Soggiornare in ostello: 5 consigli per una migliore esperienza

Soggiornare in un ostello può essere una delle migliori esperienze del viaggio. Ecco come rendere il soggiorno piacevole e rilassante.
Soggiornare in ostello: 5 consigli per una migliore esperienza

Ultimo aggiornamento: 22 marzo, 2022

Ci sono molti motivi per cui scegliere un ostello come sistemazione quando si viaggia. Nonostante sia una delle opzioni più economiche, ha delle caratteristiche che non lo rendono adatto a tutti. Vediamo in che cosa consistono e come soggiornare in un ostello al meglio.

Caratteristiche di un ostello: quando sì e quando no

L’ostello è una struttura per il pernottamento che offre servizi di base, ovvero pulizia, sicurezza, privacy (fino a un certo punto) e comfort.

L’ostello è molto più economico di un normale hotel perché i servizi di base che offre non sono sempre quelli che ci si potrebbe aspettare. È anche giusto dire che gli ostelli sono cambiati con il passare del tempo, diventando una possibilità per tutte le età e non solo per i giovani viaggiatori con lo zaino in spalla.

In questo contesto, gli ostelli offrono stanze condivise così come lo è il bagno. Gli spazi comuni sono di solito ampi e dotati di bar e televisori. La maggior parte offre una cucina e una sala da pranzo comuni, il che è un ottimo modo per risparmiare sul cibo.

In un ostello tutto è strutturato per favorire un ambiente amichevole e la socializzazione. Proprio questa è la sua caratteristica principale: condividere una stanza con estranei e provare l’adrenalina di incontrare nuove persone. Tuttavia, sempre più ostelli offrono camere private.

Chi preferisce gli ostelli? In generale sono la sistemazione amata da chi viaggia da solo o con un gruppo di amici. Anche di chi ha un budget ristretto, ma soprattutto vuole conoscere nuove persone e fare amicizia.

Chi preferisce altre strutture? Le famiglie e le persone che viaggiano per lavoro cercano una sistemazione più tradizionale. Allo stesso modo, a una persona introversa che mette la privacy sopra ogni cosa, suggeriamo di optare per un altro tipo di alloggio.

Viaggio zaino in spalla per soggiornare in ostelli.
Gli ostelli, tradizionalmente, sono l’opzione ideale per i viaggiatori con lo zaino.

Consigli per soggiornare in ostello

Come abbiamo già detto, un ostello può essere la sistemazione perfetta per alcuni e un incubo per altri. Se avete intenzione di fare un tentativo perché pensate che possa essere un’esperienza interessante, vi diamo alcuni consigli per soggiornare in un ostello senza contrattempi.

1. Scegliete un buon ostello

Ci sono molte possibilità e la più costosa non sempre sarà la migliore. Ogni ostello ha i suoi pro e contro.

Il modo migliore per conoscere in anticipo la qualità dell’ostello è leggere le recensioni. Ci sono molti siti dedicati a questo. Nello stesso motore di ricerca di Google potete trovare commenti sull’ostello che avete in mente. Tenete presente che ci sono ostelli festaioli che non sono molto appropriati, se quello che cercate è riposo o tranquillità.

Prestate particolare attenzione alla pulizia, alla sicurezza e alla posizione. Quest’ultimo fattore è fondamentale per chi viaggia da solo, poiché le sistemazioni centrali sono le più comode.

2. Scegliete il tipo di camera adatto a voi

Abbiamo detto che gli ostelli offrono stanze da condividere, ma ce ne sono anche alcuni che hanno stanze private con bagno. Nel caso in cui optiate per una camera condivisa con un letto a castello, cercate di occupare quello superiore. La persona che dorme nel letto di sopra non vi sveglierà quando arriverà o andrà via. Vi consigliamo di portare tappi per le orecchie o auricolari e una maschera per dormire.

A seconda della destinazione, c’è chi consiglia di portare la propria biancheria da letto e da bagno, in quanto potrebbe comportare un costo aggiuntivo. Se il clima è freddo, un sacco a pelo potrebbe essere una buona soluzione. Non dimenticate le ciabatte di gomma per fare la doccia, soprattutto se il bagno è condiviso. Infine, per le donne, consigliamo di prenotare una stanza solo al femminile.

3. Non dimenticate il lucchetto

Gli ostelli dispongono di armadietti in cui mettere gli oggetti di valore e chiuderli con un lucchetto. L’atmosfera in questi alloggi è molto tranquilla. Tuttavia, vi consigliamo di sfruttare questi armadietti in modo da poter riposare tranquilli e fare escursioni senza portare tutto dietro.

4. Rispettate le regole della convivenza

Informatevi sulle regole di base dell’ostello. Se usate la cucina o qualsiasi altra area comune, ricordate di lasciarla pulita e in ordine. Cercate di non fare rumori che disturbino gli altri ospiti.

Altre cose che potete fare sono: lasciare i bagagli pronti la sera prima, in modo da non doverlo fare la mattina presto e disturbare gli altri. Usate una torcia frontale in modo da non dover accendere le luci di notte.

5. Cogliete l’opportunità di incontrare persone

La possibilità di incontrare persone provenienti da tutto il mondo è la cosa più bella che un ostello possa offrire. In effetti, molte delle attività organizzate lì sono progettate per consentire agli ospiti di socializzare. In alcune strutture si organizzano feste, escursioni durante le quali potreste incontrare un nuovo compagno di viaggio.

Pianificare un viaggio.
Molti viaggi continuano in compagnia dopo aver soggiornato in un ostello.

Soggiornare in ostello: un’esperienza indimenticabile

Vale la pena provare a soggiornare in un ostello. Potete risparmiare una buona somma di denaro, soprattutto se l’alloggio ha una cucina comune dove potrete preparare i vostri pasti. I servizi offerti come extra sono molto interessanti e vanno dalla colazione, biancheria da letto, lavanderia e internet.

Ma, soprattutto, quello che offrono è il capitale umano. Le persone che frequentano questo tipo di struttura di solito sono amichevoli e pronte a stringere amicizia. Quindi vi consigliamo di scegliere l’ostello più adatto alle vostre esigenze e godervi la vostra vacanza.

This might interest you...
Sindrome da rientro: i sintomi post vacanze
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Sindrome da rientro: i sintomi post vacanze

Con sindrome da rientro si definisce un insieme di sintomi o emozioni che compaiono dopo le vacanze o un lungo periodo senza lavorare.



  • Soria, L. (2005). Los hostales, el Punto G de la ciudad. Revista Quehacer, (155), 84-94.
  • Huertas Berro, A. B. (2020). Perfil y características específicas de los hostales en el contexto de la oferta hotelera en España.
  • Horak, S., & Weber, S. (2000). Youth tourism in Europe: Problems and prospects. Tourism Recreation Research25(3), 37-44.
  • Busch-Geertsema, V., & Sahlin, I. (2007). The role of hostels and temporary accommodation. European Journal of Homelessness _ Volume.
  • Conte, V. G. (2009). Hostels en Argentina (Doctoral dissertation, Universidad Nacional de Mar del Plata).