Diverse forme di psoriasi

Anche se non si tratta di una condizione pericolosa, la psoriasi è una malattia ereditaria che può influenzare l'autostima, soprattutto se molto evidente

 

La psoriasi è una malattia cronica della pelle di solito caratterizzata dalla comparsa di macchie rosse che provocano prurito.

Queste macchie presentano squame il cui colore varia dal bianco a toni grigio-argento in base alla gravità della condizione.


Che cos’è la psoriasi?

Questa malattia autoimmune determina un funzionamento troppo rapido dei globuli bianchi.

Di conseguenza, gli strati della pelle si rigenerano ad una velocità maggiore rispetto ai normali cicli di rigenerazione cellulare, provocando lesioni che causano prurito e irritazione.

Un aspetto importante da considerare è che questa malattia è ereditaria ed è più frequente negli uomini che nelle donne. Se non avete precedenti in famiglia, dunque, potete stare tranquilli perché le possibilità di sviluppare la patologia sono minime.

La psoriasi di solito compare a seguito di stanchezza fisica e psicologica che mettono sotto stress corpo e mente.

Uno stile di vita sbagliato, problemi al lavoro o questioni personali a lungo andare potrebbero essere cause scatenanti di questa condizione.

Vi consigliamo di leggere anche: 6 trucchi e rimedi naturali per alleviare la psoriasi

Quali forme di psoriasi esistono?

Esistono diverse forme di psoriasi. Per trattare in modo adeguato la malattia, dunque, conviene sapere da quale tipo si è affetti.

Psoriasi a placche

psoriasi-placca

È la più comune forma di psoriasi ed è caratterizzata dalla presenza di troppe chiazze sulla pelle. Di solito compaiono sulle ginocchia, sul viso, sulle orecchie e sulla schiena.

Inizia come un’eruzione cutanea, ma non sparisce con le creme da banco. Le chiazze diventano poi di colore rossastro, dall’aspetto squamoso e dai bordi definiti.

La psoriasi a placche provoca molto prurito e in alcuni casi anche sanguinamento a causa della secchezza della pelle o perché ci si gratta.

Se la psoriasi interessa il cuoio capelluto, compaiono squame di colore bianco come la forfora. Se, invece, interessa le unghie, queste cominciano a presentare diverse lesioni puntiformi e possono anche staccarsi.

Psoriasi guttata

psoriasi-guttata

Di solito compaiono piccole macchie rosse sul torso e sulle estremità, ma non interessano un’area estesa.

La psoriasi guttata può interessare le orecchie, il viso e il cuoio capelluto. È più comune tra le persone che hanno meno di 30 anni.

Provoca lesioni che non sono estese come quelle della psoriasi a placche.

Le persone portatrici di streptococco o con possibilità di ereditare la psoriasi di solito manifestano questa forma quando si espongono a climi freddi che seccano la pelle.

Psoriasi pustolosa

Questo tipo di psoriasi colpisce soprattutto gli adulti ed è caratterizzata da pustole o bolle bianche di pus non infettivo accompagnate da arrossamento della pelle circostante.

La pelle di solito si arrossa prima della formazione delle pustole e nella zona interessata si avverte una sensazione di prurito e dolore.

Psoriasi eritrodermica

È considerata una delle forme più pericolose di psoriasi, in quanto copre grandi superfici di pelle con grandi macchie rossastre e coesiste con la psoriasi pustolosa.

Interessa soprattutto chi soffre di psoriasi a placche instabile, quando, cioè, le lesioni si protraggono per un periodo indefinito.

Psoriasi inversa

Si sviluppa nelle pieghe come le ascelle, l’inguine e sotto al seno. È particolarmente fastidiosa perché la sudorazione rende la pelle molto sensibile.

Di solito si tratta di macchie molto estese, ma senza squame. La si nota facilmente perché interessa aree molto ampie in prossimità delle pieghe della pelle.

Psoriasi ungueale

Quando le unghie prudono, presentano una superficie irregolare o si staccano dalla radice, si è affetti da questa forma di psoriasi. È simile alla psoriasi del cuoio capelluto o quella a placche.

I sintomi comprendono anche irregolarità sulla superficie dell’unghia, segni sulle unghie o distacco completo delle stesse.

Psoriasi del cuoio capelluto

Di solito viene confusa con un grave problema di forfora e la sviluppa chi è affetto anche da altri tipi di psoriasi.

All’inizio le squame sono sottili, poi diventano più spesse e frequenti e possono estendersi a tutto il cuoio capelluto e alle zone vicine, come collo, orecchie e fronte.

Artrite psoriasica

Le persone che presentano questo genere di psoriasi hanno un’età compresa tra i 30 e i 50 anni. Normalmente questa malattia è caratterizzata da:

  • Infiammazione
  • Dolore alle articolazioni e nelle zone circostanti
  • Rigidità o blocco delle articolazio ni
  • Stanchezza e movimenti limitati
  • Arrossamento degli occhi e perdita di rigidità nei tendini.

È molto importante diagnosticare e trattare per tempo questa forma di psoriasi in modo che le articolazioni non ne risentano in modo permanente.

Vi consigliamo di leggere anche: 12 alimenti per combattere l’artrite

La psoriasi e la depressione

depressione

È normale che chi soffre di psoriasi tenda a mostrare anche i sintomi legati alla depressione.

Questo si deve alle lesioni causate dalla malattia cutanea che spesso attirano l’attenzione, in senso negativo, e possono quindi influenzare l’autostima.

Per questo motivo, se siete affetti da qualche forma di psoriasi, è importante che cerchiate il supporto, il sostegno e la comprensione di familiari ed amici.

Tenete conto che l’automedicazione non è la soluzione al problema. Il nostro sistema immunitario è molto diverso da quello di qualsiasi altra persona, dunque per trattare la psoriasi servono farmaci diversi a seconda delle personali necessità.