Sintomi del cancro del colon-retto

14 aprile 2015

Negli ultimi anni abbiamo sentito parlare molto del cancro del colon-retto. I casi di cancro de colon-retto, inoltre, stanno aumentando tra le donne ed è, infatti, diventato il secondo tipo di cancro più diffuso. A cosa è dovuto? Per ora le cause sono imprecise ed è quindi fondamentale prevenirlo e fare attenzione ai sintomi.

In questo articolo approfondiremo proprio questo tema, per la vostra salute e tranquillità. Esistono delle terapie contro il cancro del colon-retto e ogni anno sono moltissimi i pazienti che riescono a sconfiggerlo. Vi elenchiamo a seguire tutte le informazioni di cui avete bisogno.

1. Cos’è il cancro del colon-retto?

dottore

Questo tipo di cancro ha origine tanto nel colon come nel retto. Entrambi sono collegati e, anche se curati in modi diversi, i sintomi e le cause sono gli stessi. Per capire meglio di cosa stiamo parlando, vediamo di cosa si occupano esattamente queste due parti del nostro corpo.

  • Quando mangiamo, il cibo viene digerito dallo stomaco e poi processato ed eliminato tramite l’intestino.
  • Il cibo attraversa prima l’intestino tenue, la parte più lunga dell’apparato digerente e che ha il compito di digerire ed estrarre i nutrienti dal cibo.
  • Dopodiché, i residui passano dall’intestino crasso al colon, che si occupa di assorbire l’acqua, sintetizzare alcuni tipi di vitamine e immagazzinare i residui che, poi, arrivano fino al retto. Quest’ultimo tramo ha una larghezza di 15 cm ed è qui dove ha origine il cancro del colon-retto.

2. Quali sono le origini del cancro del colon-retto?

polipo-colon-500x396

Il cancro del colon-retto inizia con lo sviluppo di uno o più polipi nel rivestimento interno delle pareti del colon o del retto. Crescono all’interno e possono avere una forma piatta o ovale.

È proprio in questa fase che la prevenzione è d’importanza vitale. La maggior parte di questi polipi sono benigni, ma se non vengono rimossi in tempo, possono diventare maligni. Si conoscono con il nome di adenomi e notiamo sintomi della loro presenza solo quando raggiungono una certa grandezza ed entrano in contatto con le feci, il che provoca sanguinamento. È allora che ci rendiamo conto che qualcosa non va.

In molti paesi si sta tentando di programmare colonscopie periodiche per prevenire il cancro del colon-retto. Se i polipi vengono individuati in tempo, quando sono di dimensioni ridotte, sparisce anche il rischio di ammalarsi di cancro. È comunque possibile porvi rimedio in tempo se agiamo appena notiamo qualcosa di strano. Per qualsiasi problema, quindi, indipendentemente da quanto insignificante, consultate un medico. Ne vale davvero la pena.

3. Sintomi del cancro del colon-retto

salute-dolore-fegato-500x251

  • Sangue nelle feci: è il sintomo più evidente e che non bisogna mai ignorare. Sappiamo che non è mai piacevole, ma è importante osservare sempre il colore e la forma delle feci, soprattutto se notate qualche traccia di sangue. Il colore può variare dal rosso al nero e si deve al contatto tra le feci e i polipi presenti nel colon o nel retto che, con lo sfioramento, sanguinano.
  • Anemia: le donne sono più soggette a soffrire di anemia rispetto agli uomini. Di solito si deve a un ciclo mestruale abbondante, ma è importante conoscerne sempre la causa. Se vi viene diagnosticata l’anemia, chiedete al vostro medico di realizzare un’analisi anche sulle vostre feci per individuare eventuali tracce di sangue.
  • Cambi nel ritmo intestinale: soffrite spesso di periodi di stitichezza che si alternano a settimane di diarrea? Allora dovete farlo presente al vostro medico. È importante conoscere la causa di questi cambiamenti nel vostro ritmo intestinale.
  • Forma delle feci: fate attenzione a qualsiasi cambiamento nella forma delle vostre feci, soprattutto se improvvisamente diventano più fine. Potrebbe essere dovuto alla presenza di polipi che restringono l’intestino e non permettono un’espulsione normale dei residui.
  • Strana sensazione di espulsione: quando andate in bagno, avete spesso la sensazione di non aver finito, che ci sia ancora qualcosa nell’intestino? Questo problema è conosciuto come tenesmo rettale ed è necessario consultare un medico.
  • Dolori addominali: avete la sensazione di essere troppo pieni appena finito di mangiare? Vi sentite stanchi e con l’addome appesantito? Non ignorate questi sintomi! Probabilmente è dovuto a cause minori, come la presenza di gas, ma se oltre a questo sintomo notate che, per esempio, le vostre feci sono diverse, consultate un medico. Non costa niente e sarete più tranquilli sapendo che non è nulla di serio.
  • Perdita di peso: quando si verifica un problema al colon, il nostro organismo non sintetizza più molti nutrienti in modo adeguato, il cibo non viene processato allo stesso modo… Tutto ciò comporta la perdita di qualche chilo. Vale la pena tenerlo in considerazione.

4. È possibile prevenire il cancro del colon-retto?

Te-carciofo

La cosa più importante nel caso del cancro del colon-retto (come per qualsiasi altro tipo di cancro) è fare attenzione ai sintomi e mantenere una buona qualità di vita. Per ora non esistono strategie per evitare al 100% questo tipo di malattie, ma è importante fare degli sforzi quotidiani per prenderci cura di noi al meglio.

Ecco alcuni consigli utili:

  • Se siete dei fumatori, che aspettate ad abbandonare il vizio del fumo? Smettete oggi stesso!
  • Adottate una dieta mediterranea ricca di frutta, verdura fresca e olio d’oliva.
  • Depurate il vostro intestino regolarmente. Perfetto, per esempio, se iniziate la mattina con un bicchiere di acqua tiepida e limone oppure un cucchiaio di olio d’oliva e qualche goccia di succo di limone, o anche un infuso di aloe vera.
  • Prendetevi cura della vostra flora intestinale consumando alimenti probiotici.
  • Anche gli infusi di zenzero e menta da bere di pomeriggio si prenderanno cura del vostro colon.
  • Un altro rimedio medicinale molto utile è bere due volte a settimana un litro d’acqua nel quale avete cotto due carciofi.
  • Gestite o evitate le situazioni che causano stress e ansia.
  • Fate un po’ d’esercizio fisico tutti i giorni. L’ideale sarebbe, per esempio, uscire tutti i giorni a passeggiare per circa un’ora.

Che ne dite di iniziare subito?

Guarda anche