I poteri del timo: dalla classica tisana al prezioso olio essenziale

· 22 settembre 2014

Il timo è una pianta aromatica utilizzata sia in erboristeria che in cucina per le sue molteplici proprietà benefiche e per  il sapore intenso e invitante. Scopriamo insieme come utilizzare questo prezioso dono della terra per svariate preparazioni salutari e gustose: dalla classica tisana al più ricercato olio di timo…

Il timo: caratteristiche e proprietà

Il timo (Thymus Capitatus L.) è un arbusto strisciante sempreverde alto 20/40 cm con foglie lanceolate e fiori di colore rosa tenue o lilla. Crescendo tende a formare cuscini profumati sul terreno e con qualche piccola accortezza può essere coltivato anche in balcone. Se ne usano specialmente le sommità fiorite perché più ricche di proprietà: si possono essiccare come le foglie e conservare in bocce di vetro e sacchetti di carta.

Timo su pietre
Oltre alle sue proprietà curative, il timo è molto apprezzato in cucina per insaporire carni e verdure in sostituzione dell’origano che per taluni può essere difficile da digerire. Tuttavia, fate attenzione: l’uso eccessivo potrebbe risultare controproducente, quindi fate sempre riferimento alle indicazioni di un medico.

Vediamo alcuni modi per far tesoro delle qualità di questa pianta.

Tisana: classica e intramontabile

La tisana di timo (fiori e foglie) è un diuretico che favorisce le mestruazioni e allevia crampi addominali (anche dovuti al ciclo) e dolori di stomaco, ma non solo! Bere una o due volte al giorno una calda tisana di timo aiuta a contrastare le infezioni respiratorie, la tosse e il catarro.

Come si prepara?

Per preparare questa portentosa tisana, occorre portare ad ebollizione dell’acqua (una tazza. Aggiungete un cucchiaio di foglie e fiori di timo essiccati e lasciate sbollentare per mezzo minuto. Spegnete quindi il fuoco e lasciate in infusione per 10 minuti.  Filtrate e bevete subito la vostra tisana per godere pienamente degli effetti benefici del timo. Per rendere più gradevole il sapore, si consiglia di addolcire con miele.

TimoSECCO

Aceto dei quattro ladri: un potente mix di erbe

L’aceto dei quattro ladroni si può preparare in molti modi ed il timo è un ingrediente fondamentale. Secondo una leggenda, veniva usato da quattro ladri per difendersi dalla peste che straziava la città di Tolosa (Milano in alcune versioni). Si usa cospargendo il corpo dopo il bagno. Ha proprietà antisettiche, antinfiammatorie, antivirali e antimicotiche.

Come si prepara?

Mettere in una boccia un litro di vino bianco in cui si lasceranno macerare un cucchiaio di foglie di timo, un cucchiaio di foglie di salvia, un cucchiaio di foglie di rosmarino e uno di lavanda. Dopo una settimana filtrare e conservare in boccette di vetro.

 ataimo fiore bianco

Tintura: per rafforzare i muscoli

La tintura di timo si usa per rinforzare gli arti dei bambini frizionandolo direttamente sulle parti interessate.

Come si prepara?

Per realizzare la tintura basta riempire una bottiglia con fiori di timo, coprire di alcool (quello per liquori) e lasciare riposare al sole per 15 giorni.

Olio essenziale: dalla cucina alle pulizie di casa

L’olio essenziale di timo ha proprietà antisettiche, antibiotiche e calmanti. Mettetene 3 gocce in mezzo litro d’olio per dare un tocco in più ad insalate, verdure bollite (una delizia sulle patate!), arrosti e minestre.

Aggiungete 5 gocce a un bicchiere d’olio per amplificare il potere rilassante dei massaggi, alleviare il nervosismo e l’insonnia (se dovuta ad uno stato di stress).

Per ottenere un disinfettante economico e naturale per pavimenti versate qualche goccia di olio essenziale in un secchio d’acqua calda con alcool denaturato. Semplice ed efficace!

Come si prepara?

Riempite una bottiglia di fiori di timo e copriteli d’olio d’oliva per 2-3 cm. Lasciate riposare al sole per due settimane e conservate in boccette di vetro in un luogo al riparo dalla luce.

Foglie di timo fresco

Curiosità

Nel linguaggio dei fiori il timo è simbolo di temperanza. Già nell’antica Grecia era conosciuto per i suoi molteplici poteri e per questo era associato a Zeus, padre degli dei. Secondo una leggenda,  il timo sarebbe magicamente nato dalle lacrime della sconsolata Arianna abbandonata da Teseo dopo aver sconfitto il Minotauro.

Alcuni racconti popolari lo associano alla Madonna che avrebbe indossato una coroncina di fiori di timo il giorno delle nozze conferendo così a questa pianticella poteri contro tutti i mali.

Guarda anche