente e che, se fatta nel modo giusto, possiamo persino cambiare la nostra vita grazie al...



  • Jagua Gualdrónz A. Medicina alternativa en el tratamiento de la osteoartrosis y artritis reumatoide. Revisión sistemática de la literatura y meta-análisis. Rev.Colomb.Reumatol. 2012;  19( 4 ): 234-244.
  • Bagagiolo DRosa DBorrelli F. Efficacy and safety of osteopathic manipulative treatment: an overview of systematic reviews
  • Dal Farra F, Risio RG, Vismara L, Bergna A. Effectiveness of osteopathic interventions in chronic non-specific low back pain: A systematic review and meta-analysis. Complement Ther Med. 2021 Jan;56:102616.
  • Cicchitti L, Martelli M, Cerritelli F. Chronic inflammatory disease and osteopathy: a systematic review. PLoS One. 2015 Mar 17;10(3):e0121327.
  • Ruffini N, D’Alessandro G, Cardinali L, Frondaroli F, Cerritelli F. Osteopathic manipulative treatment in gynecology and obstetrics: A systematic review. Complement Ther Med. 2016 Jun;26:72-8.
  • Eguaras N, Rodríguez-López ES, Lopez-Dicastillo O, Franco-Sierra MÁ, Ricard F, Oliva-Pascual-Vaca Á. Effects of Osteopathic Visceral Treatment in Patients with Gastroesophageal Reflux: A Randomized Controlled Trial. J Clin Med. 2019 Oct 19;8(10):1738.