Varicocele: sintomi, cause e trattamenti

Il varicocele tende ad essere asintomatico, ma una diagnosi precoce e un trattamento tempestivo prevengono la complicazione più temuta: l'infertilità. Ne parliamo in questo articolo.
Varicocele: sintomi, cause e trattamenti
Mariel Mendoza

Scritto e verificato da la dottoressa Mariel Mendoza.

Ultimo aggiornamento: 30 ottobre, 2022

Il termine varicocele si riferisce alla dilatazione delle vene dello scroto (la pelle che sostiene i testicoli). Queste vene, appartenenti al plesso pampiniforme, trasportano il sangue deossigenato dai testicoli al cuore.

La carenza venosa causa il disturbo perché il sangue si accumula, o ritorna, invece di circolare fuori dall’area. È l’equivalente delle vene varicose degli arti inferiori.

Il varicocele è solitamente unilaterale, essendo di lato sinistro fino al 90% dei casi. Può anche essere bilaterale. È più comune nei giovani uomini, tra i 15 ei 25 anni, e ha un’elevata prevalenza, con 15 casi ogni 100 uomini.

Sintomi di varicocele

In generale, il varicocele è solitamente asintomatico e il reperto è accidentale, durante un esame fisico di routine. Quando provoca problemi si manifesta con dolore sordo, diminuzione del volume testicolare, presenza di un nodulo o sensazione di peso a livello scrotale.

In che modo provoca problemi di fertilità?

Il varicocele è causa di infertilità in circa 4-8 uomini su 10. Questo perché il plesso pampiniforme è responsabile del mantenimento della corretta temperatura testicolare per la produzione e la maturazione dello sperma.

I testicoli richiedono una temperatura basale inferiore rispetto al resto del corpo per le loro funzioni. Ecco perché sono isolati nella loro borsa scrotale.

Il plesso pampiniforme è responsabile del raffreddamento del sangue dall’arteria testicolare prima che entri nei testicoli. La sua dilatazione provoca il surriscaldamento dei testicoli, con la conseguente minore produzione e maturazione degli spermatozoi. In questo modo, il potenziale di fertilità è influenzato.

Il varicocele provoca infertilità.
Il varicocele è una causa di morte dello sperma che può essere sottovalutata se non viene rilevata in tempo.

Leggi anche: Necrozoospermia: tra le cause di morte degli spermatozoi

L’alterazione testicolare ha altre conseguenze

Inoltre, a causa della stessa alterazione della funzione testicolare, si ha una diminuzione della produzione di testosterone. Sebbene il varicocele sia unilaterale, l’aumento della temperatura interessa entrambi i lati.

La ridotta produzione di testosterone inibisce lo sviluppo del testicolo durante la pubertà. Oltre a produrre la conseguente perdita di tessuto, che può sfociare in atrofia testicolare.

Cause del varicocele

Non esiste una causa definitiva e unica del varicocele, ma piuttosto è considerata una patologia multifattoriale. Le teorie sono orientate all’assenza o alla carenza di valvole venose, che permetterebbero il reflusso venoso che formerebbe le vene varicose.

Allo stesso modo, la predominanza sinistra è associata a una vena testicolare più lunga su quel lato. Pertanto, ha una pressione idrostatica più elevata. Allo stesso modo, la vena testicolare sinistra sfocia nella vena renale ad angolo retto, il che ostacola un adeguato ritorno venoso.

Può anche essere causato da un aumento della viscosità del sangue, che ostacola il reflusso venoso. Oppure dalla presenza di masse o linfonodi che bloccano il flusso sanguigno.

Il varicocele si verifica più spesso durante la pubertà. I testicoli hanno una crescita accelerata in quel momento, quindi richiedono più flusso sanguigno.

La diagnosi è clinica, ma può essere confermata attraverso l’imaging

Per diagnosticare il varicocele è sufficiente l’esame obiettivo. Al momento del tocco scrotale di solito si ha la sensazione di un sacco di vermi.

La persona dovrebbe essere valutata in bipedestation (in piedi) e supina (sdraiata). Il varicocele potrebbe non essere identificabile dall’esame obiettivo quando è subclinico. In tal caso, l’ecografia funziona.

A volte è palpabile, ma non visibile. E può essere palpabile con o senza manovre per aumentare la pressione intra-addominale. Cioè chiedendo al paziente di eseguire la manovra di Valsalva.

È importante tenere conto della temperatura ambiente, poiché il freddo solleva i testicoli verso l’area inguinale, rendendo difficile l’esplorazione manuale.

Se si sospetta il varicocele e non ci sono prove cliniche dopo l’esame manuale bilaterale in posizione supina, in piedi e con aumento della pressione intra-addominale, sono necessari studi di imaging. Devono mostrare il riflusso del sangue. L’ecosonografia e la venografia testicolare Doppler sono le più indicate.

Il varicocele va sempre curato?

Di solito non vengono trattati a meno che non causino dolore, crescita anormale del testicolo sinistro, analisi dello sperma anormale o problemi di fertilità. Possono essere indicati analgesici per il dolore, ma la chirurgia è il modo principale per affrontare coloro che lo richiedono.

L’intervento può essere aperto o laparoscopico. Può anche essere eseguita l’embolizzazione. Si tenta sempre di bloccare il flusso sanguigno nel plesso venoso pampiniforme.

Le complicazioni sono rare e includono le seguenti circostanze:

  • Varicocele persistente o ricorrente.
  • Idrocele (fluido intorno al testicolo).
  • Infiammazione dell’epididimo (epididimite).
  • Danno all’arteria testicolare.

Il recupero è rapido dopo l’intervento chirurgico, poiché la procedura è ambulatoriale. Il riposo dovrebbe essere mantenuto solo per 10-14 giorni. L’analisi dello sperma dovrebbe attendere da 3 a 4 mesi per confermare il miglioramento in caso di infertilità.

La procedura ha successo nella maggior parte dei casi, con evidenza di miglioramento della qualità dello sperma. Tuttavia, i seminogrammi devono essere eseguiti ogni 3 mesi per 1 anno dopo la procedura.

Analisi dello sperma in un paziente con varicocele.
Lo spermogramma può determinare un recupero della qualità dello sperma 3 mesi dopo l’intervento chirurgico.

Leggi anche: Complicazioni di varicocele: tutto quello che c’è da sapere

Il varicocele può essere reversibile

La diagnosi precoce, soprattutto durante la pubertà, e il suo trattamento in caso di sintomi, evitano gravi sequele, come atrofia testicolare e infertilità. Ecco perché uno studio dello sperma, dei valori ormonali e del volume testicolare dovrebbe essere effettuato in tutti i pazienti sospettati di avere un varicocele.

La presenza di qualsiasi alterazione è un criterio per indicarne la definitiva risoluzione chirurgica. Attualmente, le tecniche utilizzate hanno pochi effetti collaterali e un’elevata percentuale di successo.

Potrebbe interessarti ...
Noduli nei testicoli: cause e trattamenti
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Noduli nei testicoli: cause e trattamenti

Quando si parla di noduli nei testicoli, ci si riferisce alla presenza di masse nello scroto. Scopri le sue cause principali.