Iperplasia prostatica benigna: sintomi e trattamento

6 Aprile 2021
L'iperplasia prostatica benigna colpisce soprattutto gli uomini di età superiore ai 60 anni. Tuttavia, in alcuni casi può comparire prima dei 40 anni. Un trattamento adeguato consente di prevenire le complicazioni.

L’iperplasia prostatica benigna è una condizione che si verifica spesso con l’avanzare dell’età. È nota come “ingrossamento della ghiandola prostatica”. Questa condizione provoca sintomi fastidiosi, e può portare a difficoltà di minzione e disturbi ai reni.

La prostata è una piccola ghiandola che si trova sotto la vescica, davanti al retto. Fa parte del sistema riproduttivo maschile. Produce un liquido che si combina con lo sperma per produrre il liquido seminale. Con l’età, subisce cambiamenti che possono portare a iperplasia prostatica benigna.

Si stima che solo il 10% degli uomini di 30 ani presenti un ingrossamento della prostata. Tra i 40 ei 60 anni la percentuale inizia a salire. Entro i 60 anni, si ritiene che circa la metà degli uomini abbia una prostata ingrossata. All’età di 85 anni, il 90% degli uomini presenta tale condizione.

Cos’è l’iperplasia prostatica benigna?

Uomo con iperplasia prostatica.
Si chiama iperplasia prostatica benigna l’ingrossamento della prostata. Con l’avanzare dell’età, il rischio di sviluppare questa condizione aumenta.

L’iperplasia prostatica benigna è un ingrossamento della ghiandola prostatica, di natura non cancerosa. Alla nascita, la prostata è molto piccola. Ma durante la pubertà, quando i livelli di testosterone aumentano, questa ghiandola inizia a crescere.

Intorno ai 20 anni, la dimensione della prostata è raddoppiata rispetto alla nascita. Nei due decenni successivi, la prostata cresce a un ritmo molto più lento e raramente causa problemi. Verso i 40 anni, si verifica un secondo processo di ingrandimento. Questo è il momento, nella maggior parte dei casi, in cui cominciano ad insorgere delle difficoltà.

L’iperplasia prostatica benigna è più comune negli uomini di età superiore ai 50 anni. Quando la prostata si ingrandisce, inizia a comprimere l’uretra. Ciò finisce per creare un’ostruzione nel flusso di urina.

Potrebbe interessarvi: Tumore alla vescica: i sintomi da non sottovalutare

Caratteristiche

L’uretra compressa e la conseguente ostruzione nel flusso di urina rendono difficile l’espulsione completa dell’urina durante la minzione. In conseguenza, una parte di urina finisce per ristagnare nella vescica. Nel tempo, questo può portare a infezioni del tratto urinario o formazione di calcoli vescicali.

La scienza non conosce le ragioni esatte per cui si verifica l’iperplasia prostatica benigna. Tuttavia, si ritiene che questo fenomeno sia dovuto a cambiamenti causati dagli ormoni maschili. In particolare, ad un ormone chiamato diidrotestosterone, che è strettamente associato al testosterone.

Il principale fattore di rischio è l’invecchiamento. Inoltre, è più comune in coloro che hanno una storia familiare del disturbo.

Gli studi indicano che le persone affette da diabete o malattie cardiache hanno maggiori probabilità di sviluppare un ingrossamento della prostata, così come gli obesi e chi conduce una vita sedentaria.

Sintomi di iperplasia prostatica benigna

Urologia prostata iperplasia.
Gli uomini con iperplasia prostatica benigna sperimentano una serie di cambiamenti nelle loro abitudini di minzione che possono risultare fastidiosi. Frequentemente, il flusso di urina inizia ad essere intermittente.

I sintomi dell’iperplasia prostatica benigna possono essere molto fastidiosi. Il sintomo più caratteristico è la minzione intermittente o esitante. La forza per espellere l’urina non è sufficiente e il calibro del getto è molto sottile. Inoltre, è spesso accompagnata da dolore o una sensazione di urgenza di evacuare, chiamata disuria.

È comune che la frequenza urinaria notturna aumenti, una condizione denominata nicturia. Spesso chi ne soffre ha difficoltà di minzione e avrà la sensazione di non aver svuotato completamente la vescica anche dopo aver urinato. A volte può presentarsi la perdita di controllo sulla minzione o l’incontinenza.

I sintomi possono variare da un uomo all’altro, e non tutti li svilupperanno in forma grave. La difficoltà a svuotare completamente la vescica porta a infezioni o calcoli. Se non trattata, può portare a insufficienza renale.

Leggete anche: Ipratropio bromuro: a cosa serve?

Trattamento

Attualmente, esiste un’ampia varietà di trattamenti disponibili per trattare l’iperplasia prostatica benigna. Il più comune è il trattamento farmacologico, con alfa-bloccanti o inibitori della 5-alfa reduttasi.

A volte si utilizzano maniera combinata, o in abbinamento al Tadalafil. Nei casi più gravi, il trattamento più appropriato è la chirurgia. In generale, si utilizza una delle seguenti procedure:

  • Resezione transuretrale della prostata.
  • Incisione transuretrale della prostata.
  • Terapia a microonde transuretrale.
  • Ablazione con ago transuretrale.
  • Terapia laser.
  • Lifting uretrale prostatico (PUL).
  • Embolizzazione.
  • Prostatectomia a cielo aperto o robot-assistita.

Per quanto riguarda i trattamenti alternativi erboristici, non sono disponibili dati conclusivi. Si consiglia di adottare uno stile di vita a basso consumo di caffeina e alcol, nonché una dieta sana, facendo esercizio fisico frequente e cercando di mantenere una temperatura corporea calda.

  • Carrero-López, V. M., Cózar-Olmo, J. M., & Miñana-López, B. (2016). Hiperplasia prostática benigna y síntomas del tracto urinario inferior. Revisión de las evidencias actuales. Actas Urologicas Españolas, 40(5), 288-294.
  • Breyer BN, Sarma AV. Hyperglycemia and insulin resistance and the risk of BPH/LUTS: an update of recent literature. Curr Urol Rep. 2014;15(12):462. doi:10.1007/s11934-014-0462-x
  • Naslund, M. J., Costa, F. J., & Miner, M. M. (2006, December). Managing enlarged prostate in primary care. International Journal of Clinical Practice. https://doi.org/10.1111/j.1742-1241.2006.01194.x
  • Oesterling, J. E. (1996). Benign prostatic hyperplasia: a review of its histogenesis and natural history. The Prostate. Supplement. https://doi.org/10.1002/(sici)1097-0045(1996)6+<67::aid-pros13>3.3.co;2-e
  • InformedHealth.org [Internet]. Cologne, Germany: Institute for Quality and Efficiency in Health Care (IQWiG); 2006-. Benign enlarged prostate: Overview. 2008 Oct 13 [Updated 2018 Jan 25]. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK279204/
  • Lee CL, Kuo HC. Pathophysiology of benign prostate enlargement and lower urinary tract symptoms: Current concepts. Ci Ji Yi Xue Za Zhi. 2017;29(2):79–83. doi:10.4103/tcmj.tcmj_20_17