Batteri nelle urine: cause e trattamenti

La principale causa dei batteri nelle urine sono le infezioni, ma anche altri fattori influenzano questo risultato di laboratorio. Ne parliamo in questo articolo.
Batteri nelle urine: cause e trattamenti

Ultimo aggiornamento: 27 luglio, 2022

La presenza di batteri nelle urine è un reperto di laboratorio chiamato batteriuria. Questo fatto può essere dovuto a molteplici cause, tra cui l’infezione del tratto urinario è una delle eziologie più frequenti. Volete saperne di più?

La batteriuria solitamente è accompagnata da altre anomalie di laboratorio che guidano il medico verso una corretta diagnosi. Queste alterazioni possono variare dalla presenza di leucociti e globuli rossi alle cellule epiteliali. Gli studi affermano che si tratta di un reperto comune e che non sempre ci sono sintomi, sebbene possa causare complicazioni, soprattutto durante la gravidanza.

Come identificare i batteri nelle urine?

La batteriuria viene identificata attraverso un semplice esame delle urine. In condizioni normali, l’urina è un liquido sterile, quindi la presenza di batteri è indicativa di qualche alterazione.

Il campione di urina dovrà essere analizzato al microscopio e verranno descritte tutte le sue caratteristiche, inclusa la presenza di microrganismi o cellule anormali.

I laboratori hanno diversi modi per segnalare la presenza di batteri nelle urine, il metodo incrociato è uno dei più utilizzati. Fortunatamente, è molto facile da capire e viene interpretato come segue:

  • Assenza di batteri: i laboratori di solito indicano l’assenza di batteri nelle urine con la parola “assente” o con un segno negativo (-).
  • Pochi o + batteri: indica la presenza di batteri, ma in quantità minore o uguale a 10 su un totale di 10 campi microscopici osservati.
  • Alcuni batteri o ++: il ritrovamento di 2 croci è indicativo di un numero di batteri nelle urine che può variare tra 10 e 50 per 10 campi.
  • Batteri frequenti o +++: il numero di batteri presenti in ogni 10 campi studiati varia tra 50 e 100.
  • Batteri numerosi o ++++: questa è la forma più grave, poiché il numero di batteri supera i 100 per campo.

È necessario chiarire che, quando c’è la presenza di + o ++, e non ci sono sintomi o altre alterazioni associate, possono trattarsi di batteri appartenenti alla flora abituale. In questo senso, il medico dovrebbe sempre tenere conto di tutti i riscontri riportati nel test di laboratorio.

Esame delle urine in laboratorio.
I laboratori usano dei metodi particolari per determinare la presenza di batteri nelle urine.

Leggete anche: Colore delle urine: un indicatore della salute

Cause dei batteri nelle urine

Come abbiamo detto prima, il riscontro di batteriuria può essere dovuto a molteplici ragioni. Tutti loro hanno un trattamento adeguato che preverrà la comparsa di possibili complicazioni.

1. Contaminazione del campione

La contaminazione del campione è la causa più comune di batteri nelle urine. Va ricordato che il tratto urinario ha un microbiota che lo protegge e previene la comparsa di infezioni. Quando le persone prelevano il campione in modo improprio, questi batteri possono apparire al microscopio.

I batteri presenti sulla pelle possono essere trovati nel campione e causano un falso positivo.

L’ideale è pulire i genitali ed eliminare il primo flusso di urina, prelevando il campione dal flusso centrale. I medici di solito sospettano che il campione sia contaminato quando il laboratorio segnala l’assenza di leucociti e la presenza di cellule epiteliali.

Cosa fare?

I batteri isolati non rappresentano un pericolo per la salute nella maggior parte dei casi, quindi non è necessario alcun trattamento specifico. È meglio ripetere il test delle urine, raccogliendo il campione con una tecnica adeguata.

Se si vedono cellule epiteliali, ma non globuli bianchi, anche le persone di solito non hanno sintomi di infezione. Ciò conferma che non è richiesto alcun approccio terapeutico.

2. Infezioni delle vie urinarie

La malattia più associata alla batteriuria è l’infezione delle vie urinarie. Infatti uno studio pubblicato sulla rivista Natural Reviews Urology stabilisce che si tratta di una delle infezioni più comuni acquisite negli ospedali e nella comunità.

Indicativi della presenza di un’infezione urinaria, oltre alla batteriuria, sono abbondanti i leucociti nel campione e l’esistenza di cellule epiteliali. Anche l’identificazione dei globuli rossi nel campione o dell’ematuria aiuta a guidare la diagnosi.

Come se non bastasse, questo tipo di infezione ha solitamente sintomi specifici molto marcati. Uno dei principali è l’urina fetida. Possono essere presenti anche minzione dolorosa, minzione frequente, colica renale e urina schiumosa.

Trattamento

Gli antibiotici sono spesso molto utili nel trattamento delle infezioni del tratto urinario. Sono indicati quando le persone presentano sintomi spettacolari insieme a un test positivo. L’ideale in questi casi è eseguire un’urinocoltura per identificare i batteri specifici.

3. Tubercolosi

La tubercolosi è una malattia causata dal batterio Mycobacterium tuberculosis. Ha una maggiore affinità per i polmoni, ma può interessare altri organi, compresi i reni. In questo senso, è possibile trovare batteri nelle urine in caso di tubercolosi sistemica.

Il risultato è raro e il medico dovrebbe ordinare un test speciale per l’osservazione. Questo test viene eseguito solo allo scopo di monitorare i pazienti con la malattia e per verificare l’efficacia del trattamento.

Trattamento

Il personale sanitario dovrebbe chiedersi se il trattamento viene eseguito correttamente quando questi batteri sono presenti nelle urine. In alcuni casi, la dose potrebbe essere insufficiente o i batteri potrebbero aver sviluppato resistenza all’antibiotico.

L’ideale è aumentare la dose somministrata. Se, nonostante ciò, non si osservano miglioramenti, dovrebbe essere studiata la possibilità di modificare il regime e passare ad altri farmaci.

4. Ansia e stress

Sia lo stress che l’ansia sono disturbi psicologici che hanno un grande impatto sul corpo. Entrambi possono influenzare il sistema immunitario di una persona, causando la proliferazione dei batteri nel tratto urinario e la comparsa di batteriuria.

Lo stress provoca batteri nelle urine.
I batteri nelle urine a causa dello stress si spiegano con la debolezza del sistema immunitario, generata dall’aumento del cortisolo.

Trattamento

Le persone con ansia e batteri nelle urine dovrebbero praticare tecniche che consentano loro di controllare la condizione sottostante, al fine di regolare il sistema immunitario. Inoltre, la consultazione con uno psicologo o uno psichiatra è essenziale per trovare e affrontare l’origine.

Le tecniche di rilassamento e lo yoga si sono rivelate utili in questi casi.

Un’alterazione con molteplici cause

La presenza di batteri nelle urine è dovuta sia a patologie infettive che a errori nel prelievo dei campioni. L’ideale è seguire le istruzioni del personale sanitario e ripetere il test delle urine se necessario.

Potrebbe interessarti ...
Quali farmaci cambiano il colore delle urine?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Quali farmaci cambiano il colore delle urine?

Il colore delle urine può cambiare quando si inizia il trattamento con alcuni medicinali. Spieghiamo i casi più frequenti.



  • Foxman B. The epidemiology of urinary tract infection. Nat Rev Urol. 2010 Dec;7(12):653-60.
  • Nicolle LE. Asymptomatic bacteriuria. Curr Opin Infect Dis. 2014 Feb;27(1):90-6.
  • Wiley Z, Jacob JT, Burd EM. Targeting Asymptomatic Bacteriuria in Antimicrobial Stewardship: the Role of the Microbiology Laboratory. J Clin Microbiol. 2020 Apr 23;58(5):e00518-18.
  • Jain S, Schroeder AR. Asymptomatic bacteriuria prevalence. J Pediatr. 2020 Jul;222:253-257.
  • Gogulamudi PR, Deepanjali S, Mandal J, Pallam G. Asymptomatic bacteriuria among medical inpatients: Data from an Indian teaching hospital. Trop Doct. 2021 Oct;51(4):535-538.
  • Mody L, Juthani-Mehta M. Urinary tract infections in older women: a clinical review. JAMA. 2014 Feb 26;311(8):844-54.