La vitamina A o retinolo per combattere l'acne

L'acne è un problema che a volte sembra non avere soluzione. Tuttavia, abbiamo un grande alleato: la vitamina A.
La vitamina A o retinolo per combattere l'acne

Ultimo aggiornamento: 24 agosto, 2022

Ci sono vari modi in cui possiamo usare la vitamina A o retinolo per combattere l’acne. Ci sono opzioni per uso topico, integratori e anche attraverso la dieta. Cioè, ottenerlo dal cibo che mangiamo.

È opportuno sottolineare che questo nutriente ha proprietà antiossidanti, quindi può proteggere dagli effetti dei radicali liberi. Inoltre, offre numerosi benefici per la vista e la rigenerazione delle cellule della pelle, tra gli altri.

Tuttavia, ci sono alcune precauzioni che dobbiamo prendere riguardo al consumo di integratori di vitamina A. Quindi è sempre meglio consultare un medico. Continuate a leggere.

Tipi e fonti di vitamina A

La vitamina A è una sostanza liposolubile. Come altre vitamine, è essenziale per il corpo. In particolare è fondamentale per la riproduzione cellulare, per il sistema immunitario, la vista e la pelle.

Sebbene si usi un unico termine per riferirsi a questo nutriente, diverse sostanze sono incluse sotto il nome di “vitamina A”:

  • Retinoidi (retinico, acido retinoico, retinolo): vitamina A preformata. O in altre parole, costituiscono una forma di immagazzinamento per la sostanza.
  • Carotenoidi (come il beta-carotene): sono un altro tipo di provitamina. Ma a differenza dei precedenti, il corpo deve metabolizzarli.

Proprietà e vantaggi della vitamina A

La vitamina A soddisfa o aiuta a svolgere varie funzioni nel corpo. Come già accennato, il suo ruolo nel funzionamento della vista è decisivo. Ma questa non è l’unica cosa:

  • Aiuta a mantenere la salute della pelle.
  • Può contribuire alla prevenzione delle malattie cardiache.
  • Partecipa all’unione delle proteine di trascrizione del materiale genetico.
  • Migliora la funzione immunitaria, contribuendo alla maturazione dei linfociti T.
  • Ha proprietà antiossidanti, quindi protegge dagli effetti dei radicali liberi. In questo senso, gli studi chiariscono che i retinoidi potrebbero essere utili nella prevenzione delle trasformazioni maligne delle cellule.

Oltre ad aiutare a combattere l’acne, ci sono altri vantaggi dell’uso della vitamina A o del retinolo per la pelle, come i seguenti:

  • Previene l’invecchiamento precoce e riduce le rughe e le linee sottili.
  • Secondo uno studio, il retinolo topico aiuta ad aumentare i livelli di collagene, la proteina essenziale nella struttura del derma.
Beta carotene negli alimenti.
I beta-caroteni che conferiscono il caratteristico colore arancione ad alcuni alimenti sono fonti di questa forma di vitamina A.

Cosa succede se c’è carenza di vitamina A?

La carenza di vitamina A causa vari problemi. Ad esempio, nei bambini può portare a disturbi della crescita e una maggiore suscettibilità alle infezioni. La sua carenza influisce sulla funzione immunitaria.

D’altra parte, la carenza di vitamina A è correlata a patologie visive e disturbi oculari, come xeroftalmia o congiuntivite secca, nonché degenerazione maculare senile. La ricerca indica che la carenza di retinoidi è considerata uno dei principali fattori che causano la cecità infantile.

Infine, il suo deficit si manifesta anche nelle patologie cutanee, in problematiche come l’ipercheratosi e la cheratosi pilaris, oltre all’ipoplasia dello smalto dentale. Quest’ultimo provoca la perdita occasionale dei denti.

La vitamina A o retinolo per combattere l’acne

Esistono diversi modi per utilizzare la vitamina A o retinolo per combattere l’acne. Fondamentalmente, bisogna consumare cibo o integratori che contengano questa sostanza o applicarla localmente sulla pelle.

Dieta

Per quanto riguarda gli alimenti ricchi di vitamina A, i carotenoidi si trovano nella frutta e nella verdura, soprattutto in quelle verdi, arancioni o gialle, tra cui:

  • Zucca.
  • Carota.
  • Broccoli.
  • Cantalupo.
  • Papaia.
  • Mango.

D’altra parte, la carne rossa (in particolare il fegato), il pesce e i latticini sono una fonte di retinoidi. Una dieta che includa i seguenti prodotti può giovare alla pelle a tendenza acneica:

  • Fegato di vacca.
  • Salmone.
  • Latte.
  • Formaggio.
  • Tonno.

Integratori di vitamina A

Gli integratori orali di vitamina A sono consigliati per le persone con bassi livelli di questo nutriente, a causa di carenze alimentari o problemi che influenzano l’assorbimento dei grassi, come la pancreatite. Gli integratori di vitamina A sono utili anche nel trattamento delle malattie degli occhi e del morbillo.

La dose giornaliera raccomandata è di 900 microgrammi per gli uomini e 700 per le donne adulte.

Tuttavia, gli integratori potrebbero non offrire gli stessi benefici della vitamina A che il corpo ottiene naturalmente dal cibo.

Per quanto riguarda l’acne, una recente ricerca conclude che gli integratori orali possono essere efficaci nel trattamento di questo problema. Tuttavia, il suddetto studio è stato condotto con un piccolo campione, quindi è necessaria una maggiore profondità.

Uso topico

La forma topica è considerata l’opzione più efficace dell’uso della vitamina A o del retinolo per combattere l’acne. Senza trascurare il fatto di mantenere una dieta ricca di detto nutriente.

A questo proposito, si afferma che il retinolo topico può aiutare a trattare e prevenire le lesioni infiammatorie dell’acne, stimolando il rinnovamento delle cellule della pelle.

Gli studi condotti sull’argomento ne confermano l’efficacia. Ad esempio, una ricerca del 2012 ha rilevato che il retinolo, anche a concentrazioni dello 0,25%, può fornire benefici senza effetti collaterali.

Nel frattempo, uno studio clinico ha esaminato l’efficacia di due diversi tipi di retinoidi topici. I partecipanti hanno utilizzato entrambi in un prodotto in gel per 12 settimane. Sia l’uno che l’altro sono risultati efficaci, con una riduzione dei segni cutanei del 61% (con adapalene) e del 57% (con Tazarotene).

Crema per l'acne alla vitamina A.
Pare che la vitamina A sia molto efficace contro l’acne.

Rischi, effetti collaterali e controindicazioni

Dal cibo, il corpo assorbe la quantità di vitamina A di cui ha bisogno. Tuttavia, quando si tratta di integratori, a volte puoi esagerare.

E sebbene alcune persone richiedano dosi extra per il trattamento di alcune malattie, quando sono superiori a quelle che il corpo può assorbire, possono verificarsi vari sintomi e condizioni:

  • Vertigini e mancamenti.
  • Male alla testa.
  • Visione sfocata.
  • Danno epatico.
  • Dolori articolari.
  • Nausea, vomito e diarrea.
  • Irritazioni, arrossamenti e desquamazione della pelle. Forse a causa dell’ipersensibilità al sole.

Durante la gravidanza, l’eccesso potrebbe causare problemi congeniti.

D’altra parte, gli integratori di vitamina A possono interagire con alcuni farmaci, inclusi gli anticoagulanti, i farmaci dimagranti come Xenical® e quelli con caratteristiche epatotossiche.

Pertanto, gli integratori di vitamina A non dovrebbero essere assunti per combattere l’acne senza prima consultare un medico. Devi assicurarti che non interferiscano con un altro farmaco o integratore che la persona sta assumendo.

Attenzione alle dosi

Una raccomandazione importante è quella di utilizzare gradualmente la vitamina A topica. Questo significa iniziare con prodotti in cui la concentrazione è bassa, in modo da permettere alla pelle di abituarsi.

Inoltre, siate pazienti perché potrebbe volerci del tempo prima di iniziare a vedere i risultati. Stiamo parlando di mesi. È meglio non disperare e non aumentare la dose inaspettatamente.

Naturalmente, se state considerando la vitamina A o retinolo come opzione per combattere l’acne, o state pensando di passare a un prodotto a concentrazione più elevata, è sempre meglio consultare un dermatologo.

Potrebbe interessarti ...
Alimenti che peggiorano l’acne
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Alimenti che peggiorano l’acne

La predisposizione genetica, il tipo di pelle e gli alimenti peggiorano l'acne. Prestate attenzione a quali cibi dovreste evitare.



  • Benítez Cruz S, Gómez Candela C, Ruiz Martín M, Cos Blanco A. Úlcera corneal bilateral como consecuencia de malnutrición calóricoprotéica y déficit de vitamina A en un paciente con alcoholismo crónico, pancreatitis crónica y colecistostomía. Nutr. Hosp. 2005; 20(4): 308-310.
  • Disalvo L, Varea A, Matamoros N, et al. Deficiencia de vitamina A y factores asociados en niños preescolares de la periferia de la ciudad de La Plata, Buenos Aires. Arch. argent. pediatr.  2019;  117(1): 19-25.
  • Kong R, Cui Y, Fisher G, et al. A comparative study of the effects of retinol and retinoic acid on histological, molecular, and clinical properties of human skin. J Cosmet Dermatol. 2016; 15: 49-57.
  • Kotori M. Low-dose Vitamin “A” Tablets-treatment of Acne Vulgaris. Med Arch. 2015; 69(1): 28-30.
  • Peres P, De Paula T, Da Silva R, Coelho H. A atuação da vitamina A e carotenóides na hepatocarcinogênese. Rev. Bras. Cancerol. 2003; 49(2):113-120.