Arresti cardiaci improvvisi: arrivano senza preavviso?

· 14 luglio 2014
È importante avere delle conoscenze minime per poter realizzare la rianimazione cardiopolmonare mentre arrivano i soccorsi. Quanto prima inizieranno le manovre di primo soccorso, tante più possibilità di sopravvivere avranno i pazienti in questione.

Prima di tutto, occorre definire che cos’è un arresto cardiaco. Un arresto cardiaco si verifica quando il cuore non riesce ad inviare il sangue agli altri organi e tessuti del corpo.

Ovviamente, un arresto cardiaco richiede assistenza immediata per non arrivare a conseguenze gravi e fatali. Esistono diversi fattori di rischio che possono provocare un arresto cardiaco.

Quali possono essere i fattori di rischio?

Secondo alcuni studi, la maggior parte delle persone che incorre in un arresto cardiaco manifesta in precedenza alcuni sintomi che indicano che il cuore non sta funzionando come dovrebbe. Questi segnali possono comparire anche un mese prima dell’episodio di arresto cardiaco.

Questi indicatori possono essere: dolore al petto, difficoltà respiratorie, vertigini, palpitazioni (battiti del cuore accelerati). Sono tutti segnali che potrebbero indicare anche un altro problema di salute. Per questo motivo, è di vitale importanza che vi sottoponiate regolarmente a dei controlli da parte del vostro medico nel caso in cui manifestiate arresti cardiaci improvvisi o vi troviate in una situazione a rischio di soffrire di disturbi al cuore, come quelle descritte sopra.

Allo stesso modo, l’arresto cardiaco può presentarsi senza preavviso anche nelle persone giovani che praticano sport e hanno una vita sana a causa di anomalie ereditarie, molto spesso non diagnosticate.

Prima assistenza in caso di attacco di cuore

In attesa del soccorso medico, alla persona che sta avendo un arresto cardiaco bisogna praticare la rianimazione cardiopolmonare, che consiste in una combinazione di compressioni del torace e di respirazioni bocca a bocca, utilizzando in alternativa il pallone A.M.B.U.; successivamente, il personale medico ricorre alla defibrillazione, cioè invia una scarica elettrica al cuore per ristabilirne il ritmo regolare.

Sarebbe bene, ma soprattutto di grande utilità, avere delle nozioni sulla pratica di rianimazione cardiopolmonare di base (RCP), su come effettuarla e su quali aspetti tenere presenti prima di procedere con questa manovra. Quanto più veloce sarà il primo soccorso, maggiori saranno le possibilità di sopravvivere per la persona colpita da arrestto cardiaco.

Una dieta per un cuore sano

Questi alimenti sono considerati “amici” del cuore perché favoriscono la corretta circolazione sanguigna; in questo modo, aiutano a mantenere il cuore in buona salute e a prevenire eventuali malattie.

Quali sono questi alimenti?

  • Pesce
  • Frutta secca
  • Frutta e verdura (2 porzioni di verdura al giorno e 2 o 3 frutti)
  • Olio d’oliva
  • Avena
  • Latticini derivati da latte scremato o parzialmente scremato
  • Carni povere di sodio: tacchino, coniglio, pollo (togliete sempre a crudo la pelle e il grasso in eccesso)
  • Legumi

Di seguito vi presentiamo una ricetta molto semplice da realizzare, un piatto saporito che rispetta e protegge la salute del vostro cuore. 

Ricetta del risotto alla zucca al forno

Zucca

Ingredienti

  • 450 gr di zucca sbucciata e tagliata a cubetti di 1 cm
  • 1 cipolla piccola tritata finemente
  • 1 spicchio d’aglio schiacciato
  • Emulsione di acqua e olio
  • Pepe nero macinato fresco
  • 200 gr di riso per risotto
  • La scorza di ½ limone
  • 700 ml di brodo di verdure caldo
  • 30 gr di parmigiano grattugiato

Preparazione

Preriscaldate il forno a 200 gradi. In una pentola antiaderente e adatta alla cottura al forno mettete la zucca, la cipolla e l’aglio. Bagnate le verdure con l’emulsione di olio e acqua e aggiungete un pizzico di pepe nero. Mettete la pentola in forno per 15-20 minuti, mescolate di tanto in tanto le verdure fino a quando non saranno dorate e caramellate. Aggiungete il riso e la scorza di limone e mescolate il tutto. A questo punto versate il brodo bollente e continuate a mescolare. Coprite la pentola con un foglio di alluminio e mettetela in forno per 20 o 30 minuti, fino a quando il riso non risulterà morbido e avrà assorbito tutto il brodo. Aggiungete metà del parmigiano grattugiato e mescolate per mantecare il risotto; il formaggio che resta spolverizzatelo sul risotto e servitelo subito. Buon appetito e godetevi questa deliziosa ricetta che fa bene alla salute del vostro cuore.

Ricordate…

Prendersi cura del proprio cuore e del proprio corpo non significa seguire una dieta ripetitiva e noiosa. Rivolgetevi ad un nutrizionista che vi consiglierà un programma di alimentazione specifico per le vostre condizioni che sarà vario, saporito e soprattutto salutare. Una dieta rigida e allo stesso tempo ripetitiva vi farà abbondonare i buoni propositi prima del tempo. Ricordate che un arresto cardiaco si verifica quando le arterie sono già danneggiate, quindi non compare all’improvviso in una persona sana.

Guarda anche